Omicidio Meredith: c’erano davvero due coltelli? Intanto la vicenda Telenorba assume toni da reality

Mancano ancora pochi giorni all' incidente probatorio per la morte di Meredith Kercher, ma le indiscrezioni spuntano come funghi quasi ogni giorno. La storia dei due coltelli diversi che avrebbero ucciso la studentessa, uscita nei giorni scorsi, non è stata ancora confermata ufficialmente. Ma torniamo un attimo a Telenorba, rea di aver trasmesso un filmato

Mancano ancora pochi giorni all' incidente probatorio per la morte di Meredith Kercher, ma le indiscrezioni spuntano come funghi quasi ogni giorno.

La storia dei due coltelli diversi che avrebbero ucciso la studentessa, uscita nei giorni scorsi, non è stata ancora confermata ufficialmente.

Ma torniamo un attimo a Telenorba, rea di aver trasmesso un filmato dalla misteriosa provenienza che mostrava il cadavere della ragazza. La Procura della Repubblica di Perugia ha disposto perquisizioni nelle redazioni di Bari e Conversano, denunciando inoltre il direttore dell'emittente e un giornalista per violazione della privacy.

La faccenda però sta assumento un tono da reality: in un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno, commentato anche da Televisionando, si riporta della partecipazione a "Domenica In" del legale di Meredith e del direttore di TgNorba.

Create polls and vote for free. dPolls.com

Ospite il direttore del TgNorba Enzo Magistà, mentre al telefono è intervenuto Francesco Maresca, legale della famiglia di Meredith Kercher. Secondo quest'ultimo soltanto la difesa del pugliese Raffaele Sollecito aveva le immagini incriminate. Inoltre la famiglia della studentessa è rimasta ferita e sbigottita dal video.

"Hanno lasciato la famiglia di Meredith assolutamente impaurita della degenerazione dei toni che questo procedimento sta assumendo per iniziative, come quella di Magistà, contrarie non solo al codice penale e alle norme a tutela della privacy ma anche contrarie alla morale"

I difensori di Sollecito hanno espresso "la totale disapprovazione per la messa in onda delle scene" mostrate dalla rete ed hanno espresso "solidarietà ai familiari della vittima", ma quello detto dal legale di Meredith è un "ingiusto e gratuito attacco personale".

Mentre in tv si fa spettacolo continua a non chiarirsi la dinamica dell'omicidio. Cinque o sei fendenti inferti alla vittima, ma solo due ferite più gravi, forse la doppia arma del delitto, di sicuro lo strangolamento e quindi l'accanimento contro la povera Meredith, la lunga agonia ma l'ora incerta della morte (potrebbero saltare diversi alibi)…sono ancora troppi i dubbi che avvolgono la vicenda. Chissà se l'incidente probatorio riuscirà a svelarli.