it_IT Entertainment Blogo.it - Ultime notizie della sezione Entertainment Mon, 15 Jul 2019 20:58:39 +0000 Mon, 15 Jul 2019 20:58:39 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) https://www.blogo.it/entertainment 2004-2014 Blogo.it Candyman, via alle riprese ad agosto per il 'sequel' prodotto da Jordan Peele Mon, 15 Jul 2019 20:45:17 +0000 https://www.cineblog.it/post/914195/candyman-riprese-sequel-jordan-peele https://www.cineblog.it/post/914195/candyman-riprese-sequel-jordan-peele Federico Boni Federico Boni

Secondo quanto riportato dal Chicago Tribune (via Bloody Disgusting), l'imminente sequel di Candyman prodotto da Jordan Peele e interpretato da Yahya Abdul-Mateen II andrà incontro alle riprese a metà agosto, per poi concluderle in autunno. Chicago sarà l'unica location del film.

Tony Todd, primo storico Candyman, apparirà in un cameo, per quello che è stato definito "sequel spirituale" del classico horror del 1992, scritto e diretto da Bernard Rose e basato sul racconto The Forbidden di Clive Barker. Nel 1999 uscì poi un sequel, Candyman - Il giorno della morte, in questo caso neanche preso in considerazione dal punto di vista cronologico. Peele ripeterà quanto fatto da Jason Blum e Carpenter con l'ultimo Halloween, sequel 'diretto' del film anni '70.

Nia DaCosta (Little Woods) dirigerà Candyman da una sceneggiatura di Peele e Win Rosenfeld. Ad indossare i panni del protagonista Yahya Abdul-Mateen II, visto di recente in Aquaman. Il suo personaggio viene descritto come un artista ossessionato dalla leggenda del serial killer. Al suo fianco Teyonah Parris, che interpreterà il ruolo della sua fidanzata.

MGM produrrà e finanzierà Candyman insieme alla Universal, che si occuperà della distribuzione in sala. Il film uscirà al cinema il ​​12 giugno 2020.

PROSEGUI LA LETTURA

Candyman, via alle riprese ad agosto per il 'sequel' prodotto da Jordan Peele é stato pubblicato su Cineblog.it alle 20:45 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Monster Problems della Paramount ha una data d'uscita Mon, 15 Jul 2019 20:38:54 +0000 https://www.cineblog.it/post/914197/monster-problems-film-2020-dylan-obrien https://www.cineblog.it/post/914197/monster-problems-film-2020-dylan-obrien Federico Boni Federico Boni

Secondo quanto riportato da Bloody Disgusting, la Paramount ha finalmente fissato la data di uscita del post-apocalittico Monster Problems. Interpretato da Dylan O'Brien di The Maze Runner, il film uscirà nei cinema il prossimo 6 marzo del 2020.

Monster Problems sarà diretto e sceneggiato da Michael Matthews, con Shawn Levy produttore. Si dice che il progetto sia un road movie con un giovane che vive in un mondo post-apocalittico invaso dai mostri. Il film è stao paragonato a Mad Max che incontra Zombieland con le sfumature di John Hughes.

Monster Problems sarà poi interpretato da Michael Rooker, Jessica Henwick, Arianna Greenblatt e Dan Ewing. Rooker interpreterà il ruolo del cacciatore esperto Clyde, che farà da come mentore a Joel Dawson (O'Brien) su come sopravvivere ad un'apocalisse di mostri.

Matthews ha diretto il thriller western sudafricano Five Fingers for Marseilles, sui giovani 'Five Fingers' che hanno combattuto per la città rurale di Marsiglia, contro la brutale oppressione della polizia venti anni fa.

PROSEGUI LA LETTURA

Monster Problems della Paramount ha una data d'uscita é stato pubblicato su Cineblog.it alle 20:38 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Greta Gerwig e Noah Baumbach si ritrovano per Barbie Mon, 15 Jul 2019 20:32:05 +0000 https://www.cineblog.it/post/914200/greta-gerwig-noah-baumbach-barbie https://www.cineblog.it/post/914200/greta-gerwig-noah-baumbach-barbie Federico Boni Federico Boni

5 anni dopo Mistress America, Greta Gerwig e Noah Baumbach si ritroveranno sul set grazie all'annunciato live-action di Barbie. Baumbach, che ha diretto Greta anche in Lo stravagante mondo di Greenberg e Frances Ha, scriverà lo script per la Gerwig, regista designata della pellicola nonché sua compagna nella vita reale.

Margot Robbie è la protagonista del progetto, da lei anche prodotto tramite la LuckyChap.

Il film in live-action di Barbie è in lavorazione dal 2018, quando la Sony scelse prima Amy Schumer e poi Anne Hathaway per il ruolo principale, con Alethea Jones regista. Ma quando Barbie è passato dalla Sony alla Warner alla fine dello scorso anno, tutto è cambiato. Patty Jenkins si era avvicinata al film, poi finito tra le mani della Gerwig, a dicembre di nuovo al cinema grazie a Piccole Donne.

Baumbach ha invece da poco girato un film per Netflix, un drama/comedy con Adam Driver e Scarlett Johansson.

PROSEGUI LA LETTURA

Greta Gerwig e Noah Baumbach si ritrovano per Barbie é stato pubblicato su Cineblog.it alle 20:32 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Austin Butler sarà Elvis Presley nel film di Baz Luhrmann Mon, 15 Jul 2019 20:24:24 +0000 https://www.cineblog.it/post/914193/austin-butler-elvis-presley-baz-luhrmann https://www.cineblog.it/post/914193/austin-butler-elvis-presley-baz-luhrmann Federico Boni Federico Boni

Sarà Austin Butler, a breve in sala con Once Upon a Time in Hollywood, ad interpretare Elvis Presley nel nuovo progetto attualmente senza titolo di Baz Luhrmann. Butler si unisce a Tom Hanks, che interpreterà lo storico manager di Presley, il colonnello Tom Parker.

Butler ha battuto Ansel Elgort (Baby Driver), Miles Teller (Top Gun: Maverick) e Harry Styles (Dunkerque), che erano insieme a lui in lizza per l'ambitissimo ruolo. Queste le prime parole di Luhrmann a riguardo.

Sapevo che non avrei potuto realizzare questo film se il casting non fosse stato assolutamente perfetto, e abbiamo cercato a fondo un attore con la capacità di evocare il singolare movimento naturale e le qualità vocali di questa impareggiabile stella, ma anche la vulnerabilità interiore dell'artista. Durante tutto il processo di casting, è stato un onore per me incontrare una così vasta gamma di talenti. Avevo sentito parlare di Austin Butler dal suo ruolo di spicco al fianco di Denzel Washington in The Iceman Cometh a Broadway, e dopo una lunga serie di test su schermo e performance musicali, sapevo inequivocabilmente di aver trovato qualcuno che potesse incarnare lo spirito di una delle figure musicali più iconiche del mondo.

Il film esplorerà la vita e la musica di Elvis attraverso il suo complicato rapporto con il suo manager, il colonnello Tom Parker, che scoprì Presley quando era solo uno sconosciuto, tramutandolo in divo planetario. Il biopic di Elvis è stato co-scritto da Luhrmann e da Craig Pearce (Romeo + Juliet, Moulin Rouge!). Budget non ancora approvato, ma Luhrmann spera di dare il via alla produzione il 2020.

