Vibo Valentia, evasione fiscale: sequestrati beni per 2 milioni

Provvedimento a carico dell’amministratore unico di una società di Pizzo Calabro che avrebbe evaso tasse per 3,2 milioni.

Blitz della Guardia di finanza di Vibo Valentia che questa mattina ha sequestrato beni per 2 milioni di euro riconducibili all’amministratore unico di una società di Pizzo (VV) attiva nel settore del rimessaggio e della cantieristica navale. Tra i beni oggetto del sequestro ci sono auto, immobili e conti correnti.

Dopo tutti gli accertamenti e in base ai calcoli fatti dalle fiamme gialle le tasse evase nel periodo 2009-2013 dal destinatario del provvedimento patrimoniale sono pari a imposte sui redditi per oltre 3 milioni e più di 200mila euro di Iva.

L’amministratore è stato denunciato per dichiarazione infedele e omessa dichiarazione. A emettere i provvedimenti di sequestro è stato il tribunale di Vibo dopo le verifiche fiscali sulle imposte dirette e sull’Iva da cui sono saltate fuori varie violazioni amministrative e penali.

L’attività investigativa avrebbe portato all’acquisizione di elementi di prova tali da richiedere e ottenere dal gip di Vibo i decreti di sequestro preventivo che sono finalizzati alla confisca anche “per equivalente” dei beni nella disponibilità dell’indagato. L’inchiesta è stata coordinata dagli inquirenti della procura di Vibo Valentia.

(Nel video: Sequestro di beni per evasione fiscale – Vibo Valentia, luglio 2013)

© Foto TMNews – Tutti i diritti riservati