Vince Weiguang Li, il killer del bus in Canada è accusato di cannibalismo. La trasmissione radio degli agenti canadesi.

L’assassino dell’autobus in Canada di cui abbiamo parlato pochi giorni fa si chiama Vince Weiguang Li ha 40 anni ed originario della Cina, è residente ad Edmonton, Alberta. La sua vittima il 22enne Tim McLean che gli sedeva accanto in un autobus della Greyhound diretto verso Winnipeg, a Manitoba. Ha sferrato verso il giovane 40

di fabio

L’assassino dell’autobus in Canada di cui abbiamo parlato pochi giorni fa si chiama Vince Weiguang Li ha 40 anni ed originario della Cina, è residente ad Edmonton, Alberta. La sua vittima il 22enne Tim McLean che gli sedeva accanto in un autobus della Greyhound diretto verso Winnipeg, a Manitoba. Ha sferrato verso il giovane 40 coltellate per poi decapitarlo, ma ora c’è qualcosa in più.

Nell’esclusiva trasmissione radio che vi proponiamo dopo il salto per la sua crudezza, gli agenti della RCMP Canadese – le Giubbe Rosse – descrivono il sospettato chiamandolo “Badger” che si muove attorno al bus con un coltello ed un paio di forbici, mentre armeggia con il corpo della vittima. “Badger is armed with a knife and a pair of scissors and he is defiling the body at the front of the bus as we speak”, si sente nella prima parte della comunicazione.

Nella registrazione di circa 80 secondi, rimossa su molti siti dalle autorità canadesi – ma non ancora da LiveLeak – si può ascoltare sul finale un agghiacciante particolare che descrive episodi di cannibalismo.

“Okay, Badger’s at the back of the bus, hacking off pieces and eating it”, Badger – Weiguang Li – è dietro al bus mentre taglia via pezzi del cadavere per poi mangiarli, la trasmissione si conclude.

Qui sopra il documento della conversazione tra gli agenti canadesi corredato da immagini in alcuni tratti un po’ inutili e forti. L’importante è l’audio, di cui abbiamo riportato la trascrizione dei momenti più importanti.

Come spesso accade gli amici hanno descritto Vince Weiguang Li come una persona calma e riservata, che stava svolgendo il suo lavoro in Canada per imparare l’inglese. Nell’aula del tribunale ha sempre tenuto la testa bassa ed un comportamento placido, facendo cenno di sì e di no alle domande dei giudici. Domani ci sarà l’udienza ed è probabile che l’assassino venga sottoposto a perizia psichiatrica per dichiararne l’infermità mentale.

Via | Corriere Canadese e Yahoo Canada