it_IT Tecnologia Blogo.it - Ultime notizie della sezione Tecnologia Sat, 24 Jun 2017 13:58:47 +0000 Sat, 24 Jun 2017 13:58:47 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/tecnologia 2004-2014 Blogo.it Gitzo festeggia 100 anni con due treppiedi in edizione limitata Sat, 24 Jun 2017 10:00:41 +0000 http://www.clickblog.it/post/222682/gitzo-100-anni-treppiedi-edizione-limitata http://www.clickblog.it/post/222682/gitzo-100-anni-treppiedi-edizione-limitata Serena Vasta Serena Vasta

Il celebre marchio Gitzo festeggia i suoi primi 100 anni di attività con due treppiedi in edizione limitata, due modelli per celebrare un grande traguardo. Sono passati 100 anni da quando Arsène Gitzhoven ha fondato la società francese di accessori fotografici che, pian piano, è diventata famosa in tutto il mondo. Per i 100 anni Gitzo ci propone due treppiedi in edizione limitata, il The 100th Year Anniversary Edition disponibile in 1917 pezzi che saranno distribuiti in tutto il mondo e poi il modello Arsène Gitzhoven Edition di cui si è scelto di creare solo 100 pezzi.

Il Gitzo 100 Year Anniversary Edition costa 1500 dollari e vanta un design elegante e sofisticato a prestazioni innovative tra cui la parte centrale in magnesio. Ogni modello è numerato con la sigla 1-1917 con il primo numeretto che, ovviamente, è progressivo.

Il treppiedi Arsène Gitzhoven Edition è quello più prestigioso, costa 3000 dollari e il numero di produzione e la firma dell'acquirente sono incisi al laser. Si tratta del primo treppiedi al mondo con il ragno completamente realizzato in fibra di carbonio, un modello leggerissimo e molto resistente.

PROSEGUI LA LETTURA

Gitzo festeggia 100 anni con due treppiedi in edizione limitata é stato pubblicato su Clickblog.it alle 12:00 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
VIDERE 35mm, la fotocamera fai da te Sat, 24 Jun 2017 06:00:13 +0000 http://www.clickblog.it/post/222676/videre-35mm-fotocamera-fai-da-te http://www.clickblog.it/post/222676/videre-35mm-fotocamera-fai-da-te Serena Vasta Serena Vasta

Se vi piace il fai da te fotografico e amate sperimentare, la fotocamera VIDERE 35mm fa al caso vostro, si tratta del terzo progetto di Kelly Angood e della sua terza raccolta fondi. VIDERE 35mm è una fotocamera in cartone con tutto il kit da assemblare e montare, la particolarità di questo nuovo modello è che si può utilizzare sia per la fotografia analogica con i rullini da 35mm che come pinhole grazie al foro stenopeico.

Questa fotocamera è più resistente e carina dei modelli precedenti, è facilissima da montare ma anche da usare e diventa una fedele compagna di avventure per ogni appassionato di fotografia. Questo kit lo trovate su Kicktarter, VIDERE 35mm è stata lanciata il 20 giugno e sta andando benissimo l’investimento richiesto è di 8000 sterline e ne sono state raccolte 6,895. Il prezzo per portarsi a casa VIDERE 35mm è di 30 sterline, 33 se si vuole anche un rullino. Ci sono tante opzioni per contribuire e sostenere questo crowdfunding, vi basterà scegliere la più adatta a voi!

PROSEGUI LA LETTURA

VIDERE 35mm, la fotocamera fai da te é stato pubblicato su Clickblog.it alle 08:00 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Michael Ackerman alle Officine Fotografiche Roma Fri, 23 Jun 2017 16:08:49 +0000 http://www.clickblog.it/post/222245/michael-ackerman-alle-officine-fotografiche-roma http://www.clickblog.it/post/222245/michael-ackerman-alle-officine-fotografiche-roma Cut-tv's Cut-tv's

PROSEGUI LA LETTURA

Michael Ackerman alle Officine Fotografiche Roma é stato pubblicato su Clickblog.it alle 18:08 di Friday 23 June 2017

