Basket | Toti aggredito in tribuna? Un video scagiona i tifosi senesi

Alta tensione sulle tribune del PalaEstra, durante gara 4 della finale scudetto. Il presidente della Virtus Roma, Claudio Toti, battibecca con i tifosi senesi.

di antonio

La Montepaschi Siena ha vinto la quarta gara della finale scudetto contro Roma portandosi sul 3-1. E’ stata una partita equilibrata in cui però, ancora una volta, la maggiore freddezza dei toscani nei minuti finali ha fatto la differenza. Non sono mancati gli episodi arbitrali contestati, tra cui un fallo antisportivo fischiato a D’Ercole sul 33-30 (qui la cronaca completa del match) per i padroni di casa che ha fatto infuriare il presidente della Virtus Roma, Claudio Toti. Il numero uno capitolino si alza e protesta dalla tribuna mentre il pubblico senese, alle sue spalle, lo ricopre di deprecabili insulti. Si scatena un piccolo parapiglia, ma dal video in questione sembra proprio Toti il più esagitato (forse esasperato dalle parolacce al suo indirizzo), gesticolando con le braccia e colpendo leggermente un paio di tifosi.

La zuffa viene sedata e Toti abbandona la propria postazione per seguire in panchina, accanto ai giocatori, il seguito del match. A fine partita Toti, intervistato dalle televisioni, attacca duramente l’operato degli arbitri e promette “vendetta sportiva” all’indirizzo della Montepaschi Siena:

“Credo che questa non è parità competitiva, non siamo rispettati, usciamo da qua nella convinzione che stiamo subendo un ennesimo torto come quelli che abbiamo già subito nel passato. Credo questo non sia più sport, devo riflettere seriamente se continuare a investire: non mi sento tutelato e questo mi fa molto pensare che forse deve cambiare qualcosa, in maniera radicale: la Federazione, la Lega… Così non si può andare avanti. Ne parlerò con Petrucci, l’ho chiamato questa sera e gli ho chiesto di incontrarci rapidamente. La serie? Posso solo dire che sono convinto che Siena a Roma non festeggia lo Scudetto”.

Più cauto il coach della Virtus, Marco Calvani, anche se il tema arbitrale resta l’argomento della serata in casa romana:

“Onestamente vorrei giocarmela ad armi pari: strano che una squadra così dura, determinata e forte difensivamente come Siena nell’ultimo quarto riesca a fare il terzo fallo solo a un minuto e mezzo dalla fine. Dopo che nei primi due quarti avevamo tirato col 68% da due punti cercando l’uno contro uno come nel resto della stagione, nel secondo tempo abbiamo racimolato solo 7 tiri liberi, due nell’ultimo quarto. Mi riguarderò con grande interesse e attenzione tutte le situazioni di contatti per capire in profondità dove sono le nostre mancanze…Indubbiamente noi abbiamo la necessità che tutti tengano un livello prestazionale alto. La mia squadra sta in campo in maniera egregia e credo che l’abbia dimostrato anche stasera, non ho visto un dominio di Siena. Sono molto fiducioso che a Roma se riusciamo a essere nella stessa situazione, noi vinciamo tranquillamente, senza nessun problema”.

Dall’altra parte Luca Banchi, tecnico di Siena, gongola per i 3 match point a disposizione:

“E’ stata una gara intensa sullo stile delle precedenti, le condizioni sono quelle che sono. Anche per il molto caldo, la qualità ne soffre. Ma non abbiamo ancora vinto nulla: siamo 3-1 ma ci aspetterà una gara difficile a Roma. Abbiamo giocato 18 partite di playoff, cominciamo ad accusare molta fatica. Ma devo lodare tutti i miei, perché alla fine nonostante tutto questo siamo riusciti a vincere ancora con l’impulso giusto nei minuti finali”.

I Video di Blogo