PROSEGUI LA LETTURA

Austin Butler sarà Elvis Presley nel film di Baz Luhrmann é stato pubblicato su Cineblog.it alle 20:24 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Babylon, Emma Stone ritrova Damien Chazelle Mon, 15 Jul 2019 20:18:03 +0000 https://www.cineblog.it/post/914191/babylon-emma-stone-damien-chazelle-film https://www.cineblog.it/post/914191/babylon-emma-stone-damien-chazelle-film Federico Boni Federico Boni

Secondo quanto riportato da Deadline, Emma Stone, premio Oscar grazie a La La Land, potrebbe ritrovare Damien Chazelle nel suo annunciato nuovo film, Babylon. Chazelle, visto al cinema nel 2018 con First Man, ha scritto anche la sceneggiatura della pellicola, descritta come un dramma ambientato nel periodo d'oro di Hollywood. Un "audace film d'autore con un budget significativo". La Lionsgate sarebbe in testa, tra i tanti studios che si stanno contendendo il film all'asta.

Olivia Hamilton, Matt Plouffe e Marc Platt faranno da produttori. Deadline conferma che questo Babylon non è il musical che Chazelle aveva già scritto, e che di fatto ad oggi rimane chiuso in un cassetto.

Costato 60 milioni di dollari, First Man ne ha incassati 'solo' 105 in tutto il mondo, vincendo un Oscar su 4 candidature. La La Land, uscito nel 2016, vinse sei Oscar su 14 nomination, incassando 446,092,357 dollari dopo esserne costati poco più di 30.

PROSEGUI LA LETTURA

Babylon, Emma Stone ritrova Damien Chazelle é stato pubblicato su Cineblog.it alle 20:18 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Avril Lavigne, I Fell in Love With the Devil: testo, traduzione e video ufficiale Mon, 15 Jul 2019 19:11:12 +0000 https://www.soundsblog.it/post/578049/avril-lavigne-i-fell-in-love-with-the-devil-testo-traduzione-video-significato-canzone https://www.soundsblog.it/post/578049/avril-lavigne-i-fell-in-love-with-the-devil-testo-traduzione-video-significato-canzone Alberto Graziola Alberto Graziola

"I Fell in Love With the Devil" è stato inizialmente pubblicato il 28 giugno 2018, essenziale in una versione più breve, per il suo sesto album in studio di Avril Lavigne, Heads Above Water, come terza traccia.

In "I Fell in Love with the Devil" Avril parla di una relazione tossica vissuta dalla cantante. Avril, in un'intervista, ha ammesso che la canzone è stata ispirata da un rapporto tossico che ha mantenuto durante la sua battaglia con malattia di Lyme.

Ma era qualcosa feroce e io ero davvero spaventata. Ero ancora indebolita e così vulnerabile, spaventata e insicuroa in quel momento. Poi è accaduto. Era quello che chiamano "relazione tossica" e l'unica cosa buona è che non ci è voluto molto a chiuderla. Ne ero uscita in fretta, letteralmente preso d'assalto. E come spesso accade con me, una canzone è nata dall'esperienza.

Poche settimane prima dell'uscita della canzone, Avril ha annunciato un concorso per disegnare l'opera d'arte per il suo prossimo singolo, "I Fell in Love with the Devil", usando l'immagine che aveva scelto.

Avril Lavigne, I Fell in Love With the Devil, Lyrics

[Verse 1]
Shotguns and roses make a deadly potion
Heartbreak explosions in reckless motion
Teddy bears and "I'm sorry" letters
Don't seem to make things better
Don't bury me alive
Sweet talkin' alibi

[Pre-Chorus1]
But I-I-I-I-I can't stop the rush
And I-I-I-I-I can't give you up
No, I-I-I-I-I know you're no good for me
You're no good for me

[Chorus2]
I fell in love with the Devil
And now I'm in trouble
I fell in love with the Devil
I'm underneath his spell (Oh-oh-oh-oh)
Someone send me an angel
To lend me a halo
I fell in love with the Devil
Please, save me from this hell (Oh-oh-oh-oh)

[Verse 2]
Got me playin' with fire (Playin' with fire)
Baby, hand me the lighter (Hand me the lighter)
Tastes just like danger (Tastes just like danger)
Chaotic anger

[Pre-Chorus1]
But I-I-I-I-I can't stop the rush
And I-I-I-I-I can't give you up
No, I-I-I-I-I know you're no good for me
You're no good for me

[Chorus2]
I fell in love with the Devil
And now I'm in trouble
I fell in love with the Devil
I'm underneath his spell (Oh-oh-oh-oh)
Someone send me an angel
To lend me a halo
I fell in love with the Devil
Please, save me from this hell (Oh-oh-oh-oh)

[Bridge5]
Angels and Devils always fight over me (Fight over me)
Take me to heaven, wake me up from this dream
Even in sunlight, clouds shadow over me (Shadow on me)
It's now or never, wake me up from this dream

[Chorus2]
I fell in love with the Devil
And now I'm in trouble
I fell in love with the Devil
I'm underneath his spell
Someone send me an angel
To lend me a halo
I fell in love with the Devil
Please, save me from this hell (This hell)

[Outro7]
Dig deep, six feet (Ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh)
Dig deep, it's killin' me (Ahh, ahh, ahh, ahh)
(I fell in love with the Devil)
Dig deep, six feet (Ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh)
(And now I'm in trouble)
(I fell in love with the Devil)
Dig deep (Ahh, ahh, ahh, ahh)
It's killin' me

Avril Lavigne, I Fell in Love With the Devil, Traduzione

Fucili a pompa e rose fanno una pozione mortale
Esplosioni di crepacuori in movimenti spericolati
Orsetti e lettere "Mi dispiace"
Non sembrano migliorare le cose
Non seppellirmi vivo
Dolce parlare di alibi

Ma io-io-io-io-io non posso fermare la corsa
E I-I-I-I-I non posso rinunciarvi
No, io-io-Io-Io-Io so che non mi va bene
Non sei buono per me

Mi sono innamorata del diavolo
E ora sono nei guai
Mi sono innamorata del diavolo
Sono sotto il suo incantesimo (Oh-oh-oh-oh)
Qualcuno mi mandi un angelo
Per prestarmi un'aureola
Mi sono innamorata del diavolo
Per favore, salvami da questo inferno (Oh-oh-oh-oh)

Mi ha fatto giocare con il fuoco (giocando con il fuoco)
Baby, passami l'accendino (Passami l'accendino)
Ha un sapore proprio come il pericolo (ha un sapore proprio come il pericolo)
Rabbia caotica

Ma io-io-io-io-io non posso fermare la corsa
E I-I-I-I-I non posso rinunciarvi
No, io-io-Io-Io-Io so che non mi va bene
Non sei buono per me

Mi sono innamorata del diavolo
E ora sono nei guai
Mi sono innamorata del diavolo
Sono sotto il suo incantesimo (Oh-oh-oh-oh)
Qualcuno mi mandi un angelo
Per prestarmi un'aureola
Mi sono innamorata del diavolo
Per favore, salvami da questo inferno (Oh-oh-oh-oh)

