Palermo: 17 arresti allo Zen, villa boss Spina supermercato della droga

La villa del boss Guido Spina era un vero e proprio fortino dotato di sistemi di sicurezza di ultima generazione.

Sono 17 gli arresti eseguiti questa mattina all’alba a Palermo dagli agenti della Direzioni investigativa antimafia (Dia) in un blitz che ha visto l’impiego di oltre 100 agenti nel quartiere Zen (Zona espansione nord) in cui vivono circa 16mila persone. Le accuse mosse a vario titolo a carico degli arrestati sono di associazione mafiosa, estorsioni, traffico e spaccio di droga.

L’ordinanza di custodia cautelare ha raggiunto anche il presunto boss della cosca egemone allo Zen, il 49enne Guido Spina, ritenuto il capo dell’organizzazione che ha nello spaccio di stupefacenti la sua principale fonte di guadagno illecito secondo chi indaga, senza tralasciare comunque la riscossione del pizzo, preteso dai gestori delle attività commerciali della zona.

Spina, sempre secondo le indagini, era anche il cassiere della famiglia mafiosa dello Zen, gestiva la cassa della cosca, provvedendo anche al mantenimento degli affiliati al clan detenuti in carcere.

La villa del boss, nel cuore del popoloso quartiere palermitano, è stata descritta dagli investigatori come un vero e proprio fortino dotato di sistemi di sicurezza di ultima generazione, audio e video.

Sì perché le telecamere e gli altri marchingegni elettronici di cui l’abitazione è stata attrezzata servivano proteggere il supermercato della droga all’ingrosso e dettaglio allestito all’interno della villa. Per rendere l’idea quella sgominata era una catena di montaggio dello spaccio in cui, spiegano gli inquirenti, erano impegnati tutti componenti della famiglia Spina.

(Nel video in alto: “Zen, la delinquenza delle istituzioni” – reportage di Live Sicilia, gennaio 2013)

I Video di Blogo

Ultime notizie su Mafia

Tutto su Mafia →