it_IT Motori Blogo.it - Ultime notizie della sezione Motori Wed, 19 Jun 2019 04:45:54 +0000 Wed, 19 Jun 2019 04:45:54 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) https://www.blogo.it/motori 2004-2014 Blogo.it Mercedes-Benz Classe G: tante novità per il 40° anniversario Mon, 17 Jun 2019 19:04:59 +0000 https://www.autoblog.it/post/984891/mercedes-benz-classe-g-tante-novita-per-celebrare-il-40-anniversario https://www.autoblog.it/post/984891/mercedes-benz-classe-g-tante-novita-per-celebrare-il-40-anniversario Dario Montrone Dario Montrone


Per celebrare il quarantesimo anniversario della Mercedes-Benz Classe G, nonché il ventesimo anniversario della relativa versione sportiva firmata Mercedes-AMG, la Casa della Stella ha introdotto numerose novità dedicate all'iconica fuoristrada. Innanzitutto, per l'occasione debutta la nuova declinazione G400d, equipaggiata con il motore diesel 3.0d a sei cilindri in linea da 330 CV di potenza e 700 Nm di coppia massima. Inoltre è stato introdotto il programma di personalizzazione G Manufaktur, con innumerevoli combinazioni esclusive.

Tuttavia, la principale novità della Mercedes-Benz Classe G è rappresentata dalla versione speciale Stronger Than Time, disponibile non solo per la nuova configurazione G400d, ma anche per il propulsore a benzina 4.0 V8 biturbo delle declinazioni G500 da 422 CV e G63 di Mercedes-AMG da 585 CV. Tra le specifiche caratteristiche figurano i pacchetti AMG Line e Night, il volante appiattito, i predellini laterali e la cover della ruota di scorta in acciaio legato, le sospensioni adattive, la retrocamera a 360°, i fari anteriori Multibeam Led, la plancia con i display widescreen, i sedili Multicontour attivi, l'impianto audio Burmester, l'illuminazione dell'atmosfera a 64 colori, il tetto scorrevole trasparente e la griglia di protezione dei fari.


Inoltre, la Mercedes-Benz Classe G Stronger Than Time prevede gli interni in pelle Nappa nera con cuciture decorative dorate, gli inserti in frassino nero a poro aperto e i cerchi in lega AMG di colore nero da 20 pollici. Con il pacchetto Exclusive Plus saranno disponibili anche gli interni in pelle bicolore beige latte e blu yacht con gli inserti in legno sen marrone chiaro lucido o beige latte macchiato e rosso lounge con gli inserti in lacca lucida nera. La relativa versione sportiva di Mercedes-AMG, invece, è caratterizzata da elementi della carrozzeria in Silver Shadow con la finitura cromata opaca, cerchi in lega da 22 pollici e interni in pelle Nappa bicolore nero e grigio titanio perla con inserti in carbonio.

Infine, nei pressi dell'impianto austriaco di Graz, è stato inaugurato anche il G-Class Experience Center da oltre 100.000 metri quadrati di estensione, con due piste da fuoristrada, il tracciato G-Rock con varie rampe d'accesso da 100% di pendenza e il percorso stradale in condizioni estreme, per mettere alla prova la quasi immortale Mercedes-Benz Classe G.

PROSEGUI LA LETTURA

Mercedes-Benz Classe G: tante novità per il 40° anniversario é stato pubblicato su Autoblog.it alle 19:04 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Renault Megane: foto spia della versione e-tech hybrid Mon, 17 Jun 2019 15:00:00 +0000 https://www.autoblog.it/post/984895/renault-megane-foto-spia-della-versione-e-tech-hybrid https://www.autoblog.it/post/984895/renault-megane-foto-spia-della-versione-e-tech-hybrid Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Dopo la Clio, la Casa della Losanga prosegue nella strada dell'elettrificazione di pari passo con il restyling della Renault Megane, prevista anche in versione ibrida plug-in come la Captur. Oltre ai canonici ritocchi estetici concentrati su paraurti e gruppi ottici, l'adozione del sistema ibrido sarà la novità più importante della rinnovata media francese, che affila le armi per sfidare una delle sue rivali più agguerrite, ovvero la Volkswagen Golf.

Al momento nulla è trapelato sui dati tecnici sul sistema e-tech hybrid che spingerà la nuova Megane, anche se è lecito attendersi un upgrade rispetto a quello equipaggiato sulla Clio, composto da un 1.6 benzina aspirato e da due motori elettrici, per una potenza complessiva di 130 cavalli. La Clio e-tech hybrid si avvia sempre in modalità zero emissioni e consente di risparmiare in città circa il 40% di benzina.

Le novità riguarderanno anche l'abitacolo della Megane Restyling, improntato sulla completa digitalizzazione come impone il trend attuale del mercato. Anche se non si hanno conferme in merito, il debutto avverrà presumibilmente al prossimo Salone di Francoforte, mentre lo sbarco sul mercato è atteso nei primi mesi del 2020.