Angeli e diavoli combattono sempre su di me (combatti su di me)
Portami in paradiso, svegliami da questo sogno
Anche alla luce del sole, le nuvole mi ombreggiano (Shadow on me)
È ora o mai più, svegliami da questo sogno

Mi sono innamorata del diavolo
E ora sono nei guai
Mi sono innamorata del diavolo
Sono sotto il suo incantesimo (Oh-oh-oh-oh)
Qualcuno mi mandi un angelo
Per prestarmi un'aureola
Mi sono innamorata del diavolo
Per favore, salvami da questo inferno (Oh-oh-oh-oh)

Scava in profondità, sei piedi (Ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh)
Scava in profondità, mi sta uccidendo (Ahh, ahh, ahh, ahh)
(Mi sono innamorata del diavolo)
Scava in profondità, sei piedi (Ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh, ahh)
(E ora sono nei guai)
(Mi sono innamorata del diavolo)
Scava in profondità (Ahh, ahh, ahh, ahh)
Mi sta uccidendo

PROSEGUI LA LETTURA

Avril Lavigne, I Fell in Love With the Devil: testo, traduzione e video ufficiale é stato pubblicato su Soundsblog.it alle 19:11 di Monday 15 July 2019

]]>
0
A Quiet Place 2: John Krasinski conferma riprese in corso e prime foto dal set Mon, 15 Jul 2019 19:10:50 +0000 https://www.cineblog.it/post/912141/a-quiet-place-2-ha-iniziato-le-riprese-e-ha-una-data-di-uscita-ufficiale https://www.cineblog.it/post/912141/a-quiet-place-2-ha-iniziato-le-riprese-e-ha-una-data-di-uscita-ufficiale Pietro Ferraro Pietro Ferraro

Dopo il successo di A Quiet Place, l'attore e regista John Krasinski conferma su Twitter riprese in corso a New York per il sequel A Quiet Place 2.

Il sequel girerà 35 giorni nella contea di Erie con la maggior parte delle riprese che si svolgono in un piccolo villaggio fuori da Buffalo chiamato Akron. Da lì la produzione si trasferirà nella contea di Chautauqua per dieci giorni prima di trasferirsi nella contea di Dutchess per due giorni, e infine concluderà la produzione con un giorno di riprese nella contea di Ulster.

John Krasinski dirige "A Quiet Place 2" da una sua sceneggiatura. Sua moglie Emily Blunt torna nel ruolo di Evelyn Abbott, insieme a Millicent Simmonds come sua figlia, Regan Abbott, e Noah Jupe come suo figlio, Marcus Abbott. A loro si uniranno i nuovi arrivati Cillian Murphy e Brian Tyree Henry.

Krasinski ha diretto l'originale "A Quiet Place" da una sceneggiatura che ha scritto insieme a Bryan Woods e Scott Beck sulla base di una storia di Woods e Beck. Michael Bay ha prodotto il film insieme a Andrew Form e Brad Fuller, con musiche Marco Beltrami, fotografia di Charlotte Bruus Christensen e montaggio di Christopher Tellefsen. Erik Aadahl e Ethan Van der Ryn sono stati nominati per un Oscar per il miglior montaggio sonoro del film. L'originale "A Quiet Place" costato tra i 17 e i 21 milioni di dollari è stato un grande successo al botteghino incassando un totale di circa 340 milioni in tutto il mondo. Il film originale è stato anche un grande successo di critica ottenendo una valutazione del 95% su Rotten Tomatoes.

"A Quiet Place 2" ha una una data di uscita ufficiale fissata al 20 marzo 2020.

 







 


 


 


 


 

Fonte: Collider

 

 

A Quiet Place 2 ha iniziato le riprese e ha una data di uscita ufficiale

Riprese ufficialmente in corso per A Quiet Place 2. Il primo film dopo un debutto in sordina e grazie al passaparola è diventato una successo a sorpresa con 340 milioni di dollari incassati a fronte di un budget di 17 milioni. Scritto e diretto da John Krasinski, il film originale racconta la storia di una famiglia che lotta per sopravvivere in un mondo afflitto da terrificanti creature. Con i mostri praticamente ciechi che che cacciano utilizzando un sofisticato apparato uditivo, la famiglia è costretta a vivere nel completo silenzio. Krasinski ha recitato nel film insieme alla moglie Emily Blunt. I loro figli sono stati interpretati da Noah Jupe e Millicent Simmonds.

I dettagli su che direzione prenderà la storia, o su come il mondo del film verrà espanso rimangono sotto il più stretto riserbo. È stato tuttavia confermato che Jupe, Simmonds e Blunt riprenderanno tutti i loro ruoli. Il personaggio di Krasinski è stato ucciso nel terzo atto del primo film, quindi non apparirà al di fuori di potenziali flashback. L'ex protagonista della serie tv The Office tuttavia potrebbe riprendere il ruolo del "mostro" interpretato in motion-capture nel primo film, quel che è certo è che è tornato a scrivere e dirigere il sequel.

Come riportato dal sito ComingSoon.net, Paramount Pictures ha annunciato che le riprese di "A Quiet Place 2" sono ufficialmente iniziate. Lo studio ha inoltre confermato che il cast di ritorno sarà affiancato da Cillian Murphy, lo "Spaventapasseri" della trilogia Il cavaliere oscuro di Nolan, e dal Brian Tyree Henry visto nel recente remake La bambola assassina. I ruoli di entrambi gli attori non sono stati rivelati. Lo studio ha anche fornito una data di uscita ufficiale fissata al 20 marzo 2020.

John Krasinski è anche protagonista della serie tv Jack Ryan recentemente rinnovata per una terza stagione da Amazon. La lanciatissima Blunt ha recentemente terminato le riprese di Jungle Cruise di Disney in cui recita al fianco di Dwayne "The Rock" Johnson mentre Tyree Henry oltre ad affrontare il nuovo e letale bambolotto Chucky sarà protagonista insieme a Joaquin Phoenix del film Joker e sarà nel cast del crossover Godzilla vs Kong.

Krasinski in precedenza ha assicurato che "A Quiet Place 2" non sarà un sequel tipico come quelli di Alien e Lo squalo e che riserverà qualche sorpresa a livello di narrazione.

 

 

Fonte: Comingsoon.net

 

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

A Quiet Place 2: John Krasinski conferma riprese in corso e prime foto dal set é stato pubblicato su Cineblog.it alle 19:10 di Monday 15 July 2019

]]> 0 3 From Hell: nuovo trailer ufficiale del film horror di Rob Zombie Mon, 15 Jul 2019 18:51:24 +0000 https://www.cineblog.it/post/775345/3-from-hell-trailer-rob-zombie-horror https://www.cineblog.it/post/775345/3-from-hell-trailer-rob-zombie-horror Pietro Ferraro Pietro Ferraro

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Disponibile un nuovo full trailer per 3 from Hell di Rob Zombie, sequel diretto de La casa del diavolo (The Devil's Rejects) che vede il ritorno di Bill Moseley come Otis Firefly, Sheri Moon Zombie come Baby Firefly e Sid Haig come il Capitano Spaulding.

La micidiale famiglia Firefly vista nei film precedenti ora deve affrontare un giudice per essere processati e rispondere davanti alla giustizia per la serie di brutali e folli omicidi perpetrati, ma non passa molto tempo prima che il terzetto scateni un nuovo bagno di sangue.

