L’Isis, gli ospedali e il medico australiano