Benevento: arrestato il prefetto Ennio Blasco

L’accusa è di corruzione: il prefetto avrebbe agevolato l’attività dei fratelli Buglione, imprenditori del settore della vigilanza, in cambio di viaggi altre utilità.

    Aggiornamento ore 14:27. A differenza di quanto battuto dalle agenzia stampa nell’immediatezza degli arresti, le ordinanze di custodia cautelare riguardano oltre al prefetto di Benevento Ennio Blasco, i fratelli Carmine e Carlo Buglione e il cognato di quest’ultimo Erasmo Caliendo che avrebbe gestito i rapporti con Blasco. Antonio Buglione invece risulta “solo” indagato, per lui nessuna misura restrittiva.

Ennio Blasco, prefetto in carica di Benevento, è stato arrestato questa mattina con altre tre persone per l’accusa di corruzione. Il rappresentate del governo presso il capoluogo campano è stato posto ai domiciliari. Con lui sono finiti in manette tre fratelli imprenditori, Carmine, Carlo e Antonio Buglione, del nolano, che lavorano nel settore della vigilanza privata.

Gli arresti sono stati eseguiti dalla Fiamme gialle di Napoli sotto il coordinamento della procura della Repubblica di Avellino dopo accurate indagini relative a sospetti episodi di corruzione relativi a certificazioni antimafia di imprese di vigilanza privata. Certificazioni che il prefetto Blasco avrebbe fatto ottenere agli imprenditori in questione quando era prefetto di Avellino.

I Buglione sarebbero stati agevolati dal prefetto nell’apertura di filiali della loro attività di vigilanza nelle zone in cui il prefetto si trovava a svolgere le proprie funzioni. Ennio Blasco è stato viceprefetto di Napoli, poi prefetto di Isernia, Avellino e appunto di Benevento. Secondo i pm avellinesi l’alto funzionario pubblico in cambio del suo interessamento avrebbe ricevuto gioielli viaggi e altre utilità.

Ricordiamo che uno dei fratelli Buglione (Antonio) arrestati oggi fu vittima nel 2010 di un rapimento lampo compiuto da una banda sarda. Le indagini della Gdf presero le mosse allora, per capire se e come fosse stato pagato un riscatto.

Blasco è stato a capo della prefettura di Avellino tra gennaio 2008 e marzo 2012, poi è passato a ricoprire lo stesso incarico a Benevento. Il funzionario nel 2001, quando era viceprefetto a Napoli, era stato già arrestato insieme al prefetto Giuseppe Romano, finendo pure per in carcere, nell’ambito di un’inchiesta sul sistema delle autodemolizioni. Poi però venne assolto da ogni accusa.

I Video di Blogo

Rai 1 – Promo natalizio “L’anno che verrà” – 31 Dicembre 2016 (HD720/50p)