Nel film ci sono anche altri nomi familiari come Dee Wallace, Danny Trejo, Daniel Roebuck, Richard Brake, Jeff Daniel Phillips e tra i cameo confermato Chaz Bono. Il risoc cast è completato Kevin Jackson, Wade Williams, Clint Howard, Pancho Moler, Emilio Rivera, Daniel Roebuck, David Ury, Sean Whalen, Austin Stoker, Bill Oberst Jr., Richard Riehle, Dot-Marie Jones e Tom Papa.

"3 From Hell" debutta nei cinema americani il 16 settembre 2019.

 


 

 

Fonte: Bloody Disgusting
 

 

3 From Hell di Rob Zombie: nuovo poster e data di uscita ufficiale

Il sequel 3 from Hell di Rob Zombie fruirà di un'uscita limitata nelle sale americane dal 16 al 18 settembre 2019. L'ultimo horror del musicista diventato regista funge da sequel ai film La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo. Lionsgate, Saban Films e Fathom’s Digital Broadcast Network hanno siglato una partnership per allestire negli States un evento speciale di tre notti a settembre con la proiezione senza tagli del film di Zombie.

La dchiarazione di Ron Schwartz, presidente di Worldwide Home Entertainment di Lionsgate.

Siamo entusiasti di collaborare di nuovo con Rob Zombie. Con La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo Rob Zombie ha fornito brividi e alte dosi di gore ai fan del genere. Non vediamo l'ora di portare questo prossimo capitolo sugli schermi con Saban Films e Fathom.

 

Ogni proiezione dell'evento speciale conterrà contenuti bonus diversi. Il 16 settembre la proiezione includerà uno speciale video introduttivo di Rob Zombie. Gli spettatori che vedranno "3 From Hell" il 17 settembre potranno godere di uno sguardo dietro le quinte di circa 30 minuti con il making of del sequel. Infine i partecipanti alle proiezioni del 18 settembre fruiranno di una doppia proiezione con "3 From Hell" e "La casa del diavolo".

La dichiarazione del regista Rob Zombie che parla con entusiasmo di un progetto realizzato con passione.

Questo è un evento atteso da tempo. Il viaggio di questi personaggi è sempre stato speciale per me e sono entusiasta di poter finalmente far provare ai fan l'esperienza del prossimo episodio di follia dei Firefly. Questo progetto è stato un vero e proprio lavoro di passione per tutti coloro che sono stati coinvolti, abbiamo creato qualcosa di straordinario per i fedeli seguaci di questi film. Che la follia abbia inizio!

 

Bill Moseley, Sheri Moon Zombie e Sid Haig tornano tutti come la famiglia Firefly a seguito dela sanguinosa sparatoria vista nel finale de "La casa del diavolo". Il cast include anche Danny Trejo, Clint Howard, Daniel Roebuck, David Ury, Dee Wallace, Jeff Daniel Phillips, Kevin Jackson, Sean Whalen, Austin Stoker, Bill Oberst Jr., Dot-Marie Jones, Richard Riehle e Tom Papa. Rob Zombie ha anche promesso che ci saranno alcuni cameo speciali.

Oltre all'annuncio, è stato pubblicato un nuovo poster del film che trovate a seguire e che annuncia il ritorno del male incarnato ("The Evil Eeturns").

 

 

 

Fonte: Bloody Disgusting

 

 

3 From Hell: Rob Zombie annuncia un nuovo trailer e una prima data di uscita

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Dopo l'uscita del primo teaser trailer di 3 From Hell, il regista Rob Zombie ha utilizzato Facebook per rispondere ad alcune domande poste dai fan. Tra le domande naturalmente l'attesa data di uscita del film, con Zombie che ha risposto "Il film sarà nei cinema a settembre", sottolineando che non è ancora sicuro della data esatta di uscita. Inoltre Zombie rivela che un trailer più lungo per il film, che si spera presenterà molte più riprese dal sequel, uscirà a luglio.

Rob Zombie ha risposto anche ad altre domande nel post di Facebook. In primo luogo Zombie ha confermato che il capitano Spaulding sarà nel film, visto che alcuni fan sembravano mettere in dubbio la sua inclusione. "Beh, devi vedere il film per questa risposta", dice Zombie quando gli viene chiesto come la famiglia Firefly sia riuscita a sopravvivere a finale de La casa del diavolo. Infine, il regista conferma anche che la trama è ambientata immediatamente dopo gli eventi del film precedente. Dalle immagini pubblicate sinora sembra che i personaggi siano in custodia della polizia e che la famiglia Firefly stia per subire un processo per i loro efferati e reiterati crimini.

Il cast confermato di "3 From Hell" oltre a Bill Moseley (Otis), Sid Haig (Capitano Spaulding) e Sheri Moon Zombie (Baby) include anche Danny Trejo (Machete), Dee Wallace (Cujo), Richard Brake (Il trono di spade), Daniel Roebuck (Halloween II), Bill Oberst Jr. (Abraham Lincoln vs. Zombies) e Jeff Daniel Phillips (Le streghe di Salem).

 

 

Fonte: Facebook

 

 

3 From Hell: primo trailer del film horror di Rob Zombie


Rob Zombie ha reso disponibile un primo trailer di 3 from Hell. Protagonisti del film i membri della come la famigerata famiglia Firefly interpretati da Sheri Moon Zombie nei panni di Baby, Sid Haig nel ruolo del Capitano Spaulding e Bill Moseley nel ruolo di Otis. I Firefly Sono apparsi per la prima volta nel film d'esordio del regista, La casa dei 1000 corpi del 2003 seguito da La casa del diavolo del 2007, di cui "3 From Hell" è un sequel diretto.

In precedenza si presumeva che i membri della famiglia Firefly fossero stati tutti uccisi alla fine de "La casa del diavolo". Il film era terminato in una brutale resa dei conti con i Firefly crivellati di colpi da un folto gruppo di poliziotti. Ma in "3 From Hell" li vedremo sopravvissuti in mano alle autorità e pronti a subire un processo.

Oltre ai membri della famiglia Firefly che ritornano, ci sono altri volti familiari che saranno nel film. Tra questi altri membri del cast confermati ci sono Danny Trejo (Machete), Dee Wallace (Cujo), Richard Brake (Il trono di spade), Daniel Roebuck (Halloween - The Beginning) e Jeff Daniel Phillips (Halloween II). Zombie ha anche annunciato un sacco di "bizzarri" cameo di celebrità, vedi Chaz Bono.

Rob Zombie ha completato le riprese di "3 From Hell" nel 2018, ma ha rimandato il processo di montaggio per affrontare un tour musicale con Marilyn Manson.

 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 

 

3 From Hell: Rob Zombie annuncia il primo trailer tra "sei giorni"


Rob Zombie ha annunciato l'arrivo del primo trailer ufficiale di 3 From Hell sul suo account Facebook con una didascalia che recita "PRONTI A BRUCIARE". Zombie ha pubblicato un'immagine dal film che ha dato via la conto alla rovescia del trailer che arriva tra 6 giorni, quindi lunedì 10 giugno.

