Ore 12 – Manovra, Enti locali “contro”

Si tiene oggi a Roma l’attesa Conferenza unificata degli Enti locali, uniti contro la manovra del Governo. Regioni, Province e Comuni sono sul piede di guerra perché la manovra correttiva promossa da Giulio Tremonti dà un colpo definitivo al governo del territorio. E’ vero, Giorgio Napolitano ha dato l’ok al controverso decreto legge. Ma il

Si tiene oggi a Roma l’attesa Conferenza unificata degli Enti locali, uniti contro la manovra del Governo. Regioni, Province e Comuni sono sul piede di guerra perché la manovra correttiva promossa da Giulio Tremonti dà un colpo definitivo al governo del territorio.

E’ vero, Giorgio Napolitano ha dato l’ok al controverso decreto legge. Ma il capo dello Stato, in una nota: “ha auspicato che in Parlamento si svolga un confronto realmente aperto, che consenta una seria discussione e libere scelte circa la impostazione e le misure idonee al raggiungimento degli obiettivi”.


Ma gli Enti locali non attendono con le mani in mano l’iter parlamentare e hanno subito reagito con un inequivocabile “no” alla manovra, chiedendone una “radicale modifica”.

Attacca il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani: “Riteniamo che la manovra non assicuri possibilità al governo territoriale e così com’è comporta la non governabilità del territorio”. Al Riformista Errani lancia una proposta “provocatoria”: “se non ci saranno cambiamenti sostanziali in sede parlamentare, il governo ci dovrà mettere la faccia e dire ai cittadini: “È colpa nostra, cioè dell’esecutivo Berlusconi, se i cittadini non avranno più servizi assistenziali, sanitari, di trasporto pubblico”. Campa cavallo.

Oggi si terrà, appunto, la Conferenza unificata. Nell’incontro saranno illustrate le “ricadute concrete nel paese” della manovra.
Cioè le nuove “mazzate” per i cittadini.

I Video di Blogo