PROSEGUI LA LETTURA

Renault Megane: foto spia della versione e-tech hybrid é stato pubblicato su Autoblog.it alle 15:00 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Nuovo Mahindra GOA Pik-Up Plus: primo contatto Mon, 17 Jun 2019 12:33:53 +0000 https://www.autoblog.it/post/984681/nuovo-mahindra-goa-pik-up-plus-primo-contatto-su-strada-e-in-offroad https://www.autoblog.it/post/984681/nuovo-mahindra-goa-pik-up-plus-primo-contatto-su-strada-e-in-offroad Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Anche senza la "c" il rinnovato Mahindra GOA Pik-Up Plus ha tutte le carte in regola per ritagliarsi il suo spazio nel settore dei veicoli commerciali: robustezza, versatilità ed un prezzo accessibile. Mahindra Goa è presente in Italia dal 2006, l'anno in cui è stato lanciato a livello globale. Le vendite hanno superato quota 100.000 esemplari, mentre nel nostro mercato sono più di 2.000 i lavoratori che hanno scelto un pickup Mahindra Goa (omologato N1, autocarro). Il rinnovato Mahindra Goa Pik-Up Plus, si presenta con 51 novitàche spaziano dal design alla tecnologia, dalla sicurezza alle dotazioni, passando per il motore e le prestazioni.

Disponibile in due allestimenti, S6 ed S10, la versione entry level a cabina singola e due ruote motrici viene proposta al prezzo di 18.878 euro. In un percorso misto su strada e in offroad, allestito nei pressi dell’oasi naturalistica di NeoruraleHUB di Giussago (PV), abbiamo avuto modo di provare la versione 4x4 nel più ricco allestimento S10, proposto al prezzo di 24.978 euro. Mahindra GOA Pik-Up Plus è detraibile al 130%, oltre alla tassa di circolazione ridotta grazie all’immatricolazione N1-Autocarro. Tra le agevolazioni c'è anche la garanzia di 3 anni o 100.000 km ed il soccorso stradale gratuito per 3 anni.

Mahindra GOA Pik-Up Plus: com'è fatto


Il pick-up indiano si presenta con un look grintoso conferito da tratti decisi racchiusi in oltre 517 cm di lunghezza, 182 di larghezza e 186 di altezza. Rispetto alla versione pre-restyling cambia il frontale, aggiornato con la nuova mascherina ad inserti cromati che divide i grossi gruppi ottici a LED (nell'allestimento S10) dalle linee spigolose. Il profilo laterale è invece caratterizzato da una linea ascendente verso il posteriore che parte dai grandi passaruota anteriori, sotto i quali troviamo cerchi in lega da 16". Sono quattro i colori della carrozzeria: Artic White, DeSat Silver, Napoli Black e Rage Red. Con il restyling è stato introdotto il nuovo cambio manuale a 6 rapporti, che regala un po' di brillantezza in più nello sprint rispetto al vecchio cambio a 5 rapporti, mentre le sospensioni (ponte torcente all'anteriore, molla a balestra semi ellittica al posteriore) hanno una nuova taratura.

Gli interni puntano al pragmatismo grazie ad un layout moderno, nonostante la presenza di materiali rigidi concepiti per durare e la grafica un po' datata del touch screen da 7" pollici posto al centro della plancia. Stesso discorso per il quadro strumenti, dotato di elementi tradizionali come i quadranti analogici di tachimetro e contagiri ma ringiovanito da un layout moderno e dal piccolo display al centro che riporta le informazioni di marcia principali. Molto confortevole la seduta rialzata sui sedili in tessuto, antimacchia nella versione d'ingresso, più ricercato nell'allestimento S10. Occorre però fare l'abitudine alla posizione invertita della leva per azionare i tergicristalli rispetto a quella degli indicatori di direzio

PROSEGUI LA LETTURA

Nuovo Mahindra GOA Pik-Up Plus: primo contatto é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:33 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Audi Q7: prime indiscrezioni sul restyling Mon, 17 Jun 2019 13:00:44 +0000 https://www.autoblog.it/post/984855/audi-q7-prime-indiscrezioni-sul-restyling https://www.autoblog.it/post/984855/audi-q7-prime-indiscrezioni-sul-restyling Dario Montrone Dario Montrone

Audi Q7 2019
Al prossimo Salone di Francoforte 2019, in programma nel mese di settembre, sarà svelata la rinnovata Audi Q7, sottoposta al restyling di metà carriera. La grande SUV della Casa di Ingolstadt adotterà molte soluzioni sia tecniche che estetiche della SUV coupé Audi Q8, soprattutto per quanto riguarda l'abitacolo.

Infatti, la Audi Q7 restyling avrà la strumentazione digitale con lo specifico display da 12,3 pollici, più il doppio display touch screen per il sistema multimediale. Lo stile della carrozzeria, invece, sarà rinnovato soprattutto nella parte frontale, con i nuovi fari a led più sottili, la calandra ridisegnata e le prese d'aria del paraurti anteriore maggiorate. Inoltre, saranno aggiornati anche i fari posteriori.

