L’ultimatum della Lega Nord lanciato a Pontida scadeva ieri: ma il governo non sembra cadere…

Ieri scadeva l’ultimatum di Pontida: sarebbe dovuto cadere il governo

Parte dell’ultimatum lanciato dalla Lega Nord a Pontida contro il governo, scadeva ieri. Ma chi dà più peso a quanto minaccia la Lega Nord? Sono giusto parole al vento, penso davvero in pochi. Poi è estate, fa caldo…

Anche stamattina leggevo un’intervista a Maurizio Gasparri sul Corriere della Sera in cui in cui derubricava i pugni sul tavolo leghisti come folklore – un po’ come lo spezzatino di orso, avete seguito la surreale vicenda su Ecoblog? – in ogni caso a proposito delle promesse non mantenute che avrebbero dovuto far veleggiare verso casa il Governo Berlusconi, Wil su NonLeggerlo scrive:

Certo, lo so che non si può dare alcun valore alle promesse di gente come Bossi, Maroni, Borghezio e Calderoli, ma dobbiamo sforzarci di prenderli sul serio, rappresentano pur sempre i vertici istituzionali di questo Paese … E quindi niente, volevo solo dire che oggi sono scaduti i primi due “ultimatum”: un Consiglio dei Ministri c’è stato – aumento delle tasse, riduzione delle pensioni – ma non c’è stata alcuna approvazione “della Riforma Costituzionale per il dimezzamento del numero dei parlamentari e per il Senato federale”, né alcun via libera per la “riduzione dei contingenti militari impegnati all’estero”

I Video di Blogo