Atletica Leggera: Fidal firma un accordo con Libera contro le mafie

Alfio Giomi e Don Luigi Ciotti firmeranno l’intesa a Roma.

La Fidal, Federazione Italiana di Atletica Leggera, ha annunciato con un breve comunicato che domani il Presidente Alfio Giomi firmerà un accordo con Don Luigi Ciotti (nella foto qui in alto), presidente dell’associazione Libera, che dal 1995 svolge attività per promuovere la cultura della legalità democratica e della giustizia sociale, della pace e della solidarietà, difendendo l’ambiente e valorizzando la memoria di coloro che sono stati uccisi dalle mafie e da qualsiasi altra forma di violenza.

Libera, il cui titolo completo è Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, ha lo scopo di agevolare la creazione e lo sviluppo di una comunità alternativa alle mafie, coordinando la società civile contro di esse. Dal 2011 ne fanno parte oltre 1600 associazioni, enti, tra cui molte scuole, e gruppi locali e il presidente onorario è Nando Dalla Chiesa, figlio del generale Carlo Alberto ucciso proprio dalla mafia.

La collaborazione tra Fidal e Libera, il cui accordo sarà siglato domani, martedì 11 giugno, a Roma, nella sede della Federazione guidata da Giomi, comprenderà moltissime tematiche tra cui studi congiunti sul doping, organizzazioni di manifestazioni di corsa campestre nei terreni che sono stati confiscati alle cosche mafiose, promozione di prodotti di Libera all’interno di Casa Italia Atletica, e poi ancora concessione a Libera, da parte della Fidal, di spazi informativi nel contesto delle più importanti manifestazioni di atletica leggera in Italia.

Questo tipo di accordo tra una federazione sportiva così importante e un’associazione che è simbolo di giustizia sociale e lotta contro la violenza è certamente un ottimo messaggio che lo sport italiano lancia soprattutto ai giovani, cui Libera è vicina da sempre organizzando numerose iniziative direttamente nelle scuole.