A livello di motorizzazioni, le novità più importanti per la rinnovata Audi Q7 saranno la versione MHEV a propulsione ibrida 'mild hybrid' da 48V e la sportiva declinazione SQ7 con il propulsore diesel 4.0 TDI V8 che erogherà oltre gli attuali 435 CV di potenza. Inoltre, non è esclusa la configurazione PHEV a propulsione ibrida Plug-In.

La nuova Audi Q7 sarà disponibile sul mercato europeo nel corso del prossimo autunno, con il confermato motore a gasolio 3.0 TDI V6 per le versioni 45TDI da 231 CV e 50TDI da 286 CV. Infine, potrebbe tornare anche l'alimentazione a benzina con la specifica declinazione 55TFSI con l'unità 3.0 TFSI V6 da 340 CV di potenza, senza dimenticare anche il possibile debutto della motorizzazione diesel 2.0 TDI a quattro cilindri da 204 CV di potenza per la versione 40TDI.

PROSEGUI LA LETTURA

Audi Q7: prime indiscrezioni sul restyling é stato pubblicato su Autoblog.it alle 13:00 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Mini 60 Years Edition: la versione speciale sul mercato italiano Wed, 12 Jun 2019 14:00:14 +0000 https://www.autoblog.it/post/984408/mini-60-years-edition-la-versione-speciale-sul-mercato-italiano https://www.autoblog.it/post/984408/mini-60-years-edition-la-versione-speciale-sul-mercato-italiano Dario Montrone Dario Montrone


Debutta sul mercato italiano la Mini 60 Years Edition, versione speciale della variante hatchback a tre e cinque porte. In vendita da 24.610 euro, è disponibile nelle configurazioni a benzina One con il motore 1.5i TwinPower Turbo da 102 CV, Cooper con il propulsore 1.5i TwinPower Turbo da 136 CV e Cooper S con l'unità 2.0i TwinPower Turbo da 192 CV di potenza.

Tra le specifiche caratteristiche della nuova Mini 60 Years Edition figurano la colorazione British Racing Green IV per la carrozzeria, gli adesivi Bonnet Stripes 60 Years, il tetto e le calotte degli specchietti retrovisori di colore bianco Pepper White, i cerchi in lega bicolore 60 Years Spoke da 17 pollici di diametro, gli interni in pelle Lounge Mini Yours 60 Years di colore Dark Maroon, il volante sportivo in pelle 60 Years e gli elementi dell'abitacolo con il lettering 60 Years.


A partire da 27.320 euro, invece, è proposta la Mini 60 Years Edition Plus, la cui dotazione di serie è completa anche di tappetini in velluto, regolazione in altezza per il sedile del passeggero, pacchetto Mini Excitement, dispositivo Mini Driving Modes, pacchetto portaoggetti, climatizzatore automatico bizona, pacchetto luci interne a led, luci Bi-Led e fari fendinebbia a led. Inoltre, senza sovrapprezzo, sono disponibili gli interni in pelle Lounge di colore Carbon Black, oppure gli interni in pelle Chester nelle tinte Satellite Grey e Malt Brown.

Parallelamente all'introduzione della speciale declinazione 60 Years Edition, è stata aggiornata anche la gamma della Mini che non è più proposta nelle configurazioni a gasolio One D, Cooper e Cooper SD. Sono state introdotte anche altre novità, come i sensori luci e pioggia di serie, oppure i fari fendinebbia a led a partire dalla configurazione Cooper. La lista degli optional, invece, è stata allargata a: interni parzialmente in pelle Light Grey, cerchi in lega Mini Yours British Spoke da 18 pollici, colore Mini Yours Enigmatic Black, tetto e specchietti retrovisori nella tinta Melting Silver, adesivi Bonnet Stripes anch'essi nella colorazione Melting Silver.

PROSEGUI LA LETTURA

Mini 60 Years Edition: la versione speciale sul mercato italiano é stato pubblicato su Autoblog.it alle 14:00 di Wednesday 12 June 2019

]]>
0
Hyundai i10: foto spia della nuova generazione Wed, 12 Jun 2019 13:00:22 +0000 https://www.autoblog.it/post/984379/hyundai-i10-foto-spia-della-nuova-generazione https://www.autoblog.it/post/984379/hyundai-i10-foto-spia-della-nuova-generazione Roberto Speranza Roberto Speranza

La nuova generazione della Hyundai i10, la cui presentazione è attesa a settembre durante il salone di Francoforte 2019 mentre le vendite sono indicate per il 2020, cercherà d’ingrandire il suo ruolo in un mercato che sta per trasformarsi profondamente, se non sparire del tutto. Infatti le citycar da diversi anni sono fonte di margini di profitto sempre più ridotti per i costruttori, quando non addirittura inesistenti.

