Delitto Sacher, perizia per le due minorenni: “erano incapaci di intendere e di volere”

Le due minorenni a processo per l’omicidio di Mirco Sacher non erano capaci di intendere e di volere.

Le due minorenni a processo per l’omicidio di Mirco Sacher, l’ex ferroviere di 66 anni ucciso lo scorso 7 aprile in un campo alla periferia di Udine, non erano capaci di intendere e di volere al momento del delitto.

Lo hanno stabilito lo psichiatra Mario Novello, responsabile del dipartimento di salute mentale dell’Ass Medio Friuli, e la psicologa Erika Jakovcic, incaricati dal Tribunale dei Minorenni di eseguire la perizia sulle due giovani accusate di omicidio volontario.

Quel 7 aprile dello scorso anno, rivelano i due periti, le 15enni si trovavano

in una condizione di profonda immaturità, con una sofferenza priva di rappresentazione, che le rendeva incapaci di intendere e di volere.

Un’incapacità momentanea che non influirà in alcun modo sullo svolgimento del processo, in corso a Trieste con rito abbreviato:

Attualmente hanno la capacità di partecipare coscientemente al procedimento e non sono socialmente pericolose.

Le indagini peritali, scrive oggi il Messaggero Veneto, sono state eseguite contemporaneamente su entrambe le imputate

attraverso la somministrazione di test psicologici e la valutazione di numerosi aspetti essenziali del loro percorso di vita, ivi compreso il rapporto con la vittima, in buona sostanza, i professionisti hanno concluso escludendo che le due amiche, al momento dei fatti, potessero avere una piena consapevolezza delle loro azioni.

Mirco Sacher, lo ricordiamo, fu trovato morto in un campo di via Buttrio, alla periferia di Udine, il 7 aprile 2013. Le due minorenni, rintracciate il giorno successivo nella stazione di Venezia Mestre, provarono a sviare le indagini, ma alla fine ammisero le proprie responsabilità, finendo per essere accusate di omicidio volontario.

La perizia medico-legale eseguita sul corpo di Sacher confermò il decesso per asfissia da strozzamento, con contemporaneo schiacciamento dell’addome e del torace: il pensionato cadde a terra e le due giovani, secondo la perizia, gli saltarono addosso con le ginocchia, schiacciandolo.

tribunale piacenza

Il processo prosegue.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →