Tremonti trema. Anche Berlusconi. La Lega pronta a tutto

Per premier e governo, anche se tira aria di ferie, non c’è pace. E il Paese ribolle, tant’è che, preoccupato, il capo dello Stato Napolitano rinvia le sue vacanze. Ora, a parte il nodo scorsoio del debito Usa che può trascinare nel baratro anche l’Italia, qui è l’affaire Tremonti a tenere tutti sui tizzoni. Si

Per premier e governo, anche se tira aria di ferie, non c’è pace. E il Paese ribolle, tant’è che, preoccupato, il capo dello Stato Napolitano rinvia le sue vacanze.

Ora, a parte il nodo scorsoio del debito Usa che può trascinare nel baratro anche l’Italia, qui è l’affaire Tremonti a tenere tutti sui tizzoni. Si dà per certo che la procura aprirà un fascicolo sulle parole del responsabile dell’Economia rispetto alla sensazione di essere “spiato, controllato, pedinato” in ordine alla vicenda della casa da lui occupata, fino a poco tempo fa, nel centro di Roma.

Chi aveva interesse a spiarlo? Quali soni i segnali cui si riferisce? Il ministro adesso non può far finta di niente. E la vicenda, che appariva chiusa, deve invece essere ancora aperta. E tutto può davvero accadere. Berlusconi è molto preoccupato che tutto il castello gli si rovesci addosso.

Ieri il ministro Roberto Maroni ha tracciato un quadro a tinte fosche: “Da qui a settembre può succedere di tutto, vediamo. Dobbiamo essere quanto mai uniti come Lega, dobbiamo smussare le nostre situazioni interne perché, appunto, può capitare di tutto: ci saranno dei passaggi molto traumatici, che faciliteranno un cambio di scenario, e noi dobbiamo farci trovare pronti, con un partito unito e pieno di entusiasmo”. Maroni, parlando di “passaggi traumatici”, si riferisce proprio al voto sull’arresto di Milanese, in calendario per la seconda metà di settembre. Un passaggio parlamentare che vedrebbe la Lega votare per la galera, così come avvenuto con Alfonso Papa.

E, a quel punto, anche per Tremonti il destino sarebbe segnato. Forse l’arroganza di Tremonti ha i giorni contati. Come le certezze di Berlusconi.