Trattativa stato-mafia: i rinvii a giudizio