Sappiamo che "3 From Hell" funge da sequel diretto de La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo, proseguendo il racconto delle efferate gesta della famiglia Firefly. Abbiamo visto Captain Spaulding (Sid Haig), Otis (Bill Moseley) e Baby (Sheri Moon Zombie) l'ultima volta coinvolti in una sparatoria all'apparenza letale con la polizia. "3 From Hell" rivela che il terzetto di psicopatici è invece sopravvissuto e da allora i tre sono stati arrestati e incriminati.

Rob Zombie per questo sequel ha reclutato un nutrito cast che include Danny Trejo, Dee Wallace, Richard Brake, Daniel Roebuck e tra i cameo più bizzarri di celebrità è stato confermato quello di Chaz Bono.

"3 from Hell" non ha una data di uscita ufficiale, anche se è prevista la sua uscita entro l'anno.

 

 

Fonte: Facebook

 

 

3 From Hell è quasi pronto, nuove immagini dell'Otis di Bill Moseley e della Baby di Sheri Moon Zombie


Rob Zombie ha condiviso una nuova immagine dell'Otis di Bill Moseley nel sequel 3 From Hell. Insieme all'immagine Zombie, attraverso il suo account Instagram ufficiale, ha rivelato che sta dando gli ultimi ritocchi al tanto atteso progetto, assicurandosi che tutto sia perfetto prima di annunciare che il film è pronto.

So che sembra che abbiamo lavorato su questo da un'eternità, ma deve essere perfetto.

 

"3 from Hell" funge da sequel dei due film precedenti di Zombie, La casa dei 1000 Corpi e La casa del diavolo, e vedrà il ritorno della famiglia Firefly con Baby (Sheri Moon Zombie), Otis (Bill Moseley) e il Capitano Spaulding (Sid Haig). Avevamo lasciato i tre psicopatici apparentemente morti sotto il fuoco di un nutrito posto di blocco della polizia, ma come mostrerà "3 From Hell" si scopre che il folle terzetto è in realtà sopravvissuto.

Zombie non ha rivelato una sinossi ufficiale di "3 From Hell", ma il regista ha fornito alcuni indizi su cosa aspettarsi da questo terzo film. Sembra che la famiglia Firefly sopravviva alla sparatoria vista alla fine di "La casa del diavolo" con tutti e tre i killer in arresto per i loro efferati crimini. Il trio va sotto processo per affrontare le conseguenze delle loro azioni, solo per presumibilmente liberarsi e continuare il sanguinario massacro per cui i Firefly sono tristemente noti. Moseley ha promesso che il film sarà incredibilmente violento, ma visti i due capitoli precedenti e la passione per il "gore" di Zombie è qualcosa che i fan non si aspettano ma pretendono.

 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 

 

Three From Hell: nuova foto ufficiale dell'Otis di Bill Moseley


Nuovo aggiornamento dal regista Rob Zombie sul sequel Three from Hell che ha terminato le riprese ed è attualmente nella fase finale della post-produzione. Dopo La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo prosegue l'efferata saga della famiglia Firefly che vedrà il ritorno del Capitano Spaulding (Sid Haig), della Baby di Sheri Moon Zombie e delll'Otis Driftwood di Bill Moseley ritratto in una nuova foto ufficiale condivisa da Zombie su Instagram con il messaggio a seguire.

Otis potrebbe passare le sue giornate dietro le sbarre, ma almeno ha ancora la sua musica.

 

Nel cast di "Three From Hell" torneranno anche un paio di volti familiari da "La casa del diavolo", Danny Trejo nei panni del famigerato cacciatore di taglie Rondo insieme a Daniel Roebuck nel ruolo del conduttore di talk show Morris Green.

Il cast include anche Dee Wallace nei panni di Greta, Jeff Daniel Phillips nel ruolo di Warden Virgil Dallas Harper, Richard Brake nel ruolo di Winslow Foxworth Coltrane, Pancho Moler nel ruolo di Sebastian, Bill Oberst Jr. nel ruolo di Tony Commando e Clint Howard nel ruolo di un altro clown, Mr. Baggy Britches. Altri membri del cast confermati includono Wade Williams, Austin Stoker, Emilio Rivera, David Ury e Tom Papa. E questo non sta contando alcuni dei "bizzarri cameo" che Zombie ha promesso come la star del Rocky Horror Picture Show Barry Bostwick e il figlio di Cher e Sonny Bono, Chaz Bono.

Oltre a curare regia e sceneggiatura di "Three From Hell", Zombie produrrà anche il film al fianco di Mike Elliott (Death Race - Anarchia, Il re scorpione 4 - La conquista del potere). David Daniels (Leprechaun 6 - Ritorno nel ghetto, 31) è il direttore della fotografia del film, e Glenn Garland (La casa del diavolo, Rob Zombie's Halloween) sta attualmente gestendo il montaggio.

 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 

 

Fonte: Rob Zombie

 

 

Three From Hell: Rob Zombie rivela cameo di Barry Bostwick


Ancora un aggiornamento del sequel Three From Hell, ultimo capitolo della trilogia dedicata alla famigerata Famiglia Firefly i cui membri psicopatici sono stati al centro delle trame dei precedenti La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo.

A fornire un nuovo aggiornamento casting è come di consueto il regista Rob Zombie attraverso il suo account ufficiale di Instagram. Dopo il recente annuncio del cameo di Chaz Bono, Zombie ci fa sapere che ha aggiunto il cameo di un altro attore, Barry Bostwick diventato una celebrità grazie al ruolo di Brad Majors nel musical cult The Rocky Horror Picture Show.

Un altro emozionante cameo di Three From Hell! Eccomi qui con l'unico e solo Barry Bostwick! Come grande fan di Rocky Horror, è stato fantastico avere Barry nel cast.

 

Barry Bostwick oltre al ruolo di Brad in "The Rocky Horror Picture Show" è noto anche come il "Randall M. Winston Jr." della sitcom di lunga durata Spin City al fianco di Michael J Fox. Altri crediti di Bostwick includono ruoli in Spia e lascia spiare, Chestnut - Un eroe a quattro zampe, Un amore senza tempo e più recentemente nel fantasy per ragazzi Il segreto della sirena e nel sequel Il re scorpione 4.

Il ricchissimo cast di supporto di "Three From Hell" include anche Danny Trejo, Dee Wallace che torna a collaborare con con Zombie dopo la sua apparizione in Le streghe di Salem, Wade Williams, Austin Stoker, Emilio Rivera, David Ury e il comico Tom Papa.

"Three From Hell" è attualmente sprovvisto di una data di uscita ufficiale.

 


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da RobZombieofficial (@robzombieofficial) in data:


 

 

Three From Hell: Rob Zombie annuncia bizzarri cameo per il suo nuovo film


Aggiornamento via Rob Zombie sull'imminente sequel Three From Hell. Sono trascorsi ben tredici anni dall'ultima volta che abbiamo visto in azione la famigerata famiglia Firefly e Zombie ha utilizzato Instagram per rivelare ai fan che "Three From Hell" presenterà alcuni "bizzarri cameo" rivelandone uno per l'occasione, quello di Chaz Bono.

Riconosci quest'uomo? È Chaz Bono, @therealchazbono, uno dei tanti bizzarri cameo in Three From Hell.

 

Chaz Salvatore Bono (nato Chastity Sun Bono) è un uomo transgender figlio di Sonny Bono e Cher. Chaz non è estraneo al genere horror avenfo interpretato ruoli nella settima stagione della serie tv American Horror Story e nel recente horror Reborn di Julian Richards.

