TgLa7: il sondaggio del lunedì – Cala il Pd, scende la fiducia in Monti

Quali sono le intenzioni di voto degli italiani?

di


Da qualche tempo a questa parte, il lunedì sera Enrico Mentana propone ai telespettatori del TgLa7 i risultati di un sondaggio che racconta le intenzioni di voto degli italiani se si dovesse andare alle urne subito, su un campione di 1.000 intervistati: per quel che vale, il sondaggio, riproposto di settimana in settimana, dà in qualche modo una misura dell’andamento ondulatorio della situazione politica italiana. In cui un 20% delle intenzioni di voto andrebbe a premiare, per un 20%, partiti che non sono rappresentati in parlamento (da Sel al Movimento Cinque Stelle).

Fabrizio Masia (Istituto EMG) commenta i risultati, mettendo in evidenza un altro dato che non appare nei cartelli. Ovvero il fatto che è la fiducia nel nuovo esecutivo ad aver subito un notevole ridimensionamento che, di conseguenza, premia – parliamo sempre di sondaggi e intenti, ovviamente – i partiti che, almeno nominalmente o perché, appunto, non rappresentati in aula, alla manovra Monti si oppongono:

La fiducia in Monti è “crollata”, perché è scesa di oltre 15 punti percentuali: parte dal 73% (14 giorni fa sfiorava l’80%) e arriva attorno al 55-56%, crolla in particolare all’interno dei lavoratori dipendenti, non tanto dei pensionati, e i lavoratori dipendenti sono il cuore dell’elettorato del Pd, che infatti fa registrare l’emorragia più ampia.

Naturalmente, siamo a livelli di fantapolitica, visto che di elezioni anticipate non se ne parla (per ora). Ma in un paese che ha campato per anni sui sondaggi, anche questi dati possono essere, in qualche modo, interessanti.

Sondaggio del Lunedì del TgLa7
Sondaggio del Lunedì del TgLa7
Sondaggio del Lunedì del TgLa7
Sondaggio del Lunedì del TgLa7
Sondaggio del Lunedì del TgLa7

Sondaggio del Lunedì del TgLa7
Sondaggio del Lunedì del TgLa7
Sondaggio del Lunedì del TgLa7