Europei di Basket 2013 in tv? La Rai non compra ancora

Dopo l’attacco di Petrucci alla tv pubblica interviene il vicepresidente della Vigilanza Salvatore Margiotta.

Dal 4 al 22 settembre vedremo o no in tv le partite della nazionale italiana di basket impegnata negli Europei in Slovenia? La risposta, per adesso, a poco più di un mese e mezzo dall’inizio della competizione è ancora “no”. Già, perché la Rai al momento non è in possesso dei diritti per trasmettere i match degli azzurri.

Durante la presentazione della squadra che ieri ha iniziato ufficialmente il ritiro, il presidente della Federazione Gianni Petrucci ha duramente attaccato la tv pubblica, elogiando invece SportItalia:

“Ringrazio SportItalia senza senza la quale non avremmo visto le medaglie dell’Unger 20 e l’Europeo femminile. La Rai mi lascia basito. Il loro comportamento è offensivo, non rispondono neppure al telefono da mesi. Dicevano che l’Europeo costasse troppo inserito nel pacchetto coi Mondiali 2014, abbiamo trovato con la Fiba la possibilità di ridurre drasticamente il prezzo, ma loro sono un punto interrogativo. Andremo per la nostra strada e li faremo pentire

La Rai ha replicato dicendo che ad aprile ha avanzato una proposta all’agenzia che gestisce i diritti tv della Fiba, ma non ha ottenuto alcuna risposta. Da Viale Mazzini hanno anche detto che, visto che Petrucci non è direttamente parte in causa in questa vicenda, dovrebbe “limitare la sua esuberanza“. Il Presidente Fip però ha detto che stranamente solo dopo il suo attacco la Rai è uscita dal letargo dicendo che se ne sta interessando.

In soldoni, pare che la differenza tra la richiesta della Fiba e l’offerta della Rai sia di 100mila euro, ma al di là dei soldi, soprattutto alla luce di quanti la tv pubblica ne spende inutilmente, c’è da considerare il fatto che far vedere le partite della nazionale di basket rientra nel servizio pubblico e se la Rai non le compra, rischia di fare una pessima figura.

Sul tema oggi è intervenuto il vicepresidente della Commissione Vigilanza Rai, Salvatore Margiotta (senatore del PD) che ha detto:

“Non si possono privare milioni di italiani di un avvenimento importante come gli Europei di basket. Va trovato un equilibrio tra i costi dell’operazione e il sacrosanto diritto dei cittadini che pagano il canone. Nel caso del servizio pubblico non possono essere esclusive logiche commerciali a dettare i palinsesti anche se, nel caso dei diritti sportivi, è evidente la necessità di calmierare il mercato”

Margiotta ha poi fatto una sorta di appello ai vertici della tv di Stato affinché trovino presto una soluzione per consentire agli italiani di seguire la propria nazionale in chiaro durante gli Europei. Basterà a convincerli ad aprire il portafoglio?

Foto Alessia Doniselli