Messico: preso il re del cartello della droga di Juarez, Vicente Carrillo Fuentes

Arrestato in Messico Vicente Carrillo Fuentes, boss della droga a capo del cartello di Juarez.

Brillante operazione contro la criminalità e la droga in Messico. E’ stato infatti arrestato il boss del cartello della droga di Juarez, Vicente Carrillo Fuentes, per tutti “El Viceory”, ossia il Vice Re. Era a capo di una delle più sanguinose bande della zona per il controllo del territorio. Il 2 ottobre scorso era stato arrestato un altro super boss, Hector Beltran Leyva, capo di una delle più importanti organizzazioni dal 2009.

E nel febbraio scorsio, nel porto di Mazatlan, le manette erano scattate anche ai polsi di Joaquin “El Chapo” Guzman, fino a quel momento il boss più ricercato del Messico. L’annuncio dell’arresto di Carrillo Fuentes è arrivato ieri da parte della Commissione nazionale per la Sicurezza messicana. Un portavoce ha detto: “Confermiano l’arresto di Vicente Carrillo Fuentes da parte della polizia federale di Torreon”.

Il Vice Re è il fratello del leggendario “Signore dei Cieli”, nonché fondatore del cartello della droga di Juarez. Si era sottoposto a vari interventi di chirurgia plastica per sfuggire alla cattura, secondo quanto riferito dal dipartimento di Stato Usa, che aveva offerto una taglia di cinque milioni di dollari per il suo arresto.

Amado, il fratello di Vicente, era morto nel 1997; da quella data, il Vice Re aveva preso la guida del cartello, diventando attore principale nella guerra tra narcos e contro l’esercito. Una vera e propria carneficina, che ha fatto almeno 80 mila morti in Messico dal 2006 a oggi. La sua banda si è scontrata per anni con l’altra – altrettanto tremenda e potente – dei Sinaloa.

I Video di Blogo