Grandi attentati: Akhmad Kadyrov

Ogni tanto si riparla della questione cecena, un argomento di cui in Italia si sa poco e ci si dimentica ancora più in fretta. Ci sono poco più di un milione di abitanti in questa piccola repubblica caucasica, da decenni pedina fondamentale dello scacchiere geopolitico, ed in particolare degli interessi del Cremlino. Il 9 maggio

Ogni tanto si riparla della questione cecena, un argomento di cui in Italia si sa poco e ci si dimentica ancora più in fretta. Ci sono poco più di un milione di abitanti in questa piccola repubblica caucasica, da decenni pedina fondamentale dello scacchiere geopolitico, ed in particolare degli interessi del Cremlino.

Il 9 maggio del 2004, durante una parata commemorativa per la vittoria della seconda guerra mondiale, viene assassinato il Presidente Akhmad Kadyrov; le telecamere riprendono i momenti in cui nello stadio della Dynamo Grozny esplode la mina che lo uccide, insieme al generale Valery Baranov e ad altre sei persone.

L’attentato è opera dell’ala più estrema degli indipendentisti. Al momento il figlio, Ramzan Kadyrov, è il Primo Ministro della Cecenia.

Ultime notizie su Genocidi e dittature

Tutto su Genocidi e dittature →