Fiat e Magna: le mani sulla Opel