Scalea, uccide il compagno e tenta di togliersi la vita

Maria Mascetti è stata condotta in ospedale per essere medicata e ha confessato il delitto. E’ stata fermata con l’accusa di omicidio.


Tragedia in famiglia in un appartamento del complesso Parco Scalea 2000 di Scalea, in provincia di Cosenza. Nel tardo pomeriggio di ieri, al culmine di una lite, Maria Mascetti, 68 anni, ha ucciso a coltellate l’anziano compagno, Giuseppe Ronco, 75 anni, uccidendolo.

La donna, secondo quanto ricostruito, ha colpito Ronco e ha chiamato i carabinieri per chiedere aiuto. All’arrivo dei militari l’uomo era già deceduto, mentre Mascetti è stata ritrovata nel suo appartamento – i due vivevano nello stesso condominio, in due appartamenti diversi – in stato confusionale e con ferite all’addome, a quanto pare provocate dalla stessa arma usata per l’omicidio.

Già nel 2011, si apprende da fonti investigative, Ronco era stato aggredito dalla compagna a martellate e aveva riportato ferite lievi. I due, entrambi separati e originari di Torino, avevano una relazione tormentata da una decina di anni.

Maria Mascetti è stata condotta in ospedale per essere medicata e ha confessato il delitto. E’ stata fermata con l’accusa di omicidio.