Romanorum: il romano spiegato ai romani. “Fare il portoghese”

Romanorum: il romano spiegato ai romani. “Fare il portoghese”


Nella puntata precedente di Romanorum vi abbiamo raccontato la storia di un alternativa al termine ‘gratis’: proseguiamo in quella direzione, anche se la frase di cui parliamo oggi prevede che lo ‘scrocco’ sia praticato in maniera intenzionale… “Fare il portoghese” è ormai un’espressione di uso comune, ma nasce tra le mura capitoline.

Si usa per indicare chi ottiene un servizio (o un ingresso in qualche luogo) senza pagare e viene da un fatto storico che risale alla Roma del XVIII secolo. Per festeggiare l’invito a visitare lo Stato Pontificio, l’ambasciatore del Portogallo decise di offrire ai suoi compatrioti la visione gratuita di uno spettacolo al Teatro Argentina. Nelle ingenue intenzioni dell’ambasciatore, sarebbe bastato presentarsi all’ingresso e dichiarare la propria nazionalità. Ovviamente molti romani colsero l’occasione e si finsero portoghesi per entrare. Il caos che si generò in seguito fu tale che diede poi vita a questa espressione.