"Three from Hell" è scritto e diretto da Rob Zombie, che è anche produttore del film insieme a Mike Elliott. Il film conclude una trilogia iniziata con La casa dei 1000 corpi e proseguita con La casa del diavolo. Questo terzo film vedrà il ritorno delle star originali Sid Haig, Bill Moseley e Sheri Moon Zombie nei panni rispettivamente di Capitan Spaulding, Otis B. Driftwood e Vera-Ellen "Baby" Firefly.

Altri attori apparsi in "La casa dei 1000 corpi" e "La casa del diavolo" di ritorno includono Danny Trejo nei panni di Rondo e Daniel Roebuck nei panni di Morris Green. Tra i nuovi membri del cast ci saranno Jeff Daniel Phillips come Warden Virgil Dallas Harper, Richard Brake come Winslow Foxworth Coltrane, Pancho Moler come Sebastian, Bill Oberst Jr. come Tony Commando e Clint Howard come Mr. Baggy Britches. Oltre a questi attori, il cast includerà anche nomi di spicco del cinema di genere come Dee Wallace, Wade Williams, Austin Stoker, Emilio Rivera, David Ury e Tom Papa in ruoli non specificati. "Three From Hell" non ha ancora una data di uscita ufficiale, ma Zombie sta attualmente ultimando la fase di post-produzione.

 


 











Visualizza questo post su Instagram



PROSEGUI LA LETTURA

3 From Hell: nuovo trailer ufficiale del film horror di Rob Zombie é stato pubblicato su Cineblog.it alle 18:51 di Monday 15 July 2019

]]> 0 Radioblog, Radio Italia Trend: il progetto di Radio Italia dedicato all'Indie, al Rap e alla Trap Mon, 15 Jul 2019 17:02:25 +0000 https://www.soundsblog.it/post/578045/radio-italia-trend-indie-rap-trap https://www.soundsblog.it/post/578045/radio-italia-trend-indie-rap-trap Fabio Morasca Fabio Morasca

A partire da oggi, lunedì 15 luglio 2019, è disponibile sul sito di Radio Italia - Solo Musica Italia, la nuova radio Radio Italia Trend.

Il nuovo progetto promosso da Radio Italia sarà dedicato ai generi musicali maggiormente di tendenza in Italia, il rap, la trap e la musica indie. Radio Italia Trend, come già anticipato, vivrà attraverso una web radio ma anche con un canale tv e con un programma radiofonico sulle frequenze di Radio Italia.

Radio Italia Trend subentrerà a Radio Italia Rap e sarà attiva 24 ore su 24 con una programmazione musicale che, oltre ai tre generi musicali precedentemente citati, sarà dedicata anche alle altre nuove tendenze musicali italiane.

Radio Italia Trend è disponibile attraverso il seguente indirizzo: https://www.radioitalia.it/webradio/radioitaliatrend.php. La radio sarà fruibile anche sul canale 717 del digitale terrestre e tramite l’app iRadioItalia.

Come già anticipato, inoltre, Radio Italia Trend sarà anche un programma che andrà in onda su Radio Italia - Solo Musica Italiana.

Il programma avrà un appuntamento settimanale fisso nel palinsesto di Radio Italia, andrà in onda ogni domenica notte, dalle ore 23 a mezzanotte, e sarà condotto dalla speaker Manola Moslehi. Oltre alla musica, ci sarà spazio anche ad interviste ad alcuni tra gli artisti più amati e seguiti.

Radio Italia Trend Tv è ricevibile anche in HD sul canale 726 di Sky e sul canale 54 di TivùSat.

Radio Italia Trend, infine, è attiva anche sui social, unicamente su Instagram (instagram.com/radioitaliatrend), con novità, iniziative, notizie riguardanti tour e interviste ai principali artisti.

PROSEGUI LA LETTURA

Radioblog, Radio Italia Trend: il progetto di Radio Italia dedicato all'Indie, al Rap e alla Trap é stato pubblicato su Soundsblog.it alle 17:02 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Say Yes to the Dress, Randy Fenoli celebra 52 matrimoni a Central Park Mon, 15 Jul 2019 16:35:27 +0000 https://www.tvblog.it/post/1663070/say-yes-to-the-dress-52-matrimoni-nuova-stagione https://www.tvblog.it/post/1663070/say-yes-to-the-dress-52-matrimoni-nuova-stagione Claudia Cabrini Claudia Cabrini

A novembre partirà la sua prima versione italiana su Real Time, ma uno dei capisaldi della programmazione del canale 31 del digitale terrestre, nel frattempo, continua a conquistare pubblico, spose e matrimoni là dove tutto è incominciato e dove anche noi l'abbiamo conosciuto: a New York.

Stiamo parlando di Say Yes To The Dress, programma di punta di Real Time di cui l'emittente ha trasmesso ben 15 stagioni - ancora visibili anche sul suo portale online DPlay - prima di decidersi ad 'adottare il format' creandone finalmente una tutta sua. Così, se dal prossimo novembre lo vedremo ambientato a Palermo con la conduzione di Enzo Miccio e per la produzione di B&B Film (anche produttore de Il Boss delle Cerimonie), è però ancora al suo format originale, con i magici abiti da sposa del Kleinfeld Bridal di Manhattan, New York, che le spettatrici italiane, ad oggi, continuano a rimaner ancorate, immaginando che proprio là esista il paradiso in terra per ogni futura sposa che si rispetti.

Say Yes To The Dress, che in America sta registrando in questi giorni la nuova stagione che andrà in onda dal prossimo gennaio promettendo di portare il format 'ad un altro livello', continua quindi a regalare forti emozioni, e a confermarlo sono anzitutto le 52 coppie protagoniste del suo prossimo primo episodio di apertura di stagione, che racconterà di un 'matrimonio di gruppo' senza eguali celebrato solo pochi giorni fa, il 10 luglio, a Central Park.

Così i produttori del programma hanno deciso di celebrare nel cuore verde di New York il matrimonio più affollato della tv: 52 coppie hanno detto 'Sì' ai piedi della fontana Bethesda di Central Park, dopo che il famoso Randy Fenoli - anche uno dei protagonisti principali dello show - in veste di officiante nuziale ha pronunciato tutti i 104 nomi dei promessi sposi e ha chiesto loro di scambiarsi il primo bacio di nozze.

Le spose, ovviamente vestite con tutti capi sartoriali di Kleinfeld, hanno inizialmente attraversato parte del parco accompagnate dai loro futuri mariti, mostrando gli abiti a famigliari, parenti, amici, e ai tanti turisti che passando di lì si sono fermati per assistere alla Cerimonia. Poi, a 'matrimonio di gruppo' avvenuto, hanno festeggiato con tutti i presenti, e hanno tagliato una torta decisamente speciale.

A confezionarla apposta per loro Buddy Valastro de Il Boss delle Torte - altro programma che per molto tempo è stato trasmesso anche in Italia, altro caposaldo di Real Time tv.

E per quanto riguarda la nuova serie Say Yes To The Dress americana c'è da aggiungere un'ultima cosa: non tutte e 52 le spose che hanno preso parte alla grande festa nuziale saranno presenti nella nuova stagione del programma. Solo 10 di loro verranno rese protagoniste di un episodio, spose fortunate alle quali già sappiamo che - oltre al matrimonio a Central Park - sia stato anche offerto un tour guidato alla scoperta di New York e un giorno di shopping privato da Kleinfeld Bridal.

