Pescara, finge di volersi confessare e ruba in chiesa

Ad incastrare il ladruncolo è stata la ricetta del metadone a lui intestata, dimenticata nella borsa rubata.


Furto in chiesa ieri pomeriggio a Pescara, messo a segno con una banale scusa. Un 24enne residente a Loreto Aprutino si è presentato intorno alle 17 nella chiesa del Sacro Cuore in pieno centro a Pescara e ha chiesto al prete se era disponibile per una confessione.

Mentre il sacerdote ha iniziato a prepararsi, il giovane è riuscito a rubare la borsa di una perpetua che stava sistemando la chiesa in vista della Messa ed è fuggito in bici col bottino.

La sua fuga è durata pochissimo. Il giovane è stato rintracciato poco dopo dagli uomini della Polfer e della Squadra Mobile mentre aveva ancora con sé i 50 euro contenuti rubati.

La borsetta, invece, è stata recuperata in un cestino dei rifiuti nei pressi della Chiesa. Il giovane se ne era liberato subito dopo il colpo, ma ha commesso l’errore di lasciarci dentro una ricetta per il metadone intestata proprio a lui.

Oltre al denaro rubato, le autorità hanno sequestrato al giovane anche una macchinetta fotografica contenente foto di estranei. Si suppone che anche quella sia stata rubata.

Il 24enne sarà processato domani per direttissima. E’ accusato di furto e violazione del foglio di via.