Spunta la “tassa sui defunti”: ddl al Senato

L’hanno già ribattezzata la tassa sui morti. Secondo il disegno di legge di Disciplina delle attività funerarie si dovrà applicare l’Iva al 10% sui servizi funerari.

L’hanno già ribattezzata la tassa sui morti. Secondo il disegno di legge di disciplina le attività funerarie, in questi giorni all’esame della Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato, si dovrà applicare l’Iva al 10% sui servizi funerari, fino a oggi esenti oltre a dover pagare addirittura “l’affitto” della tomba, cioè a dire un contributo su base annua che dovrebbe aggirarsi sui 30 euro e che dovrebbe servire a finanziare la vigilanza da parte delle aziende locali. Con la conseguenza di far aumentare i costi di un funerale anche di 200 euro.

Tassa sui morti: costi funerali +200 euro

A denunciare la situazione è il presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino Francesco Luongo:

Se fosse uno scherzo, sarebbe di cattivo gusto. Purtroppo non lo è: alla vigilia del prossimo 2 novembre, giorno in cui si celebrano i defunti, ci troviamo a dover denunciare l’arrivo di una incredibile “tassa sui morti”.

Tra gli effetti previsti dell’entrata in vigore della cosiddetta tassa sui morti, secondo il presidente dell’associazione ci sarebbe:

la riduzione delle agenzie funebri presenti sul territorio in quanto si stabilisce che le imprese che organizzano più di 300 funerali l’anno (fino a 1000) dovranno avere almeno 3 mezzi di proprietà, 6 dipendenti assunti a tempo indeterminato e un direttore tecnico, mentre quelle che organizzano più di 1.000 funerali dovranno possedere 4 carri funebri e avere 12 dipendenti.

Per Luongo infatti le imprese di pompe funebri che

non si adegueranno alle nuove norme saranno inesorabilmente costrette a chiudere o a essere assorbite da altre imprese più grandi. Tutto questo comporterà inevitabilmente un aumento dei costi dei funerali e del mantenimento dei loculi e cappelle in cui sono sepolti i nostri cari estinti. Se un funerale tipo, ad esempio, oggi costa in media 2.000 euro, con la nuova norma la spesa aumenterà a 2.200 euro.

Inoltre il suddetto ddl prevede l’obbligo per i Comuni di destinare il 20% della Tasi incassata ai cimiteri monumentali per “coprire i loro costi”.

Ultime notizie su Tasse

Tutto su Tasse →