Debito pubblico italiano secondo solo alla Grecia nell’UE

Nel 1° trimestre il debito pubblico è aumentato in tutta l’eurozona e nell’Ue sia su base trimestrale sia annua. I dati Eurostat.

di remar

Picco del debito pubblico italiano nel primo trimestre del 2015 per un livello record che nell’Unione europea ci vede subito dietro alla Grecia, secondo i dati diffusi oggi da Eurostat.

Il debito delle nostre amministrazioni pubbliche è infatti salito al 135,1% del Prodotto interno lordo (Pil) cioè oltre due punti percentuali in più rispetto al dato dell’ultimo trimestre del 2014.

Si tratta dell’incremento del debito pubblico trimestrale più consistente tra tutti i paesi dell’Ue, dopo il Belgio. Nei primi tre mesi del 2014, il debito pubblico italiano si attestava al 131,2% del pil.

Eurostat, l’ufficio centrale di statistica europeo, in base a questi numeri spiega che il debito pubblico italiano resta il secondo più elevato d’Europa, dopo quello greco, paese il cui default è stato scongiurato per un soffio grazie all’accordo in sede di eurogruppo per un prestito ponte da 7 miliardi.

Sempre in riferimento al primo trimestre del 2015 il debito pubblico è aumentato in tutta l’eurozona e nell’Unione europa sia su base trimestrale che base annua.

Nei 19 paesi dell’area euro il debito si è attestato in media al 92,9% del Pil rispetto al 92% dei tre mesi precedenti mentre nei 28 paesi dell’Unione è salito all’88,2% dall’86,9% del trimestre precedente.

Ultime notizie su Banca Centrale Europea

Tutto su Banca Centrale Europea →