Veritometro: Brunetta, i precari e l'”Italia peggiore” – verità e menzogne in due video

Brunetta sostiene di aver soltanto risposto agli insulti dei precari con “siete l’Italia peggiore”. Ma un video lo smentisce senza possibilità d’appello

“Mentre scendo dal palco vengo insultato (..) e a questo punto dico ‘beh, voi siete l’Italia peggiore’”

Renato Brunetta, 15 giugno 2011

Scopri perchè dopo il salto

Lo scontro tra Renato Brunetta e un gruppo di precari, da lui definiti pubblicamente “l’Italia peggiore” continua a tenere banco sui media tradizionali e, soprattutto, sui social network. Nella giornata di ieri il ministro ha provato a metterci una pezza, mettendo in rete un suo video di risposta.

Purtroppo però l’autodifesa del Ministro della Funzione Pubblica non fa che peggiorare la sua situazione. La sua ricostruzione infatti è palesemente falsa su almeno un punto, fondamentale:

Mentre scendo dal palco vengo insultato: ‘buffone!’, ‘vai a lavorare!’, compare uno striscione, cominciano gli spintoni, e a questo punto dico ‘beh, voi siete l’Italia peggiore’”.

Il tentativo di Brunetta di dipingersi come la vittima, di quello che insulta solo se provocato, è facilmente smentibile. Basta recuperare il video originale di quanto accaduto per vedere che l’epiteto di Brunetta è praticamente immediato e precede ogni contestazione.

Alcuni blog, come Il Nichilista, in queste ore stanno chiedendo le dimissioni del ministro per queste sue affermazioni false. Qui su polisblog, più semplicemente, ci limitiamo a metterlo sul nostro veritometro, con la lancetta puntata sul rosso.

Un peccato per Brunetta, che fino ad ora poteva vantare un curriculum veritometrico notevolmente in attivo, grazie a un paio di affermazioni vere. Paradossalmente, avevano entrambe a che fare con giovani e precari.