Inoltre la necessità di tagliare in modo deciso le emissioni di CO2 su tutti i veicoli venduti in Europa potrebbe spingere la trasformazione del settore in qualcosa che va al di là del normale possesso. Molti prospettano per queste piccole auto da città un vicino futuro fatto di alimentazioni elettriche e flotte di car sharing.

Ma per il momento ancora ci sono costruttori che continuano ad investire per rinnovare tali modelli. Appunto la Hyundai. La i10 di terza generazione è stata immortalata nei giorni scorsi da queste foto spia. Naturalmente la camuffatura pesante rende molto difficile farsi un’idea del reale design. L’unica cosa che si può notare è una griglia anteriore ancora più grande, sebbene non di molto.

Potrebbe avere una forma ad esagono invece dell’attuale trapezio, così come i fari appaiono più sottili. Ma non si può escludere che la “tuta mimetica” del prototipo sia stata ritagliata in modo da confondere le acque. Al posteriore, la totale mascheratura ci dice che sarà in questa zona dove si concentreranno le maggiori novità estetiche. Altro non è possibile dire, al momento.

PROSEGUI LA LETTURA

Hyundai i10: foto spia della nuova generazione é stato pubblicato su Autoblog.it alle 13:00 di Wednesday 12 June 2019

]]>
0
Volkswagen Touareg: V8 TDI, aperti gli ordini in Italia Wed, 12 Jun 2019 11:00:23 +0000 https://www.autoblog.it/post/984371/volkswagen-touareg-v8-tdi-aperti-gli-ordini-in-italia https://www.autoblog.it/post/984371/volkswagen-touareg-v8-tdi-aperti-gli-ordini-in-italia Roberto Speranza Roberto Speranza

Volkswagen Touareg V8 TDI

Sono stati aperti gli ordini in Italia per l’ammiraglia dei SUV della casa di Wolfsburg, vale a dire Volkswagen Touareg V8 TDI. Un motore strapotente con una coppia massima incredibile. Infatti il propulsore 4.0 diesel eroga ben 421 cavalli e 900 Newton metri. Insieme alla trazione integrale 4Motion questo Touareg è in grado di trainare fino a 3,5 tonnellate; praticamente potrebbe rimorchiare anche un furgone di medie dimensioni (o, più realisticamente, una roulotte abbondante), oltre a barche, cavalli equini e materiali di ogni tipo. L’opzionale gancio di traino si estende o ritrae premendo semplicemente un pulsante. Potenza e coppia consentono anche eccellenti prestazioni nello scatto, come l’accelerazione 0-100 in 4,9 secondi. Nel nostro Paese il VW Touareg V8 TDI è offerto nell’unico allestimento Advanced, il più ricco; prezzo di listino 97.000 euro.

 

Volkswagen Touareg V8 TDI, il top dei SUV


Dell’allestimento Advanced per il SUV Volkswagen Touareg segnaliamo in particolare i seguenti equipaggiamenti di serie: climatizzatore automatico a quattro zone, interfaccia digitale Innovision Cockpit su due schermi da 15 e 12,3 pollici, cerchi in lega Sebring da 19, interni in pelle Savona con sedili Top Comfort, Atmosphere Pack, pedaliera in acciaio spazzolato, Tech Pack con Steering Pack Plus e stabilizzazione attiva del rollio.

Inoltre troviamo: sospensioni pneumatiche 4-Corner con ammortizzatori a regolazione elettronica, freni maggiorati, serbatoi di gasolio e AdBlue maggiorati (90 e 24 litri), rilevamento notturno di persone e animali Night Vision, assistenza mantenimento corsia con gestione di freni, sterzo e acceleratore fino a 60 Km/h, assistenza traffico in attraversamento agli incroci, fari a matrice di LED, head-up display sul parabrezza.

PROSEGUI LA LETTURA

Volkswagen Touareg: V8 TDI, aperti gli ordini in Italia é stato pubblicato su Autoblog.it alle 11:00 di Wednesday 12 June 2019

]]>
0
BMW Serie 3 Touring: ecco la nuova generazione Wed, 12 Jun 2019 12:00:55 +0000 https://www.autoblog.it/post/984317/bmw-serie-3-touring-tutte-le-caratteristiche-della-nuova-generazione https://www.autoblog.it/post/984317/bmw-serie-3-touring-tutte-le-caratteristiche-della-nuova-generazione Dario Montrone Dario Montrone


Ecco la nuova generazione della BMW Serie 3 Touring che sarà svelata in anteprima mondiale all'evento BMW #NextGen, in programma presso il BMW Welt dal 25 al 27 giugno. La commercializzazione, invece, partirà sul mercato europeo dal 28 settembre, subito dopo la presentazione ufficiale al Salone di Francoforte 2019.

