Di Pietro, Berlusconi e la TV