Busto Arsizio: 48enne uccide l’anziana zia con 80 coltellate

Sul volto dell’85enne il nipote aveva messo un cuscino per impedire che la donna urlasse.

di remar

Delitto in casa nel varesotto, dove ieri sera S.I., 48enne del posto, ha ucciso l’anziana zia con cui abitava in un appartamento a Busto Arsizio. Dopo l’omicidio l’uomo è uscito di casa per andare a costituirsi presso il locale commissariato di polizia.

L’assassino reo confesso è un pregiudicato secondo le prime informazioni ed ha ammesso di aver ucciso la zia, di 85 anni, a colpi di coltello e forbice mentre la donna era distesa nel suo letto. L’uomo è stato subito posto in stato di fermo con l’accusa di omicidio aggravato.

Quando gli agenti del commissariato di Busto Arsizio si sono recati presso l’abitazione in cui si è consumato il delitto si sono trovati di fronte a quella che non hanno esitato a definire una “scena agghiacciante”: il cadavere dell’anziana donna giaceva in un lago di sangue, trafitto da qualcosa come 80 coltellate.

Sul volto dell’85enne il nipote aveva appoggiato un cuscino per impedire che la donna urlasse attirando l’attenzione dei vicini. Il movente dell’efferato omicidio? Agli investigatori l’uomo ha detto di aver massacrato la zia perché era ormai “esasperato” dalle continue richieste di assistenza dell’anziana.

(in aggiornamento)

Delitto Busto arsizio

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo