Vendola contro il veltronismo: “E’ disastroso”

Sconfitta o no, l’unica cosa certa, era la leadership. Intoccabile. Nel Partito Democratico si studia come ripartire: si cerca di capire gli errori e i passi falsi. Ma Walter no, non si tocca. E’ opinione diffusa, infatti, che il segretario del Pd è e resterà, almeno per il momento, l’ex sindaco di Roma Veltroni.A mettere

Sconfitta o no, l’unica cosa certa, era la leadership. Intoccabile.
Nel Partito Democratico si studia come ripartire: si cerca di capire gli errori e i passi falsi. Ma Walter no, non si tocca. E’ opinione diffusa, infatti, che il segretario del Pd è e resterà, almeno per il momento, l’ex sindaco di Roma Veltroni.

A mettere in discussione la sua figura, stamani, con un’intervista al Messaggero è però Nichi Vendola (candidato alla guida del Prc) che attacca: “Il bilancio del veltronismo, di un progetto strategico affidato non solo all’autosufficienza, ma anche ad un’ipotesi politico-sociale che perde il riferimento del mondo del lavoro subordinato, è disastroso. Se il riformismo è una variante dei temi proposti dalla destra – conclude – è difficile incontrarsi”.

Eppure, una possibilità ci sarebbe. Vendola, infatti, spiega come con D’Alema e Bersani “ci sono più punti di incotro”. Il problema – fa capire senza usare mezzi termini – è il dialogo con la maggioranza: “La politica delle alleanze – dice – deve avere una bussola, quella della critica di questo governo e della sua idea di società”.
Per ora, quindi, i presupposti non ci sono.

I Video di Blogo