“Salò e partigiani pari sono”: vergognoso tentativo di revisionismo del Pdl

La storia, si sa, non si può dividere in bianco e nero e la verità, come le colpe, non sta mai tutta da una sola parte. Ma solamente la parte più impresentabile di questa maggioranza può mettere sullo stesso piano chi ha portato in Italia dittatura, guerra, terrore, tortura e morte con coloro che hanno

La storia, si sa, non si può dividere in bianco e nero e la verità, come le colpe, non sta mai tutta da una sola parte. Ma solamente la parte più impresentabile di questa maggioranza può mettere sullo stesso piano chi ha portato in Italia dittatura, guerra, terrore, tortura e morte con coloro che hanno lottato per la libertà e la democrazia.

Una proposta di legge del Pdl al voto della commissione Difesa alla Camera chiede che le Associazioni degli ex combattenti della Repubblica sociale di Salò debbano avere lo stesso riconoscimento dell’Anpi e delle altre associazioni ex combattentistiche, ricevendo anche contributi statali.

Subito le opposizioni hanno dato battaglia, ma questo non basta: occorre una risposta forte ed estesa dei cittadini che credono nella democrazia e nei valori nati dalla Resistenza al regime fascista. Anche così si difende oggi la Costituzione e la tenuta democratica del Paese.