Se gli americani, e noi con loro, dovranno aspettare gennaio 2020 per la prossima stagione del programma, a noi non resta che focalizzarci sulla sua versione italiana, che finalmente vedrà Enzo Miccio ricoprire il ruolo che noi per lui avevamo sempre sognato. Dopo il suo 'storico' Enzo Missione Spose del 2014, sarà molto interessante e anche molto divertente riscoprirlo stavolta in un programma che, vista la sua specializzazione in ambito di cerimonie nuziali, sicuramente possiamo dire faccia al caso suo.

PROSEGUI LA LETTURA

Say Yes to the Dress, Randy Fenoli celebra 52 matrimoni a Central Park é stato pubblicato su Tvblog.it alle 16:35 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Miss Italia fuori da La7, torna in Rai? Mon, 15 Jul 2019 15:25:38 +0000 https://www.tvblog.it/post/1662204/miss-italia-fuori-da-la7-torna-in-rai https://www.tvblog.it/post/1662204/miss-italia-fuori-da-la7-torna-in-rai Massimo Galanto Massimo Galanto

15 luglio 2019

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Gentilissimo Direttore,
A seguito della pubblicazione dell’articolo a firma di Massimo Galanto dedicato alla vicenda Miss Italia / Gruppo Eventi e la successiva nota a firma del difensore della MIREN dalla sua testata integralmente pubblicata mi corre l’obbligo, di dover precisare la reale situazione allo stato attuale:

Pende innanzi al tribunale di Roma un giudizio civile nell’ambito del quale il Consorzio Gruppo Eventi ha richiesto la condanna della società Miren al pagamento di oltre 1.300.000 euro. Nell’ambito di tale contenzioso, Consorzio Gruppo Eventi ha richiesto ordinanza ingiuntiva di pagamento e sequestro conservativo lamentando il rischio di riduzione delle garanzie patrimoniali del debitore Miren. La domanda di condanna al pagamento si riferisce prevalentemente ai corrispettivi per la produzione del concorso Miss Italia 2017, per la quale Miren non ha mai corrisposto alcunché. In data 8 luglio, sì è tenuta udienza e il giudice si è riservato di decidere sulle Istanze cautelari e ingiuntive. La decisione potrebbe essere assunta a cavallo dell’estate.

Vincenzo Russolillo
Presidente Consorzio Gruppo Eventi

10 luglio 2019

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

In nome e per conto della società Miren S.r.l., in relazione all’articolo da Voi pubblicato dal titolo “Miss Italia fuori da La7, torna in Rai?” a firma di Massimo Galanto, mi corre l’obbligo di precisare e rettificare alcune circostanze ivi erroneamente riportate.

1) Il contenzioso in essere con il Consorzio Gruppo Eventi non riguarda la società Miss Italia S.r.l., ma Miren S.r.l. che è altra e diversa società;

2) Il contenzioso è stato attivato dinanzi al Tribunale di Roma nient’affatto dal Consorzio Gruppo Eventi, ma proprio dalla Miren S.r.l., sia per vedere determinata dal giudice l’effettiva entità ed esigibilità del credito preteso dal primo, sia per ottenere la debita restituzione dei titoli di credito (nella specie, assegni bancari) rilasciati a garanzia di un precorso debito oggi interamente saldato;

3) Ugualmente è stata proprio Miren S.r.l. a richiedere per prima al Tribunale l’emissione di un sequestro nei confronti del Consorzio Gruppo Eventi di fronte alla sua persistente ritenzione dei titoli di credito sopradetti (la cui restituzione costituisce ovviamente condizione per ogni pagamento del credito preteso).

Con preghiera di pubblicazione in calce all’articolo suddetto.

Tanto si doveva.

Cordiali saluti.

Prof. Avv. Pieremilio Sammarco

"Miss Italia? Non continueremo. Per noi, finisce qui. Va avanti per conto suo". Così Urbano Cairo, poco fa in conferenza stampa a Milano, ha annunciato lo stop alla messa in onda dello storico concorso di bellezza su La7, che lo ha ospitato negli ultimi 6 anni alternando alla conduzione personaggi del calibro di Simona Ventura, Massimo Ghini, Cesare Bocchi, Francesco Facchinetti, Diletta Leotta e Francesca Chillemi.

Quale sarà, dunque, il destino di Miss Italia? Da qualche settimana circola, in realtà, l'indiscrezione di un clamoroso ritorno in Rai (non su Rai2, almeno stando alle parole di Carlo Freccero). Si parla di colloqui che avrebbero coinvolto la patron Patrizia Mirigliani e i vertici della tv pubblica. I fatti dicono che per il momento Miss Italia non è prevista nei palinsesti autunnali di alcun canale Rai.

A pesare sul futuro della storica kermesse, potrebbero essere anche questioni non prettamente televisive. Infatti, pende innanzi al tribunale di Roma un giudizio civile nell’ambito del quale il Consorzio Gruppo Eventi di Vincenzo Russolillo ha richiesto la condanna della società Miren di Patrizia Mirigliani al pagamento di oltre 1 milione 300 mila euro. Nell'ambito di tale contenzioso, Consorzio Gruppo Eventi ha richiesto ordinanza ingiuntiva di pagamento e sequestro conservativo lamentando il rischio di riduzione delle garanzie patrimoniali del debitore Miren. La domanda di condanna al pagamento si riferisce prevalentemente ai corrispettivi per la produzione del concorso Miss Italia 2017. L'8 luglio scorso sì è tenuta udienza e il giudice si è riservato di decidere sulle istanze cautelari e ingiuntive. La decisione potrebbe essere assunta a cavallo dell’estate. Miren è difesa dal professor Pieremilio Sammarco, mentre Consorzio Gruppo Eventi è difesa dall’avvocato Davide Perrotta.

PROSEGUI LA LETTURA

Miss Italia fuori da La7, torna in Rai? é stato pubblicato su Tvblog.it alle 15:25 di Monday 15 July 2019

]]>
0
Serenity - L'Isola dell'Inganno, recensione - il grande rischio di Steven Knight Mon, 15 Jul 2019 15:24:46 +0000 https://www.cineblog.it/post/914158/serenity-recensione-steven-knight https://www.cineblog.it/post/914158/serenity-recensione-steven-knight Antonio M. Abate Antonio M. Abate

Baker Dill (Matthew McConaughey) campa portando in giro clienti sulla sua barca, di cui lui è chiaramente capitano. Il suo mondo, su cui si consuma la sua ossessione: catturare Justice, un tonno gigante con cui ha un conto in sospeso. Non passa giorno, tra una sbronza e l’altra, in cui Dill non ci provi, o quantomeno ci pensi. Una routine logorante ma con cui sia il capitano che la sparuta popolazione dell’isola in cui vive si sono oramai abituati; finché, in quella calma, quella stasi, il tempo, fino a poco prima pressoché immobile, non subisce un’improvvisa accelerata. A propiziarla è l’ex-moglie di Dill, Karen (Anne Hathaway), che ha una proposta: uccidere il suo compagno, Frank (Jason Clarke), la cui violenza rischia di mettere a repentaglio sia la vita di Karen che quella del figlio che ebbero quando stavano insieme. In ballo ben 10 milioni di dollari.

