Crisi, Schifani scende da Marte e “scopre” i costi della politica

La crisi incalza come lo tsunami dopo un terremoto, specie in Italia, dove davanti ai problemi economici sovrasta come un macigno il nodo politico. La questione politica è oggi il cuore del problema e non può essere separata dalla crisi. Si chiede il segretario del Pd Pier Luigi Bersani: “Come mai in Portogallo, Irlanda, Grecia

La crisi incalza come lo tsunami dopo un terremoto, specie in Italia, dove davanti ai problemi economici sovrasta come un macigno il nodo politico. La questione politica è oggi il cuore del problema e non può essere separata dalla crisi.

Si chiede il segretario del Pd Pier Luigi Bersani: “Come mai in Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna, a modo loro, hanno cambiato il Governo? C’è un tema di fiducia a livello internazionale che riguarda la possibilità di chiamare il maggior numero di forze a contribuire”.

C’è un problema di leadership e c’è un problema di credibilità di tutta la politica, che non riguarda solo i costi, anche se adesso, con la fifa che sale, nel Palazzo si fa a gara nel volere usare la scure sugli sprechi ecc.

L’ultimo in ordine di apparizione è Renato Schifani per il quale: “L’intervento sui costi della politica è necessario per dare un segnale al Paese”. Dice il presidente del Senato: “Si è fatto e si può fare di più, si farà di più, riguardo non soltanto al palazzo e al Parlamento ma alla politica del territorio, alle partecipate, alle superconsulenze C’è molto da fare, secondo me, se si vuole, ed è giunto il momento di farlo”.

Schifani fa politica da decenni: dov’è stato fino ad oggi? Vergogna!