Il decreto Ilva è legge

Il Senato approva: il Movimento 5 Stelle lascia l’aula, Lega Nord contraria, astenuta Sel.

Il decreto sull’Ilva è diventato legge con l’approvazione del Senato, nonostante l’ostruzionismo del Movimento 5 Stelle, con 206 sì, 19 no e 10 astenuti. Decreto blindato dal governo e modifiche parlamentari escluse, a causa dei tempi troppo stretti per l’approvazione che doveva necessariamente arrivare entro il 3 agosto.

Sarà quindi possibile il commissariamento di imprese di interesse strategico nazionale che comportino pericolo ambientale, partendo proprio dal commissariamento dell’Ilva, già affidato a Enrico Bondi. Voto contrario da parte della Lega Nord, mentre il Movimento 5 Stelle ha lasciato l’aula, denunciando che “più di Salva Ilva si tratta di una ammazza Taranto. Non ci permettono di apportare alcuna modifica al dl e, quindi, abbiamo deciso di abbandonare l’aula”. Astensione da parte di Sel.

Tra le modifiche più importanti che la possibilità che il commissariamento riguardi solo la parte di azienda che non ha rispettato le prescrizioni Aia (autorizzazione integrata ambientale) e non di tutta l’impresa. Oltre all’allentamento del Patto di stabilità interno della Regione Puglia per favorire le azioni di bonifica.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →