Barbara Pagin: il gip Nicola Clivio conferma il fermo dell’investitore ubriaco

Resterà in carcere l’investitore che nella notte di sabato scorso a Bresso, alla periferia nord di Milano, ha centrato in pieno la macchina sulla quale viaggiava Barbara Pagin, studentessa diciassettenne a bordo della vettura coinvolta nello schianto nei pressi di via VillaA fare i rilievi sono arrivati i carabinieri della stazione locale e della compagnia


Resterà in carcere l’investitore che nella notte di sabato scorso a Bresso, alla periferia nord di Milano, ha centrato in pieno la macchina sulla quale viaggiava Barbara Pagin, studentessa diciassettenne a bordo della vettura coinvolta nello schianto nei pressi di via Villa

A fare i rilievi sono arrivati i carabinieri della stazione locale e della compagnia di Sesto San Giovanni. «L´auto – spiega un investigatore – andava a velocità sostenuta». Sulla Opel di Stefano P. viaggiavano in cinque: lui, il fratello, un cugino, altri due amici, tutti di età compresa tra i 20 e i 24 anni. Dopo aver trascorso la serata in un pub, due birre e qualche drink, rientravano verso Milano. Il test alcolemico ha inchiodato il guidatore, 1,6 grammi per litro contro il limite di 0,5. Non poteva guidare

Il gip Nicola Clivio ha convalidato l’arresto di Stefano P., il ventiquattrenne milanese che completamente ubriaco e alla guida della sua Opel Corsa ha causato, superando un autobus e alcune auto ferme in coda, l’ennesima tragedia della strada. La data del funerale della ragazza non è stata ancora fissata, ma si svolgerà nella Chiesa di San Carlo a Bresso.

Foto | Flickr