La settimana dei Municipi: il ripristino della legalità

A dare un’occhiata a quanto accaduto questa settimana nei 19 Municipi romani, la nostra città sembrerebbe una realtà in cui tutto si muove nel segno della legalità e dove, non appena si esce da questo solco, ecco pronta l’amministrazione che immediatamente s’impegna a far tornare tutto nel ‘seminato’.Guardate cos’è accaduto nel Municipio XII, ad esempio,

A dare un’occhiata a quanto accaduto questa settimana nei 19 Municipi romani, la nostra città sembrerebbe una realtà in cui tutto si muove nel segno della legalità e dove, non appena si esce da questo solco, ecco pronta l’amministrazione che immediatamente s’impegna a far tornare tutto nel ‘seminato’.

Guardate cos’è accaduto nel Municipio XII, ad esempio, grazie all’intervento della squadra del decoro urbano nella zona di Fonte Laurentina per il recupero del verde cittadino: si è addirittura reso necessario l’uso di decespugliatori!

Restauri e ripristini, sempre nello stesso Municipio, un largo Sergi, quartiere Tre Pini-Mezzocammino dove per facilitare i lavori è stato spostato il mercato. Riqualificazione al via anche nel Municipio XI, nell’area di Giustianiano Imperatore, in particolare intorno a Villa di Lucina dove sono stati abbattuti alcuni edifici e ristrutturati quelli inclinati.

Dicono basta al degrado e all’abbandono delle case di proprietà del Campidoglio nel Municipio VI, a Villa Gordiani, dove l’iniziativa in favore delle case popolari viene intrapresa dall’Api che se ne farà carico nelle opportune sedi istituzionali.

E poi c’è il solito nodo degli insediamenti abusivi: questa settimana ne sono stati smantellati due, uno in via Lucrezia Romana, Municipio X, che ha portato all’identificazione di quattro persone con precedenti penali, e l’altro nel Municipio IV, dove erano attive due occupazioni da parte dei Centri sociali e di Casapound.

Lo sgombero di un accampamento nel Parco regionale del Pineto, inoltre, è stato particolarmente complicato, non foss’altro perché ha richiesto la collaborazione di due amministrazioni, quella del Municipio XVIII e del Municipio XIX: se l’area verde, infatti ricade nella competenza di quest’ultimo, nel primo ricadono tutti i quartieri limitrofi. Tra i nomadi fati sloggiare sono stati identificati in otto.

La legalità è un valore da insegnare, forse uno dei più importanti: per questo molte amministrazioni preferiscono prevenire… come il Municipio I che, in occasione dell’imminente Europride del 1 giugno prossimo (al quale si oppongono con tutte le loro forze) avverte che se ci saranno danni in piazza Vittorio, saranno pagati dagli organizzatori della manifestazione. Non tutti, infatti, forse sanno che appena tre mesi fa si sono dovuti spendere ben 40mila euro proprio per riparare i danneggiamenti alla medesima piazza causati da precedenti manifestazioni.

Pensa al futuro anche il sindaco Alemanno che per il 2011 ha esteso la ormai ben nota ordinanza antialcol, che entrerà in vigore dal 1 al 30 giugno, ad alcune aree del Municipio XX, tra Tor di Quinto, Ponte Milvio e la Flaminia, dove il consumo di bevande alcoliche sarà vietato dalle 23 alle 6 del mattino.

L’estate alle porte mette in allerta anche il Municipio XIII, in cui a breve si sposterà la movida cittadina, dove però, intanto, sono stati rafforzati i controlli e intensificati i pattugliamenti delle forze dell’ordine.

La tutela della legalità è un valore universale, rispettato in ogni tempo e in ogni luogo, e qualcuno in sua difesa ci è anche morto: i ragazzi di alcune scuole dei Municipi I, VII e XV nei giorni scorsi hanno ricordato alcune vittime innocenti delle mafie nell’ambito del progetto ‘Gli uomini passano, le idee restano’ che si è svolta nel prato della Casa del Jazz, che sorge in un luogo simbolo strappato alle proprietà della banda della Magliana.

E poi ci sono quei luoghi e quelle situazioni in cui le istituzioni non arrivano e bisogna rimboccarsi le mani e pensarci da soli se si vogliono davvero cambiare le cose: lo hanno fatto, ad esempio, mamme e bimbi del Municipio XX che hanno ripulito insieme il Parco Marta Russo in occasione del 14° anniversario della morte della studentessa colpita da un proiettile vagante dentro la città universitaria il 9 maggio del 1997.

Un altro esempio è quello degli operai del Consorzio Stabile 2000 che fino a oggi avevano l’incarico dei lavori nei cantieri della Metro C, ma se lo sono visti sottrarre sotto al naso da un giorno all’altro e per questo stanno dando vita a una protesta nel Municipio VII.

E infine ci sono quelli che con la legalità hanno avuto qualche guaio, ma poi ce l’hanno fatta: grande successo di pubblico al Teatro Palladio, nel Municipio XI, per lo spettacolo ‘Note galeotte’, realizzato dall’amministrazione con l’associazione Il Viandante per sensibilizzare la popolazione sulla questione del reinserimento al lavoro di ex detenuti.

Foto | Flickr