A livello di dimensioni, la nuova BMW Serie 3 Touring è lunga 471 cm, larga 183 cm e alta 147 cm, mentre il passo misura 285 cm. Rispetto alla precedente generazione, gli incrementi degli ingombri ammontano a 7,6 cm per la lunghezza, 1,6 cm per la larghezza, 0,8 cm per l'altezza e 4,1 cm per il passo. Il volume del bagagliaio, invece, varia dai 500 litri di capacità minima in configurazione standard ai 1.510 litri di capienza massima nella modalità a pieno carico.


Tra le specifiche caratteristiche della nuova BMW Serie 3 Touring figurano i fari anteriori Full Led e i fari posteriori a led, il doppio terminale di scarico, le cornici laterali in alluminio, il volante sportivo multifunzione in pelle e il Control Display di serie, il portellone posteriore ad azionamento elettrico grazie al dispositivo Comfort Access e dotato del lunotto apribile separatamente con l'apertura più larga di 20 mm, gli schienali del divanetto posteriori reclinabili con l'apposito pulsante e il gancio traino elettrico a richiesta.

Per quanto riguarda la gamma delle motorizzazioni, la nuova generazione della BMW Serie 3 Touring sarà disponibile con il propulsore a benzina 2.0i TwinPower Turbo a quattro cilindri per le versioni 320i da 184 CV e 330i da 258 CV, affiancato dal motore di pari alimentazione 3.0i TwinPower Turbo a sei cilindri in linea da 374 CV per la declinazione M340i. Inoltre, sono previste le unità diesel 2.0d TwinPower Turbo a quattro cilindri per le versioni 318d da 150 CV o 320d da 190 CV e 3.0d TwinPower Turbo a sei cilindri in linea per la declinazione 330d da 265 CV.


La nuova BMW Serie 3 Touring sarà proposta anche con la trazione integrale xDrive, di serie per le versioni M340i e 330d, oppure in alternativa alla trazione posteriore per le declinazioni 330i e 320d. Il cambio automatico Steptronic ad otto rapporti, invece, sarà disponibile in alternativa al cambio manuale a sei marce per le versioni 318d e 320d, nonché di serie per tutte le altre declinazioni. A livello di allestimenti, la gamma sarà declinata nelle configurazioni Advantage, Sport Line, Luxury Line ed M Sport, quest'ultima riconoscibile per l'assetto ribassato di 10 mm. Infine, per l'anno prossimo è in programma il debutto dell'inedita versione a propulsione ibrida Plug-In.

PROSEGUI LA LETTURA

BMW Serie 3 Touring: ecco la nuova generazione é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:00 di Wednesday 12 June 2019

]]>
0
La nuova Renault Zoe arriva a 390 km di autonomia Mon, 17 Jun 2019 18:00:24 +0000 https://www.autoblog.it/post/984915/auto-elettriche-nuova-renault-zoe-arriva-a-390-km-di-autonomia https://www.autoblog.it/post/984915/auto-elettriche-nuova-renault-zoe-arriva-a-390-km-di-autonomia Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Auto elettriche nuova Renault Zoe

Mentre molti costruttori sono ancora al lavoro sul loro primo modello a zero emissionila Renault Zoe si evolve nella terza generazione, a conferma dell'impegno dell'impegno della Casa francese nelle sfide imposte dalla cosiddetta rivoluzione elettrica. La nuova Zoe è uno dei tasselli principali di un percorso a medio termine che ha come target cinque milioni di elettriche vendute ed un'offerta ampliata ad otto modelli entro il 2022. Se fino ad ora è stata una delle attrici principali tra elettriche di segmento B, ora il gioco si fa duro con l'arrivo di rivali agguerrite come Peugeot e-208 ed Opel Corsa-E, ecco spiegato l'arrivo della terza generazione che presenta interventi nella carrozzeria, nell'abitacolo e sotto la voce autonomia. Arriverà sul mercato a fine 2019 con una versione di lancio One Edition limitata a 500 esemplari, mentre i prezzi non sono stati ancora resi noti.

Per quanto riguarda la carrozzeria ora sono disponibili tre nuove tinte come il Blu Celadon, il Rosso Passion e il Bianco Quarzo, che si aggiungono alle precedenti. Il frontale è stato ridisegnato nel cofano e nei paraurti, che ora inglobano una nuova mascherina impreziosita da piccoli elementi cromati. Nuovi anche i gruppi ottici a Led sia davanti sia dietro, con il debutto delle frecce dinamiche.

I cerchi in lega sono disponibili da 15, 16 o 17 pollici a seconda dell'allestimento. Se all'esterno le novità hanno evoluto ma non stravolto il look della Zoe, nell'abitacolo l'evoluzione tecnologica della terza generazione è molto più tangibile. L'ambiente è stato completamente ridisegnato e riprende il layout della nuova Clio, dove spiccano i due display del quadro strumenti digitale da 10 pollici ed il monitor dell'infotainment da 9,3 pollici in stile tablet che campeggia al centro della plancia. Il sistema di navigazione Renault Easy Link indica le stazioni di ricarica più vicine, accertandosi anche della disponibilità delle singole colonnine. Non mancano prese Usb dedicate ai posti posteriori e la ricarica wireless per lo smartphone.

