Bossi: “Berlusconi è ossessionato dalla giustizia”

Umberto Bossi, leader del Carroccio e ministro per le riforme è preoccupato. “È un male – dice stamane in un’intervista a Repubblica – che si sia strappata la tela del dialogo con l’opposizione. È un grosso rischio soprattutto adesso che si deve votare il federalismo”. Non vorrebbe, insomma che il nuovo clima tra maggioranza e

Umberto Bossi, leader del Carroccio e ministro per le riforme è preoccupato. “È un male – dice stamane in un’intervista a Repubblica – che si sia strappata la tela del dialogo con l’opposizione. È un grosso rischio soprattutto adesso che si deve votare il federalismo”. Non vorrebbe, insomma che il nuovo clima tra maggioranza e opposizione (“che si è creato non certo per colpa della Lega”, sottolinea) favorisse l’ostruzionismo del Pd “sulla cosa a cui teniamo più di tutto”.

Bossi, infatti, ritiene prioritario chiudere la partita del federalismo (“la ragione sociale della Lega”) ma si rende conto che al momento non è affatto possibile: “Non va bene per niente, aver lacerato la dialettica con il Pd in questa fase … è stato un errore”.

Di Silvio Berlusconi dice che è un uomo “ossessionato dalla giustizia”: “Sui magistrati, a questo giro, – spiega – Berlusconi ha ragione. Il problema è che lui poi esagera un tantino, è troppo ossessionato da queste cose, ha troppa paura di finire in galera. Mandassero me in galera, se vogliono, così la gente ha una buona ragione per fare la rivoluzione”.