]]> 0 Pokémon Go: avvistati nel codice i Legendary Raid Fri, 23 Jun 2017 16:00:09 +0000 http://www.downloadblog.it/post/162789/pokemon-go-avvistati-nel-codice-i-legendary-raid http://www.downloadblog.it/post/162789/pokemon-go-avvistati-nel-codice-i-legendary-raid Manuela Chimera Manuela Chimera

pokemon go

Pokémon Go - A seguito dell'annuncio del più grande aggiornamento mai visto di Pokémon Go, gli appassionati del gioco hanno cominciato a studiare l'APK in modo da rivelare alcuni segreti interessanti non ancora svelati nel changelog ufficiale. L'aggiornamento è già arrivato, quindi affrettatevi a scaricarlo, anche se le Palestre ancora non funzionano. Ecco dunque quanto scoperto nel codice di Pokémon Go dagli utenti di The Silph Road e Pokemon Go Hub:


  • Legendary Pokémon: nel codice si parla di Legendary Raid che, apparentemente, chiedono agli Allenatori di usare i Legendary Raid Ticket per partecipare. Inoltre nel codice ci sarebbe anche un messaggio di avviso che spiega che i Pokémon Leggendari non potranno essere messi nelle Palestre, cosa logica visto che se no sarebbero eccessivamente forti nei confronti di tutti gli altri Pokémon
  • Raid Battle: da quello che si è visto nel codice, sembra che i giocatori potranno realizzare delle playlist pre-memorizzate delle squadre di Pokémon che vogliono inviare in battaglia (forse si potranno anche dare dei nomi a questi team). Mi verrebbe da dire "Era ora!"
  • Badge Gym: sono stati scoperti ulteriori dettagli sulle Medaglie delle Palestre visto che nell'annuncio ufficiale Niantic non è stato molto specifico. Esistono quattro livelli di badge: Vaniglia, Bronzo, Argento e Oro. Si potranno conquistare Badge vincendo battaglie in difesa della Palestra, usando le bacche sui Pokémon, mettendo Pokémon nelle Palestre e vincendo le Battle Raid (ma potrebbero esserci anche altri sistemi)
  • Lobby system: non si sa molto, ma pare si potranno costruire lobby pubbliche o private, forse per permettere ai giocatori di creare gruppi per le Battle Raid
  • Notifiche push: le potete abilitare nelle Impostazioni (anche se me le sono ritrovate abilitate di default dopo l'aggiornamento) e servono per ricevere notifiche per sapere quando il Pokémon messo nelle Palestre ha fame e necessita di bacche, quando vince battaglie o quando vengono eliminati dalle Palestre

Via | BGR

Foto | Screenshot da Twitter

PROSEGUI LA LETTURA

Pokémon Go: avvistati nel codice i Legendary Raid é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 18:00 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Instagram testa la funzionalità Preferiti: ecco cosa cambierà Fri, 23 Jun 2017 15:36:17 +0000 http://www.downloadblog.it/post/162820/instagram-testa-la-funzionalita-preferiti-ecco-cosa-cambiera http://www.downloadblog.it/post/162820/instagram-testa-la-funzionalita-preferiti-ecco-cosa-cambiera Daniele Particelli Daniele Particelli

instagram-preferiti.jpeg

Instagram, fin dal principio, si è presentato come un social network pubblico e salvo poche eccezioni - i profili privati esistono ancora, ma chi li utilizza lo fa perché non ha ancora capito lo scopo di Instagram - tutto ciò che viene pubblicato sulla piattaforma è visibile a tutti. Almeno per ora.

Nel prossimo futuro, infatti, Instagram potrebbe darci la possibilità di condividere un determinato contenuto con un numero limitato di utenti, organizzati in liste proprio come accade su Facebook. La novità è ancora in fase di test e permette di selezionare alcuni utenti e indicarli come Preferiti.

A quel punto, quando si sta per pubblicare un contenuto come una Storia o un filmato o una foto, si potrà scegliere di renderlo pubblico o di renderlo disponibile soltanto ai propri utenti preferiti, così da mantenere una dimensione un po’ più privata.

Così come è configurata al momento la funzionalità, l’utente ha la possibilità di aggiungere o rimuovere utenti preferiti in qualsiasi momento, con la certezza che questi non vengano avvisati della modifica. Chi finisce in una lista di preferiti se ne accorge quando, visualizzando un contenuto da parte dell’utente che lo ha inserito, vedrà l’etichetta Preferito in alto a destra.

La novità è ancora in fase di test, ma a questo punto sembra certo che l’intenzione di Instagram sia quella di pianificare un rollout globale nel prossimo futuro, forse già entro la fine dell’anno.

