Running – Consigli nutrizionali: l’importanza dei grassi

Nessun macroalimento è dannoso di per sè. I grassi in particolare, tanto bistrattati nelle diete fai da te, rivestono un ruolo importantissimo nell’alimentazione, in modo particolare per chi corre, visto che che sono la forma in cui viene immagazzinata la maggior parte delle riserve energetiche del nostro organismo. Il loro uso va comunque limitato e

Nessun macroalimento è dannoso di per sè.
I grassi in particolare, tanto bistrattati nelle diete fai da te, rivestono un ruolo importantissimo nell’alimentazione, in modo particolare per chi corre, visto che che sono la forma in cui viene immagazzinata la maggior parte delle riserve energetiche del nostro organismo.
Il loro uso va comunque limitato e la tipologia di grasso che accompagna i nostri piatti va scelta con cognizione di causa.

Al di là di alcune differenze comunque i grassi sono tutti indispensabili in una dieta che si voglia dire bilanciata e dovrebbero costituire il 25-30% dell’apporto calorico giornaliero. Il problema è che è facile non far quadrare questo bilancio energetico poichè sono una fonte molto concentrata (9 kcal per grammo), per esempio un cucchiaio di olio di troppo nell’insalata ogni giorno per 6 mesi e la forma va a farsi benedire.

I grassi alimentari vengono normalmente ingeriti sotto forma di trigliceridi e vengono classificati in saturi e insaturi; i primi sono presenti nei grassi di origine animale, si presentano allo stato solido e possono essere causa di aumento del colesterolo; i secondi sono presenti nei grassi di origine vegetale.
I grassi insaturi a loro volta si dividono in grassi monoinsaturi, con attività ipocolesterolemizzante e molto presenti nell’olio di oliva, e grassi poinsaturi, presenti nel pesce.
Alcuni acidi grassi polinsaturi inoltre, come l’acido linoleico, sono detti “essenziali” perchè non vengono sintetizzati dall’organismo e se non si vuole incorrere in carenze dannose per l’organismo bisogna introdurli con l’alimentazione.

Una dieta equilibrata dovrebbe includerli tutti, in percentuali abbastanza definite, 10-12% saturi, 4-5% polinsaturi, 12-15% monoinsaturi, in totale circa il 30% dell’apporto calorico giornaliero.

Il ruolo dei grassi è vario ma volendo essere schematici:

  • Sono, come già detto, il principale deposito delle nostre riserve energetiche.
  • Rivestono un loro ruolo primario nelle funzioni di tutte le cellule, in particolar modo a livello della membrana.
  • Nella fase dello sviluppo sono molti importanti a livello cerebrale.
  • Sono un veicolo per le cosiddette vitamine liposolubili (A e D)