Altamura (Bari): Francesco Camisa ucciso davanti a moglie e figlio

Il pregiudicato 27enne è stato ucciso da un sicario dal volto coperto che si è introdotto in casa.

Il killer suona alla porta, un bambino di due anni apre e il sicario ammazza il suo obiettivo, padre del bambino, entrando a volto coperto e mano armata in camera da letto. Sembra questa la dinamica, piuttosto bizzarra per la verità, dell’esecuzione di Francesco Camisa, sorvegliato speciale 27enne con precedenti per droga.

Il delitto è avvenuto nella serata di lunedì ad Altamura in provincia di Bari. L’assassino indossava un passamontagna e, dopo essere entrato in casa senza difficoltà, ha cercato la sua vittima nell’appartamento al terzo piano di una palazzina di Piazza Alberto Dalla Chiesa: Camisa era seduto in camera da letto, al computer. Alcuni colpi di pistola calibro 7,65 non gli hanno lasciato scampo.

L’aspetto più agghiacciante della vicenda è che tutta la scena di sangue si è svolta sotto gli occhi della moglie, incinta di cinque mesi e del figlio della coppia, un piccolo di soli due anni. Il sicario si è allontanato a piedi senza essere riconosciuto.

Sul luogo sono poi giunti in forze Polizia e Carabinieri, oltre al magistrato di turno. I sanitari che hanno constatato la morte di Camisa hanno soccorso la moglie in comprensibile stato di agitazione.

La vittima era sottoposta al regime di sorveglianza speciale (che, non tragga in inganno il nome della misura, non comporta alcuna tutela, ma anzi è una limitazione della libertà di movimento riservata a delinquenti abituali).

I Video di Blogo