PROSEGUI LA LETTURA

Instagram testa la funzionalità Preferiti: ecco cosa cambierà é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 17:36 di Friday 23 June 2017

]]>
0
WhatsApp ci permetterà di condividere qualsiasi tipo di file Fri, 23 Jun 2017 14:00:55 +0000 http://www.downloadblog.it/post/162807/whatsapp-ci-permettera-di-condividere-qualsiasi-tipo-di-file http://www.downloadblog.it/post/162807/whatsapp-ci-permettera-di-condividere-qualsiasi-tipo-di-file Manuela Chimera Manuela Chimera

whatsapp

WhatsApp - E' possibile condividere parecchie cose su WhatsApp: foto, video, audio, posizione e documenti vari. Tuttavia, per qualche motivo, l'azienda ha limitato i tipi di file specifici da condividere: per esempio possiamo condividere documenti PDF, Word, slide, ma se proviamo a condividere altri formati, ecco che WhatsApp non ce lo consente. Anzi, non ce lo consentiva visto che da adesso in pratica potremo condividere qualsiasi tipo di file su WhatsApp. Lo ha scoperto WAVetaInfo: fino a quando il file è al di sotto dei 128 MB su iOS e dei 100 MB su Android, non importa il tipo di file, si può finalmente condividere.

Alcuni utenti su Twitter hanno mostrato la condivisione di file APK, per esempio. Un vantaggio di questa funzione è che si possono inviare immagini e video senza la compressione di WhatsApp, anche se c'è da dire che il limite dei 100-128 MB è abbastanza fastidioso considerati i video ad alta risoluzione che possiamo fare oggi. Molto probabilmente si è deciso di mettere un limite così basso per evitare di intasare i server di WhatsApp con persone che condividono film da 4K. Al momento la funzione di condivisione globale dei file sembra essere limitata ad un piccolo gruppo di tester, molto probabilmente arriverà ben presto per tutti.

Via | The Next Web

Foto | 30478819@N08

PROSEGUI LA LETTURA

WhatsApp ci permetterà di condividere qualsiasi tipo di file é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 16:00 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Pinterest aggiorna di nuovo la funzione Lens Fri, 23 Jun 2017 11:00:57 +0000 http://www.downloadblog.it/post/162792/pinterest-aggiorna-di-nuovo-la-funzione-lens http://www.downloadblog.it/post/162792/pinterest-aggiorna-di-nuovo-la-funzione-lens Manuela Chimera Manuela Chimera

pinterest

Pinterest ha deciso di aggiornare ancora una volta la sua funzione Lens con tanto di nuovo design, miglioramenti degli strumenti della fotocamera e inserimento di nuove categorie fra cui anche Moda. Quando Pinterest ha lanciato Lens, inizialmente aveva dichiarato che sarebbe stato dedicato a "idee per arredare la casa, cose da indossare o cibo da mangiare". Lens inizialmente ha cominciato con parecchie limitazioni, ma gradualmente Pinterest sta migliorando e ampliando questa funzione di punta del social network.

Ecco cosa cambia col nuovo aggiornamento:


  • Moda: nel corso dell'ultimo mese sono state raddoppiate le categorie di Lens. Una delle categorie più interessanti è Moda: la maggior parte delle persone vuole idee su come indossare vestiti che già hanno, per cui adesso Lens consiglia idee adatte a specifici stili di scarpe, abiti, cappelli e tanto altro ancora
  • Zoom e messa a fuoco: la fotocamera ci permetterà di ingrandire o ridurre gli oggetti. Inoltre cliccando è possibile mettere a fuoco gli oggetti
  • Scatta ora, cerca dopo: ora sarà più facile accedere alle foto su Lens. Sono anche state inserite delle ricerche suggerite, quindi ora è più facile trovare nuove idee adatte alla stagione
  • Instant Idea: ai risultati di ricerca di Lens sono state inserite le idee istantanee, in modo da poter ottenere rapidamente idee correlate a uno specifico risultato di ricerca con un semplice e veloce tocco

Via | 9to5mac

Foto | 40998831@N04

PROSEGUI LA LETTURA

Pinterest aggiorna di nuovo la funzione Lens é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 13:00 di Friday 23 June 2017

