Tri Nations 2008 – Nuova Zelanda – Sud Africa 19-8

Basta una meta e il piede perfetto di Dan Carter alla Nuova Zelanda per portare a casa la partita d’esordio del Tri Nations 2008 e per riconquistare il primo posto nel ranking mondiale. Un buon Sud Africa resiste un tempo, grazie al solito Habana, ma deve cedere ai padroni di casa, decisamente più forti questa

Basta una meta e il piede perfetto di Dan Carter alla Nuova Zelanda per portare a casa la partita d'esordio del Tri Nations 2008 e per riconquistare il primo posto nel ranking mondiale. Un buon Sud Africa resiste un tempo, grazie al solito Habana, ma deve cedere ai padroni di casa, decisamente più forti questa mattina.

La difesa degli Springboks si dimostra solida, mentre l'attacco riesce più volte a perforare il muro dei tuttineri, anche se, alla fine, si conterà soltanto la meta messa a segno nel finale del primo tempo da Brian Habana. Per il resto è tutto Dan Carter. L'apertura neozelandese si dimostra ancora una volta il più forte al mondo, gestendo il gioco come un metronomo e colpendo dalla piazzola ben cinque volte, per un totale di 14 punti che valgono la vittoria.
Come detto, il Sud Africa non ha demeritato e la meta di Habana è un esempio di gioco collettivo e velocità. Una doppia arma che può mettere in difficoltà questa Nuova Zelanda, che per il resto sembra di un'altra categoria. A fare la differenza tra le due squadre sono stati i primi minuti della ripresa. Dopo un primo tempo equilibrato e conclusosi 9-8 per gli All Blacks, è Kaino a realizzare la sua prima meta con la maglia della Nuova Zelanda e, con la trasformazione di Carter, crea il gap tra la propria squadra e gli Springboks che decreta la vittoria finale.

Appuntamento tra una settimana con la rivincita tra All Blacks e Springboks.