A Napoli il sindaco De Magistris inizia la guerra ai rifiuti: vincerà lui o la monnezza?

Luigi de Magistris inizia la battaglia contro l’emergenza rifiuti a Napoli

Come promesso il nuovo sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha dedicato il primo atto della nuova Giunta al problema dei rifiuti cercando di aggredire la questione che ha ulteriormente sputtanato la città in tutto il mondo.

La delibera adottata questa mattina e firmata dall’assessore Tommaso Sodano si pone obiettivi ambiziosi, indicando tempi molto ristretti.

Estendere immediatamente, e comunque entro il termine di 90 giorni, il sistema di raccolta porta a porta… Estendere la raccolta differenziata a tutta la città… Definizione di un Piano operativo per la Prevenzione e Riduzione dei Rifiuti… Primi interventi per la prevenzione e riduzione dei rifiuti come: stop all’usa e getta e riciclaggio totale nelle mense scolastiche; divieto pubblicità postale non indirizzata; vendita di prodotti ortofrutticoli defoliati; incentivazione alla vendita di prodotti sfusi o alla spina; coinvolgimento della grande distribuzione organizzata nel recupero di prodotti freschi invenduti prossimi alla data di scadenza; progettare almeno 10 beverini-fontane di acqua, refrigerata e addizionata di anidride carbonica, per valorizzare l’acqua pubblica e ridurre i rifiuti da bottiglie di plastica; attivare impianti per il compostaggio, la selezione della carta, il recupero del legno dei mobili… Bloccare la realizzazione dell’inceneritore

Riuscirà il nostro eroe a sconfiggere la piaga della monnezza o rimarrà sepolto sotto il tal quale? Voi che ne pensate?