]]>
0
ZEISS Milvus 1.4 / 35: caratteristiche, prezzo e disponibilità Fri, 23 Jun 2017 10:00:55 +0000 http://www.clickblog.it/post/222716/zeiss-milvus-1-4-35 http://www.clickblog.it/post/222716/zeiss-milvus-1-4-35 Serena Vasta Serena Vasta

Volete migliorare la vostra attrezzatura prima delle vacanze? ZEISS ha allargato la famiglia e proprio in questi giorni ha presentato il nuovo obiettivo ZEISS Milvus 1.4 / 35 dedicato alle fotocamere DSLR full-frame di Canon e Nikon. Questo obiettivo è il decimo della gamma di ottiche Milvus ed è l’ideale per i ritratti e quindi anche per i fotografi professionisti.

Christophe Casenave, il Product Manager di ZEISS ha dichiarato:

"L'elevata apertura massima consente al soggetto di distinguersi chiaramente sullo sfondo e il fotografo può ottenere combinazioni creative di messa a fuoco e sfocatura". "La messa a fuoco manuale consente una messa a fuoco molto precisa e il bokeh offre un ottimo aspetto all’immagine e, anche a massima apertura, la qualità dell'immagine rimane elevatissima."

Questo obiettivo ha la classica protezione da spruzzi e polvere e quindi si può usare anche in situazioni potenzialmente estreme. Lo ZEISS Milvus 1.4 / 35 sarà disponibile da luglio 2017 al prezzo di 2.049,00 euro, compreso nel prezzo c’è anche la garanzia Fowa Vip di ben 5 anni.

PROSEGUI LA LETTURA

ZEISS Milvus 1.4 / 35: caratteristiche, prezzo e disponibilità é stato pubblicato su Clickblog.it alle 12:00 di Friday 23 June 2017

]]>
0
iPhone Made in USA, ecco gli Stati prescelti: decisione entro 30 giorni Fri, 23 Jun 2017 09:11:49 +0000 http://www.melablog.it/post/200890/iphone-made-in-usa-ecco-gli-stati-prescelti-decisione-entro-30-giorni http://www.melablog.it/post/200890/iphone-made-in-usa-ecco-gli-stati-prescelti-decisione-entro-30-giorni Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

foxconn-iphone_production.jpg

A quanto pare Foxconn era seria: ci sarà davvero un iPhone Made in USA, e tra 30 giorni conosceremo lo Stato in cui verrà collocato il primo impianto di produzione.

Detto fatto. Foxconn si prepara a investire 10 miliardi di dollari nell'economia statunitense, 7 dei quali serviranno agli impianti per i display delle future generazioni di iPhone, e il resto per altra componentistica. Secondo Bloomberg, esisterebbe già perfino una lista di Stati papabili, selezionati in base a questioni di logistica e contenimento dei costi. Sono tutti localizzati nel midwest: Ohio, Pennsylvania, Michigan, Illinois, Wisconsin, Indiana e Texas.

"I nostri investimenti negli USA," ha spiegato il CEO di Foxconn, Terry Gou, "si focalizzerà in questi Stati perché rappresentano il cuore del settore manifatturiero del paese. Stiamo portando la nostra interna catena industriale nelle regioni manifatturiere tradizionali degli Stati Uniti. Parliamo di produzione, packaging dei semiconduttori e tecnologie Cloud."

Si vocifera -è tutto ancora da confermare- che questa mossa potrebbe creare "decine di migliaia di nuovi posti di lavoro" ma qualcosa non torna. Fino al momento dell'insediamento di Trump, infatti, Foxconn aveva annunciato importanti investimenti nel campo dell'automazione: oltre 40.000 robot sono già stati implementati nelle linee di produzione attuali, e molti altri verranno arriveranno nei prossimi anni. L'obiettivo finale è di arrivare a impianti completamente automatizzati, e le stesse location a stelle e strisce vengono descritte come "ad alto livello di automazione."

Dal canto suo, è noto che Apple abbia avviato da tempo un tavolo di trattative coi produttori partner per sondare la possibilità di portare negli USA la produzione di iPhone, ma Tim Cook stesso ha bollato l'idea come poco pratica. E non parliamo solo di contenimento dei costi: è stato stimato infatti che un iPhone interamente prodotto negli USA aggiungerebbe 30-40$ sul prezzo del prodotto finito; nulla di sconvolgente. Il vero problema è a monte: ci sono le figure professionali, la flessibilità e la velocità che caratterizza il mercato asiatico? È la risposta a questa domanda che farà la differenza tra ciarle politiche e cambiamenti concreti.

