Ore 12 – Borghezio “complice” di Mladic. Bossi “complice” di Borghezio (e di Mladic?)…

Ratko Mladic, l’ex generale serbo-bosniaco, accusato di genocidio, è comparso stamani davanti ai giudici della Corte internazionale per la ex Jugoslavia. “Contro di me accuse mostruose”, dice lui. Da noi Mladic ha un difensore di “lusso”, che sparla e non trova chi gli chiude la bocca. Davvero strano, il Belpaese, dove dal premier in giù

Ratko Mladic, l’ex generale serbo-bosniaco, accusato di genocidio, è comparso stamani davanti ai giudici della Corte internazionale per la ex Jugoslavia. “Contro di me accuse mostruose”, dice lui. Da noi Mladic ha un difensore di “lusso”, che sparla e non trova chi gli chiude la bocca.

Davvero strano, il Belpaese, dove dal premier in giù (non solo dalle parti della destra) si dicono non di rado castronerie che in qualsiasi altra nazione riceverebbero risposte adeguate dall’opinione pubblica e dai media. In Italia no. Alle barzellette rivoltanti del Cavaliere, molti (troppi) ridono o fingono di ridere, divertiti.

Ai “giudizi” di gente come Mario Borghezio non si presta attenzione: si finge di non sentire o si fanno spallucce. L’eurodeputato leghista diventa “complice” di un assassino come Mladic, definito “patriota, eroe da ammirare” e (quasi) tutti tacciono. Perché nessuno chiede le dimissioni di uno così, indegno di rappresentare l’Italia nel parlamento europeo?

La forza di Borghezio, e di altri compagni di cordata del Carroccio, sta nel cercare sempre e comunque la provocazione, l’insulto, la bagarre da bettola. Per cui la risposta migliore potrebbe essere quella di lasciarlo parlare con se stesso, quindi “isolarlo”. Ma il populismo e la demagogia alla Borghezio trovano spesso terreno fertile in fasce sociali “deboli” e utili per essere strumentalizzate da spregiudicati personaggi e partiti spregiudicati.

Borghezio sembra proprio interessato a voler fare in Italia, quel che Mladic fece nella ex Jugoslavia? Ma Bossi e i suoi non hanno proprio nulla da obiettare di fronte alle esternazioni del loro “burlone”, capo delegazione della Lega a Strasburgo?

Riepilagando e semplificando (ma non troppo): Borghezio complice di Mladic, Bossi complice di Borghezio, quindi complice anche di Mladic. Per fortuna in Europa sta per iniziare il processo contro uno dei peggiori ceffi che ha seminato dolore e morte, con stragi di bambini, stupri di donne, stermini di famiglie inerti. Quando inizia anche in Italia un bel “processone”? Politico, s’intende.