Ma la notizia più importante riguarda il motore elettrico R135, che ora arriva a sviluppare 136 CV e 245 Nm di coppia contro i 110 cv e 225 Nm della R110La nuova unità permette alla Zoe di raggiungere la velocità massima di 140 km/h e di scendere sotto la soglia dei secondi nello sprint da 0 a 100 km/h. L'aumento delle prestazioni riguarda anche la batteria da 52 kWh, che ora garantisce un'autonomia di 390 km secondo il ciclo WLTP.

Per quanto riguarda i tempi di rifornimento, grazie all'introduzione della ricarica DC a corrente continua,  si impiegano 30 minuti per avere l'80% di energia con la colonnina a 50 kW, mentre con quelle a 11 e 22 kW la Zoe impiega, rispettivamente, due ore e un'ora per ottenere 120 km di autonomia. Con la wallbox da 7 kW sono invece necessarie circa nove ore e mezza per ricaricare completamente le batterie. Molto ricca la dotazione di Adas di serie: frenata automatica d'emergenza, riconoscimento dei segnali stradali, assistenza nel mantenimento della corsia e l'avviso angoli bui.

PROSEGUI LA LETTURA

La nuova Renault Zoe arriva a 390 km di autonomia é stato pubblicato su Autoblog.it alle 18:00 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Ecoincentivi estesi a moto, motorini, microcar e tricicli Mon, 17 Jun 2019 16:36:05 +0000 http://www.motoblog.it/post/964965/ecoincentivi-dl-crescita-estesi-a-moto-motorini-microcar-e-tricicli http://www.motoblog.it/post/964965/ecoincentivi-dl-crescita-estesi-a-moto-motorini-microcar-e-tricicli Umberto Schiavella Umberto Schiavella

Ecoincentivi, Dl crescita: estesi a moto, motorini, microcar e tricicli

E' stato ampliato a tutte le moto, i motorini, le microcar e i tricicli l'ecoincentivo riservato per gli acquisti di veicoli elettrici o ibridi introdotto con la manovra. Lo prevede un emendamento del Movimento Cinque Stelle al Decreto Crescita riformulato e approvato alla Camera.

Ora sarà possibile usufruire del 30% di sconto fino ad un massimo di 3.000 euro per gli acquisti dei mezzi L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e ed L7, senza più sottostare a limiti di potenza imposti che, precedentemente, erano di 11 kw.

In più sarà consentito di rottamare i vecchi veicoli euro 0, 1, 2 e 3, mentre prima era possibile solo la rottamazione degli euro 2. Non solo, sarà permesso rottamare anche i mezzi di "familiari conviventi".

PROSEGUI LA LETTURA

Ecoincentivi estesi a moto, motorini, microcar e tricicli é stato pubblicato su Motoblog.it alle 16:36 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Parco Valentino 2019: programma e mappa stand Mon, 17 Jun 2019 16:30:28 +0000 https://www.autoblog.it/post/980337/parco-valentino-2019-il-programma-della-quinta-edizione https://www.autoblog.it/post/980337/parco-valentino-2019-il-programma-della-quinta-edizione Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Parco Valentino 2019: programma e date

Supercar da sogno, auto del passato del presente e del futuro torneranno a sfilare tra le strade di Torino in occasione del Parco Valentino 2019, la quinta edizione della rassegna che aprirà i battenti dal 19 al 23 giugno. Il Presidente Andrea Levy ha presentato le novità di un'edizione che conferma tutti gli ingredienti che hanno decretato il successo di quelle precedenti, come l'accesso gratuito alle aree espositive previa registrazione al sito parcovalentino.com Tra queste ci sono spazi inediti dedicati alla nautica ed al motociclismo, con l'anteprima mondiale del Titanium 40 di Nadir Yachts e la partecipazione di Honda, Yamaha e Suzuki.

I brand presenti al Parco Valentino 2019


Nell'edizione di quest'anno le marche partecipanti al salone del Parco Valentino saranno 54, pari al 98% delle aziende operanti sul mercato automobilistico italiano. Eccole, in ordine alfabetico: Abarth, Alfa Romeo, Aston Martin, Audi, Automobili Pininfarina, BMW, Bentley, Bugatti, Chevrolet, Citroën, DR, Dacia, Dallara, Fiat, Fioravanti, Ford, GFG Style, Giannini, Honda, Hyundai, Italdesign, Jaguar, Jannarelly, Jeep, Kia, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Lexus, Mazda, McLaren, Mercedes-Benz, Militem, Mitsubishi, Mole Automobiles, Nissan, Opel, Pagani, Peugeot, Porsche, Quadro Vehicles, Renault, Seat, Skoda, Smart, Spice-X, SsangYong, Studiotorino, Suzuki, Tesla, Toyota, Volkswagen, XEV e Yamaha.


