Veritometro: Podestà, l’abolizione delle Province e la città metropolitana di Milano

Abolizione delle province sì, ma Milano ha bisogno della città metropolitana: ecco l’accordo di Podestà e Pisapia

“Milano è la città in Italia che più ha la vocazione a essere governata a livello metropolitano.”


Guido Podestà, Presidente della Provincia di Milano (PdL), 6 settembre 2011

Scopri perchè dopo il salto

Abolizione delle Province: a giudicare dalle news che arrivano dal Consiglio dei Ministri, sarebbe (quasi) fatta. E’ stato approvato infatti un ddl costituzionale che, secondo Repubblica, prevede che:

Ci sarà un trasferimento alle Regioni delle materie oggi di competenza delle Province e una modifica sostanziale dell’assetto amministrativo dello Stato, sostituendo le vecchie Province con delle nuove entità sovraccomunali definite Città metropolitane

E proprio per discutere di città metropolitana si sono incontrati qualche giorno fa Giuliano Pisapia, neo-sindaco di Milano di centrosinistra, e Guido Podestà, berlusconiano di ferro e Presidente della Provincia di Milano. Secondo il primo cittadino meneghino:

“Abbiamo già trovato un percorso comune e convocheremo tutti i sindaci della città metropolitana. E’ stato un incontro molto importante. Abbiamo creato le condizioni perché la città metropolitana parta realmente, in modo che in tempi ragionevolmente brevi si possa arrivare a far sì che ci sia una città metropolitana di fatto, per poi a arrivare, noi auspichiamo già nel 2016, a una città metropolitana di diritto»

Podesta ha confermato:

«Se ne parla da tanto tempo, abbiamo deciso di smettere di parlare e di agire. È nell’interesse di tutti. Milano è la città in Italia che più ha la vocazione a essere governata a livello metropolitano. Sentiamo il dovere di dare concretezza a una esigenza assoluta, che i cittadini misureranno dal punto di vista di migliori servizi e meno soldi spesi».

Il Presidente della Provincia ha ragione: Milano ha da tempo un disperato bisogno di essere amministrata ad un livello territoriale coerente con quella che è la dimensione della sua vastissima area metropolitana.


Come scriveva su queste pagine Marco già nel 2008, l’abolizione del livello intermedio di governo locale è in alcuni casi – come quello del milanese – la soluzione più sbagliata. Meglio concentrare le funzioni di Comuni e Provincia in una nuova entità (la città metropolitana) dotata di maggiori poteri e capacità intervento.

Se ne è accorto anche l’OECD, che nella sua “Territorial Review” del 2006 consigliava a Milano di dotarsi di un ente di governo metropolitano, senza il quale la risoluzione di alcuni problemi che affliggono la città (come il traffico e i trasporti) è ad oggi praticamente impossibile.

Insomma era già evidente a molti, e da tempo, che “Milano è la città in Italia che più ha la vocazione a essere governata a livello metropolitano”. Ora che se ne sono resi conto anche Pisapia e Podestà, festeggiamo l’evento con un veritometro di polisblog con la lancetta puntata sul verde.

Ultime notizie su Legge di Bilancio

Tutto su Legge di Bilancio →