Ping Pong – botte (e risposte) della campagna elettorale

Antonello Soro già vede il sorpasso del Pd. Berlusconi: “Balle. Solo propaganda!”. Soro, presidente del Gruppo Pd alla camera:“I sondaggi di oggi di Swg dicono che il Pd ha raggiunto il Partito delle Libertà e il residuo vantaggio è dato solo dall’alleanza con la Lega Nord”. Sembra il resoconto di una tappa alpina del Giro

Antonello Soro già vede il sorpasso del Pd. Berlusconi: “Balle. Solo propaganda!”. Soro, presidente del Gruppo Pd alla camera:“I sondaggi di oggi di Swg dicono che il Pd ha raggiunto il Partito delle Libertà e il residuo vantaggio è dato solo dall’alleanza con la Lega Nord”. Sembra il resoconto di una tappa alpina del Giro d’Italia. Replica da Palazzo Grazioli: “Balle!”. E rilanciano con ironia:“Ma Soro non è l’ex margheritino che giurava sulla tenuta del governo Prodi?”. La guerra dei sondaggi continua e le previsioni sono opinabili. Una cosa è certa: Soro è proprio il Soro cui fanno riferimento al quartier generale del Cavaliere. Attento Veltroni, guardati bene dalle profezie di Soro. E tocca ferro.

Silvio Berlusconi torna al suo primo amore, il comunismo e i suoi misfatti. Dal PD:”Arieccolo!”. Berlusconi: “Su Ciarrapico la sinistra è tornata quella di sempre. Si tratta solo di uno dei mille candidati del Pdl”. Rampogna contro Veltroni:“Solo oggi vi ricordate che è fascista? Però vi faceva comodo quando portava via i giornali a Berlusconi e li consegnava a Caracciolo! Allora l’editore ciociaro era democratico! Dobbiamo riprendere a parlare dei comunisti e dei loro misfatti?” . Dal pullman di Veltroni fanno spallucce. Dal Pd sale, preoccupata, una sola voce. “Arieccolo!”. Ancora 31 giorni al voto e una sola certezza: alla fine tutti avranno gettato la maschera e li ritroveremo ognuno con la propria faccia di sempre. Purtroppo.

Alberto Montichione lascia Udc e Rosa Bianca. Casini:“Non ho tempo per controllare chi sale e chi scende dal partito”. Montichione, presidente di Italia Popolare: “Mi dimetto da vice presidente della Rosa Bianca perché l’accordo elettorale con l’Udc è stato fatto al ribasso e porta alla formazione di un partito meramente moderato. La colpa è principalmente dell’Udc non disponibile ad aprirsi a un disegno innovatore ma impegnata solo ad accordi di potere. Italia Popolare continuerà il proprio impegno per ravvivare la presenza del popolarismo e del cattolicesimo democratico”. Casini risponde svogliato (o turbato?): “Non ho tempo per controllare chi sale e chi scende dal partito”. Già. Ieri è sceso Gerardo Bianco, oggi Alberto Montichione, due pezzi da novanta ieri della Democrazia Cristiana e oggi della nuova Costituente di centro. Forse al partito di Casini, Pezzotta e Tabacci serve un controllore. Una domanda: sono di più quelli che salgono o quelli che scendono?

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →