Torre Boldone, Gaia Caffiero trovata morta in un torrente di Botta di Sedrina

La 18enne era scomparsa giovedì pomeriggio 10 aprile.

Gaia Caffiero, la ragazza di 18 anni che era scomparsa da Torre Boldone (in provincia di Bergamo) ieri, giovedì 10 aprile, è stata ritrovata oggi, purtroppo senza vita, in un torrente a Botta di Sedrina.

Il corpo è stato recuperato dopo che è stata trovata la Vespa di colore azzurro su cui la giovane si era allontanata da casa senza dire nulla alla madre. Era uscita di casa giovedì pomeriggio e non aveva dato alcuna spiegazione. Non aveva con sé né soldi, né documenti, né cellulare e la mamma Patrizia e la sorella Corinne si erano subito rivolta ai carabinieri per denunciarne la scomparsa.

Su Facebook era stato pubblicato un annuncio in cui veniva specificato che al momento in cui era uscita di casa Gaia indossava “un giubbettino leggero beige di Liu Jo e dovrebbe avere delle scarpe rosse” ed era a bordo della sua Vespa 50 azzurra targata X3SRPK.

La madre era preoccupata anche perché Gaia aveva problemi di salute e quando è uscita non ha portato con sé le medicine.
Il cadavere è stato trovato verso le 20 di venerdì 11 aprile dai Vigili del Fuoco in un torrente a Botta di Sedrina, poco distante dalla Vespa dove sono arrivati anche i carabinieri della compagnia di Zogno.

Gaia doveva ancora compiere 19 anni e frequentava l’istituto Leonardo Da Vinci. Anche i suoi compagni di classe sono stati ascoltati per cercare di capire che fine potesse aver fatto. Ora che è stata ritrovata morta soltanto l’autopsia potrà svelare come e perché è morta. Pure il sindaco di Torre Boldone, Claudio Sessa, aveva lanciato un appello chiedendo aiuto nelle ricerche.

Dal suo profilo su Facebook, Gaia sembrava una ragazza allegra e tranquilla, molto innamorata del suo cagnolino bianco, anche se ogni tanto pubblicava citazioni di canzoni tristi e frasi criptiche come:

“Dicono che è vero, sì, ma anche fosse vero non sarebbe giustificazione per non farlo più”

“Siamo fatti per sbagliare e poi tornare indietro e desiderare sempre quello che sta dietro al vetro”

Foto © Facebook

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →