Atletica, Mondiali IPC: Annalisa Minetti oro negli 800m T11, Oxana Corso nei 100m T35

La prima medaglia dell’Italia alla rassegna mondiale paralitica in corso a Lione.

Annalisa Minetti si conferma la più forte negli 800 metri femminili per ipovedenti, la specialità (T11) in cui è detentrice del record del mondo e che non aveva potuto gareggiare alle Paralimpiadi di Londra 2012 perché non inserita nel programma della manifestazione. In quell’occasione Annalisa e il suo accompagnatore Andrea Giocondi decisero allora di disputare la gara sulla distanza più lunga dei 1500 metri (T12) ottenendo un preziosissimo bronzo.

Ai Mondiali IPC in corso a Lione, la Minetti, accompagnata dall’atleta guida Stefano Ciallella, è arrivata prima di tutte le altre stabilendo il record dei campionati con 2:21.82. L’azzurra si è piazzata davanti alla colombiana Maritza Arango Buitrago e alla ceca Miroslava Sedlackova. Prima della manifestazione in Francia, l’atleta azzurra era stata costretta a saltare l’allenamento per 50 giorni a causa di un infortunio, ma di certo lei ha dimostrato più volte di essere una che non si dà mai per vinta, è riuscita a guarire in tempo, a volare a Lione e a salire sul gradino più alto del podio con tanto di record.

Dopo il bronzo olimpico, dunque, ecco l’oro mondiale, il primo per l’Italia nella rassegna iridata a Lione.
Ecco che cosa ha detto Annalisa Minetti dopo aver conquistato la medaglia:

“Abbiamo lavorato moltissimo per essere qui. Sono venuta da un infortunio che mi ha lasciato fuori dall’allenamento per 50 giorni, sono molto felice. La mia grande motivazione e quella di Stefano sono stati i nostri figli da cui siamo stati lontani tanto tempo. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno agevolato questo percorso, noi siamo il volto del movimento paralimpico, ma dietro di noi ci sono le Fiamme Azzurre, la FISPES e il Comitato Paralimpico Italiano e io mi sento questa grande responsabilità”

Sempre a Lione, Oxana Corso, argento alle Paralimpiadi di Londra 2012 sui 100m e 200m T35, si è qualificata alla finale stabilendo il suo primato personale e record europeo che aveva ottenuto al Golden Gala di Roma (15.76), portandolo a 15.71, poi in finale ha ottenuto oro e record del mondo nei 100 metri T35. Trionfo anche per Martina Caironi nel salto in lungo categoria T42 con un salto da 4.25.

Samuele Gobbi, invece, bronzo agli Europei 2013 di Stadskanaal nei 200m T46, non ha superato la qualificazione alla finale, ma con un tempo di 23.17 ottenuto il record italiano.

Foto © FIPES

Ultime notizie su Olimpiadi

Tutto su Olimpiadi →