Parco Valentino 2019: il programma


Il tema di quest'anno sarà l'innovazione, non a caso sarà un'auto a guida autonoma a tagliare il nastro nella cerimonia di inaugurazione di mercoledì 19 giugno, seguita dalla parata dei rappresentanti delle Case automobilistiche. A seguire ci sarà la Journalist Parade riservata ai giornalisti automotive, per finire con la Supercar Night Parade che vedrà protagoniste vetture dei marchi più prestigiosi come Ferrari, Porsche, Lamborghini, Aston Martin, Maserati, McLaren e Lotus. Sempre nella serata inaugurale sfileranno le monoposto di Formula 1 più iconiche come la Ferrari di Michele Alboreto insieme ad altri bolidi che hanno fatto la storia del Mondiale.

Nella corte del Castello del Valentino saranno esposte, oltre alle vetture della President Parade, le automobili dei collezionisti internazionali invitati alla manifestazione. Tra queste Lamborghini Miura, Lancia Stratos, Ferrari LaFerrari, Maserati MC12, McLaren Senna, Delta Futurista, Pagani Huayra BC e Bugatti Chiron. Le ricorrenze principali sono legate ai 110 anni di Bugatti, i 100 di Citroen (22 giugno), i 30 anni della spider più venuta al mondo Mazda MX-5 (22 giugno) ed  il 25° anniversario di Fiat Coupé. Per le celebrazioni sono state organizzate esposizioni, sfilate e incontri con i rappresentanti dei brand nei giorni della manifestazione. Nei cinque giorni della rassegna sarà dato ampio spazio alla mobilità del futuro con focus su auto elettriche, full-hybrid e ibride plug-in, con la partecipazione di Enel X.

Sabato 22 giugno un'altra novità con il debutto del concorso di eleganza Parco Valentino Classic, riservato alle storiche di prestigio, con raduno previsto in Piazza Vittorio Veneto per poi sfilare verso il Cortile del Castello del Valentino, dove verrà premiata l'auto Best in Show con un trofeo esclusivo realizzato da GFG Style di Giorgetto e Fabrizio Giugiaro. Domenica 23 giugno gran finale con il Gran Premio Parco Valentino, l’evento organizzato insieme con Automobile Club Torino. I collezionisti partiranno da piazza Vittorio Veneto per il percorso di 40 chilometri che attraverserà Via Roma e Piazza San Carlo e che li porterà fino alla Reggia di Venaria.

Parco Valentino 2019: gli orari




  • mercoledì 19: cerimonia di inaugurazione. Alle 20.00 partenza Supercar Night Parade

  • giovedì 20: apertura al pubblico dalle 10.00 alle 24.00

  • venerdì 21: apertura al pubblico dalle 10.00 alle 24.00

  • sabato 22: apertura al pubblico dalle 10.00 alle 24.00

  • domenica 23: apertura al pubblico dalle 10.00 alle 24.00


Parco Valentino 2019: la mappa degli stand


Qui sotto riproduciamo la mappa con le collocazioni di tutti gli stand delle marche che esporranno i propri modelli al salone del Parco Valentino 2019, unitamente all'indicazione degli ingressi.

 

Mappa Ufficiale Parco Valentino 2019 by Blogo Motori on Scribd

PROSEGUI LA LETTURA

Parco Valentino 2019: programma e mappa stand é stato pubblicato su Autoblog.it alle 16:30 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Parco Valentino 2019: c'è anche Fiat Centoventi Mon, 17 Jun 2019 14:00:28 +0000 https://www.autoblog.it/post/984875/parco-valentino-2019-fiat-centoventi https://www.autoblog.it/post/984875/parco-valentino-2019-fiat-centoventi Dario Montrone Dario Montrone


All'imminente Salone dell'Auto di Torino 2019, in programma al Parco del Valentino, sarà presente anche il brand Fiat con l'esposizione della concept car Fiat Centoventi, affiancata dalle speciali Fiat 500X 120° e Fiat Tipo Sport.

La concept car Fiat Centoventi, già esposta in anteprima mondiale lo scorso marzo all'ultima edizione del Salone di Ginevra e in anteprima nazionale lo scorso maggio all'evento Motor Valley Fest di Modena, rappresenta l'ambasciatrice della cosiddetta 'mobilità elettrica democratica' e rivestirà, in futuro, lo stesso ruolo avuto dalle antenate Fiat 500 verso la fine degli anni '50 e Fiat Panda agli inizi degli anni '80. Tra le specifiche caratteristiche figurano gli accessori 'plug and play' per l'abitacolo, la personalizzazione in stile wrapping per la carrozzeria e l'autonomia variabile dai 100 ai 500 km.

La Fiat 500X 120°, invece, è riconoscibile per la livrea bicolore, con la tinta a contrasto per il tetto e gli specchietti retrovisori. La specifica dotazione di serie comprende il sistema multimediale UConnect HD Live con il display touch screen da 7.0 pollici, la predisposizione Apple Car Play e Android Auto, l'abbonamento per sei mesi ad Apple Music, i sensori crepuscolare e pioggia, l'accensione automatica dei fari e il sistema di assistenza al parcheggio.

