Asor Rosa sul manifesto: è tempo di usare la forza per salvare la democrazia

Farà sicuramente discutere l’intervento di Alberto Asor Rosa pubblicato oggi sul manifesto. Che cosa sostiene Asor Rosa, uno dei decani della cultura italiana? Parte chiedendosi a che punto sia “la dissoluzione del sistema democratico in Italia”. Risposta mia: estremamente avanzato. È la stessa risposta che si offre lui. Che poi va oltre, Le democrazie, se

Farà sicuramente discutere l’intervento di Alberto Asor Rosa pubblicato oggi sul manifesto. Che cosa sostiene Asor Rosa, uno dei decani della cultura italiana? Parte chiedendosi a che punto sia “la dissoluzione del sistema democratico in Italia”. Risposta mia: estremamente avanzato.

È la stessa risposta che si offre lui. Che poi va oltre,

Le democrazie, se collassano, non collassano sempre per le stesse ragioni e con i medesimi modi (…) Oggi in Italia accade di nuovo perché un gruppo affaristico-delinquenziale ha preso il potere (si pensi a cosa ha significato non affrontare il «conflitto di interessi» quando si poteva!) e può contare oggi su di una maggioranza parlamentare corrotta al punto che sarebbe disposta a votare che gli asini volano se il Capo glielo chiedesse.

Ci siete fin qui? Prosegue dopo il salto.

La soluzione che prospetta per uscire dall’impasse cui ci hanno portato gli anni che vanno dal 1994 a oggi è traumatica:

Chi avrebbe avuto qualcosa da dire sul piano storico e politico se Vittorio Emanuele III, nell’autunno del 1922, avesse schierato l’Armata a impedire la marcia su Roma delle milizie fasciste; o se Hinderburg nel gennaio 1933 avesse continuato ostinatamente a negare, come aveva fatto in precedenza, il cancellierato a Adolf Hitler, chiedendo alla Reichswehr di far rispettare la sua decisione? (…) Se le cose stanno così, la domanda è: cosa si fa in un caso del genere, in cui la democrazia si annulla da sé invece che per una brutale spinta esterna? (…) Ciò cui io penso è invece una prova di forza che, con l’autorevolezza e le ragioni inconfutabili che promanano dalla difesa dei capisaldi irrinunciabili del sistema repubblicano, scenda dall’alto, instaura quello che io definirei un normale «stato d’emergenza», si avvale, più che di manifestanti generosi, dei Carabinieri e della Polizia di Stato congela le Camere, sospende tutte le immunità parlamentari, restituisce alla magistratura le sue possibilità e capacità di azione, stabilisce d’autorità nuove regole elettorali, rimuove, risolvendo per sempre il conflitto d’interessi, le cause di affermazione e di sopravvivenza della lobby affaristico-delinquenziale, e avvalendosi anche del prevedibile, anzi prevedibilissimo appoggio europeo, restituisce l’Italia alla sua più profonda vocazione democratica, facendo approdare il paese ad una grande, seria, onesta e, soprattutto, alla pari consultazione elettorale.

guardate che quella che avete appena letto è una bomba. È da vedere se e quando mai esploderà.