Arezzo, abusò nella nipote minorenne: 70enne condannato a 9 anni

L’anziano, vedovo da tempo, dovrà scontare 9 anni di carcere, il massimo della pena prevista per reati come questo.

Si è concluso ieri sera con una condanna a 9 anni di carcere il processo di primo grado nei confronti di un anziano di Sansepolcro, in provincia di Arezzo, accusato di aver abusato sessualmente della nipote ancora minorenne per quasi tre anni, da quando aveva 16 anni a quando ne aveva 19.

Gli abusi, secondo quanto emerso nel corso del processo, sarebbero cominciati in auto, quando lo zio offrì alla giovanissima un passaggio in macchina. In quell’occasione, lungo la strada che porta a Sansepolcro, il 70enne abusò nella nipote per la prima volta.

Poi, è stata la stessa vittima a raccontarlo dopo aver trovato la forza di denunciare lo zio-orco, gli abusi si ripeterono almeno in altre due occasioni, da palpeggiamenti a rapporti sessuali veri e propri.

Ieri è arrivata la sentenza: l’anziano, vedovo da tempo, dovrà scontare 9 anni di carcere, il massimo della pena prevista per reati come questo. L’uomo dovrà anche corrispondere alla giovane e alla sua famiglia una provvisionale di 40 mila in attesa che il processo civile stabilisca il risarcimento.

Come al solito sarà necessario attendere le motivazioni della sentenza per capire come vorranno comportarsi le parti coinvolte, anche se il ricorso in appello è praticamente scontato.

tribunale

I Video di Blogo