Infine, sarà esposta anche la Fiat Tipo Sport, disponibile solo nella variante hatchback a cinque porte. Nello specifico, l'esemplare presente allo stand di Fiat avrà la carrozzeria di colore rosso e il tetto nero a contrasto, sarà equipaggiata con il motore diesel 1.6 MultiJet da 120 CV di potenza abbinato al cambio sequenziale DCT a doppia frizione, nonché dotata degli interni in Total Black.

PROSEGUI LA LETTURA

Parco Valentino 2019: c'è anche Fiat Centoventi é stato pubblicato su Autoblog.it alle 14:00 di Monday 17 June 2019

]]>
0
Fernando Alonso: il futuro incerto di un campione Mon, 17 Jun 2019 12:00:57 +0000 https://www.autoblog.it/post/984868/fernando-alonso-il-futuro-incerto-di-un-campione https://www.autoblog.it/post/984868/fernando-alonso-il-futuro-incerto-di-un-campione Roberto Speranza Roberto Speranza

Fernando Alonso incassa un regalone dalla sorte che gli ha consegnato la seconda vittoria alla 24 ore di Le Mans in due partecipazioni. Per gli amanti delle statistiche, ciò non accadeva dal 1930, quando il britannico Woolf Barnato centrò il terzo successo consecutivo con la Bentley. I numeri dicono anche che Alonso è l’unico ad aver vinto più di una volta sia il mondiale di Formula 1 che la classica della Sarthe.

E ora? Il campione spagnolo ha momentaneamente salutato la categoria endurance. Tuttavia, stando a quanto ha dichiarato alla stampa spagnola poco prima della gara, si tratta di un arrivederci, non di un addio definitivo. Alonso ha infatti detto che tornerà sicuramente nel WEC quando il campionato sarà passato al nuovo regolamento sulle hypercars, in vigore dal 2021. Però Fernando non ha specificato in quale stagione dovrebbe avvenire il suo ritorno; ha solo detto sarà certamente nel 2021, 2022 o 2023. Né ha detto quale macchina guiderà.

 

Fernando Alonso tra Indy e forse la Formula 1



E nel frattempo? Quale sarà il futuro di Fernando Alonso? Tante voci continuano a rincorrersi su un suo eventuale, nonché clamoroso, ritorno in Formula 1. Qualcuno lo vede in Ferrari, qualcun altro in Mercedes, ma al momento non esiste il minimo dettaglio concreto che possa confermare tali ipotesi. Tuttavia dal punto di vista del suo palmarès personale, è certo che gli brucia parecchio il fallimento dell’avventura alla 500 miglia di Indianapolis. Nel 2018 un guasto nella fase finale mentre era in testa, ma questo ci poteva stare.

Però grida vendetta la mancata qualificazione di quest’anno; è vero che lui è andato a sbattere, però la McLaren ha peccato di eccessiva superficialità e arroganza, credendo di poter fare tutto da sola, salvo poi scoprire che il budget “avanzato” dalla F1 non le permetteva di combinare un gran che, quindi si sono poi rivolti a personale americano non di primo piano. Mentre nel 2018 avevano scelto saggiamente di affidare l’intera avventura al team Andretti, e infatti quasi erano riusciti nel colpaccio.

Vincere ad Indy permetterebbe a Fernando di entrare in quel ristrettissimo club di piloti vincitori del mondiale di Formula 1, della 24 ore di Le Mans e, appunto della 500 miglia di Indianapolis. E’ questa la vera “Triple Crown”, tripla corona. Quella che invece considera Indy, Le Mans e il GP di Monaco tutto sommato è minore, perché un campionato vale molto più di una singola gara. La tripletta sopra citata testimonia l’universalità di un pilota, la sua capacità di vincere in categorie molto diverse tra loro. Una qualità rarissima, infatti l’impresa è riuscita ad un solo pilota, finora: Graham Hill. Il campione britannico vinse il mondiale di F1 nel 1962 e 1968, Indy nel 1966 e Le Mans nel 1972. Si aggiudicò anche per cinque volte il GP di Monaco.

Alonso ha dichiarato nei giorni scorsi che tornerà sicuramente ad Indianapolis, ma non è certo che ciò avverrà nel 2020 (questo potrebbe avvalorare l’ipotesi di un impegno in F1, ma è una voce come un’altra). Non va nemmeno dato per scontato che corra ancora su una McLaren. Infatti ad inizio mese aveva precisato che sta valutando le possibilità, per scegliere la squadra più competitiva. Gli conviene. L’unica certezza è che l’impegno americano sarà esclusivamente per la 500 miglia di Indianapolis, non anche nel campionato Indlis, non anche nel resto del campionato Indy Car.

PROSEGUI LA LETTURA

Fernando Alonso: il futuro incerto di un campione é stato pubblicato su Autoblog.it alle 12:00 di Monday 17 June 2019

]]>
0