Bari, bimbo muore dissanguato per circoncisione

E’ deceduto al Policlinico di Bari a soli due mesi e mezzo per una forte emorragia provocata da un intervento di circoncisione fatta in casa. Figlio di due nigeriani, il bambino è “operato” da alcuni connazionali dei genitori in un appartamento del quartiere Japigia, alla periferia sud di Bari. Purtroppo l’intervento non è andato come

E’ deceduto al Policlinico di Bari a soli due mesi e mezzo per una forte emorragia provocata da un intervento di circoncisione fatta in casa.

Figlio di due nigeriani, il bambino è “operato” da alcuni connazionali dei genitori in un appartamento del quartiere Japigia, alla periferia sud di Bari.

Purtroppo l’intervento non è andato come previsto e quando i genitori se ne sono accorti sono corsi a chiedere aiuto in una farmacia della zona.

Alla vista del bambino il farmacista si è subito reso conto della gravità della situazione e ha chiamato il 118 che ha provveduto a far trasportare il piccolo al policlinico: il decesso è stato constatato poco dopo, intorno alle 4.30.

Secondo il referto medico la morte è avvenuta per arresto cardiocircolatorio causato da una ferita lacero-contusa al glande.

Della vicenda si sta ora occupando il pm Ada Congedo, che ha comunicato che nessun provvedimento formale è stato ancora adottato nei confronti della madre 24enne del bambino: è necessario attendere che la polizia le trasmetta tutti gli atti.

Si parla comunque di responsabilità in concorso con chi ha materialmente compiuto il fatto.

Rispetto la natura religiosa del gesto, ma certe pratiche andrebbero comunque effettuate in ambienti predisposti e con gli adeguati mezzi, non in cucina, magari sopra un tavolo.

E non è neanche la prima volta: un episodio molto simile era già accaduto non troppo tempo fa a Treviso.