Cos’abbia fatto qui Steven Knight è davvero difficile a spiegarsi. Certo è che il coefficiente di complessità, alla luce della premessa, è davvero alto, oltre ad essere tali presupposti a loro modo un’attenuante. Attenuante di cosa? Ma di un risultato così francamente spiazzante, frutto di un film costellato di momenti così sopra le righe, quasi mai in senso positivo. Serenity è un gioco, e lo è in un duplice senso che per forza di cose si comprende solo a seguito della visione; il primo, più immediato, è che questo è il nome della barca di Dill, culla dell’ossessione di quest’ultimo, che nella caccia infinita alla preda Justice trova non tanto una ragione di vita ma un suo surrogato. Del secondo non si può invece manco far cenno, pena il rovinare la sorpresa.

Sotto c’è di più, molto di più. Knight, immagino, avrebbe anche voluto dire questo, ossia che in un’esistenza apparentemente scriptata c’è il senso di un trascinarsi il quale, per quanto estenuante, rappresenta in larga parte l’unica possibilità che abbiamo. Letta così, questo suo lavoro celerebbe anche un briciolo di cinismo, quel rimando all’impossibilità di sfuggire alla gabbia dentro la quale ciascuno di noi, volente o nolente, si trova. Tali considerazioni potrebbero apparire un’aggiunta al testo, qualcosa che non trova corrispondenza rispetto a quanto Serenity mette sul piatto; per questo, nel caso, si consiglia caldamente di tornare a visione ultimata. Purtroppo, o per fortuna, questo è uno di quegli esempi in cui l’allusione infatti non basta: dovremmo svelare troppo, in maniera maldestra peraltro, vanificando una delle componenti essenziali del film, che sta proprio nell’attesa di quel twist che fa esclamare «che cosa sta succedendo?!».

Dove infatti Serenity mostra delle crepe vistose, a tal punto da confondere quasi, sta proprio in una prima ora da modesto noir, insapore, incolore, persino nelle interpretazioni quasi parodistiche di McConaughey e della Hathaway, che sembrano scimmiottare lo sceneggiato televisivo in maniera nondimeno calcolata, cercata. Una chiara indicazione di Knight perciò? Chi può dirlo? Senonché si è inclini a crederlo proprio alla luce di quell’estemporaneo stravolgimento che fa capolino a seconda metà inoltrata del film, quando il cortocircuito fra thriller, noir e fantascienza travolge tutto e tutti, imponendosi come una valanga. Anche qui, nulla d’involontario, non voluto.

E dire che il Knight regista intercetta due/tre elementi opportuni, ancorché queste indovinate intuizioni non fanno che acuire quel senso di straniamento dal quale è difficile ricavare se si tratti di una sensazione piacevole o fine a sé stessa. Il mood è infatti quello posticcio da vacanza perenne, scorci suggestivi a far da contorno ad un contesto claustrofobico già prima che il capovolgimento di fronte prenda definitivamente corpo; un contrasto a cui Knight, almeno sulla carta, lavora con cognizione di causa, sfidando, se vogliamo, quell’idea da cartolina di una location paradisiaca solo appunto finché la si vede da lontano, in foto.

Cinico anche in questo, per certi versi, anche se in tal senso l’invettiva non dispiace. Uno scenario così perfetto, conciliante, sole, spiaggia e mare, pare dirci Knight, è solo una delle tante costruzioni, un regno inesistente a cui aspirare e verso cui convogliare le proprie forze, le proprie aspirazioni, per distrarre da una realtà che, al contrario, è di gran lunga più spietata, più grigia. Non a caso Serenity ne avrebbe di cose da dire su questo segmento di Storia, il nostro, in cui il confine tra realtà e finzione non è più esterno a chi fa esperienza di entrambe le dimensioni, o per meglio dire, esclusivamente indotto da fuori: ora è il singolo vittima e carnefice al tempo stesso delle proprie illusioni, alle quali, a differenza di prima, vuole consegnarsi con tutto sé stesso.

Una sorta di fuga mundi in versione secolo XXI, non più rivolta al cielo ma ripiegata sul qui e ora, senza alcun orizzonte se non quello di fuggire la tragedia che è l’esistenza, rispetto alla quale non si scorgono più i contorni da commedia che questa comunque presenta. Ma è tutto in potenza, un film che pretende di essere letto al di là dei suoi limiti, non importa fino a che punto connaturati, addirittura spacciati per virtù. La virtù, semmai, sta nell’aver osato, in quel tentativo a tratti stravagante di dare vita a un discorso che però non attecchisce mai davvero. Uno di quei film su cui insomma è più facile discutere a posteriori, costituendo questo senz’altro un vago merito, anche se per riuscirci si ritrova ad attirare l’attenzione tramite il suo essere bislacco.

Certo, anche quest’ultima annotazione la si potrebbe annoverare tra le ragioni inerenti alla necessità di soffermarsi su certi argomenti e riuscirci utilizzando ogni mezzo a disposizione, anche a costo di fare leva proprio su quel sintomo che è dato dal fenomeno descritto da Knight, ossia l’alienazione, il farsi vivere per scelta in luogo dello sforzarsi di vivere nonostante tutto e tutto. Ma, come di nuovo si evince da queste righe, è più un ragionamento al quale si perviene inoltrandosi nella foresta dei possibili significati, delle possibili implicazioni, lungo il sentiero di un’intellettualizzazione che in fondo il film rifugge, proprio perché vorrebbe arrivare a certe cose per altre vie, più immediate sebbene meno elaborate. Mescolando i codici, e in questo modo prendendosi dei rischi non da poco.

Serenity è un progetto palesemente concepito per essere questa cosa qui dunque, ossia un film che, in modo forse anche troppo consapevole, intende porsi al di là. Oltre quel forse necessario ancorché troppo spesso pallido buon senso. L’idea di Knight è probabilmente stata questa: se devo sacrificare tutto ciò al fine di generare quel briciolo di “scandalo” di cui forse lo spettatore ha bisogno, e sia. Dietro al film ci sono due idee, ma è il modo in cui vengono legate che crea il vero corto circuito di cui a qualche capoverso sopra. Il pubblico anestetizzato dei multiplex non resterà illeso dalla scossa, alcuni sbarellando in positivo, altri uscendone talmente contrariati da non voler avere più niente a che fare con un oggetto del genere. Resta da capire quanto si sia disposti a parteggiare per un’operazione così interessante forse proprio perché consiste in un esito così volutamente mediocre. E se non si tratta di cult, di certo ci somiglia davvero tanto.

Voto di Antonio 5

Serenity - L'Isola dell'Inganno (Serenity, USA, 2019) di Steven Knight. Con Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Djimon Hounsou, Diane Lane, Jason Clarke, Jeremy Strong, Rafael Sayegh, Charlotte Butler, Kenneth Fok, Robert Hobbs, Garion Dowds ed Edeen Bhugeloo. Nelle nostre sale da giovedì 18 luglio 2019.

PROSEGUI LA LETTURA

Serenity - L'Isola dell'Inganno, recensione - il grande rischio di Steven Knight é stato pubblicato su Cineblog.it alle 15:24 di Monday 15 July 2019

]]>
0