PROSEGUI LA LETTURA

iPhone Made in USA, ecco gli Stati prescelti: decisione entro 30 giorni é stato pubblicato su Melablog.it alle 11:11 di Friday 23 June 2017

]]>
0
iOS 11, ecco gli interni di Aeroporti e Centri Commerciali in Mappe Fri, 23 Jun 2017 09:00:49 +0000 http://www.melablog.it/post/200876/ios-11-ecco-gli-interni-di-aeroporti-e-centri-commerciali-in-mappe http://www.melablog.it/post/200876/ios-11-ecco-gli-interni-di-aeroporti-e-centri-commerciali-in-mappe Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

apple-maps-airport-indoor-map.jpg

In iOS 11, Mappe mostrerà gli interni di Aeroporti e Centri Commerciali. E nell'app di Apple iniziano a fare capolino le prime location: ve le mostriamo in anteprima.

Per il momento, troverete soltanto l'Aeroporto Internazionale di Philadelphia e l'Aeroporto Internazionale di San Jose Mineta, oltreché il Centro Commerciale Westfield Valley Fair di San Jose e il Westfield San Francisco Centre di San Francisco, entrambe in California. Ma nuove località verranno aggiunte molto presto, e in tempo per il lancio della versione definitiva dell'OS il prossimo autunno.

L'idea è di offrire cartografia dettagliata degli interni di luoghi pubblici importanti, così da agevolare l'orientamento degli utenti. Basta uno zoom a due dita infatti per guardare anche "dentro" gli aeroporti, e individuare a colpo d'occhio Terminal, gate di imbarco, checkpoint di sicurezza, garage, scale mobili, ascensori, scale e punti ristoro.

Si può effettuare ricerche per piano, per negozio (vestiti, scarpe, accessori, bellezza, etc.) tipo di cibo, drink o per Terminal specifici; un tocco su un ristorante, invece, ne mostra foto, informazioni di contatto e molto altro.

apple-maps-mall-floor-plan.jpg

Al momento del lancio, saranno presenti le mappe degli aeroporti di Amsterdam, Berlino, Boston, Chicago, Londra, Los Angeles, Miami, New York, Philadelphia, San Francisco, Tokyo, Toronto e Washington D.C.

PROSEGUI LA LETTURA

iOS 11, ecco gli interni di Aeroporti e Centri Commerciali in Mappe é stato pubblicato su Melablog.it alle 11:00 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Apple Store, a Chicago sul tetto c'è un...MacBook gigante Fri, 23 Jun 2017 08:00:34 +0000 http://www.melablog.it/post/200867/apple-store-a-chicago-sul-tetto-ce-un-macbook-gigante http://www.melablog.it/post/200867/apple-store-a-chicago-sul-tetto-ce-un-macbook-gigante Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

L'Apple Store in costruzione a Chicago è diverso da tutti gli altri: il tetto sembra un gigantesco MacBook.

L'idea è venuta in un secondo momento, poiché nei progetti iniziali non ce n'è traccia. Qualcuno, durante la messa in posa del nuovo punto vendita Apple in fase di ultimazione a Chicago, ha notato che il tetto in fibra di carbonio della location somigliava moltissimo ad un portatile di Cupertino: e così, è stato fatto aggiungere un grosso logo Apple bianco, in modo da renderlo pressoché perfetto.

Una volta terminato, il negozio consisterà in effetti in un quadrilatero di vetro su cui è stato adagiato un MacBook fuori scala. Perfino i materiali di cui è composta la struttura superiore, infatti, ricordano moltissimo la scocca in alluminio dei computer con la mela.

La location scelta è quella del Michigan Avenue Bridge, lungo il fiume Chicago, ed è stata progettata da Foster+Partners, partner di lunga data del retail di Cupertino. Il punto vendita sorge al posto di una vecchia area di ristorazione, e vanterà un'estensione di quasi 2.000 metri quadri, divisi su due piani.

PROSEGUI LA LETTURA

Apple Store, a Chicago sul tetto c'è un...MacBook gigante é stato pubblicato su Melablog.it alle 10:00 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Ragusa Photo Festival 2017 - Le Metamorfosi del Territorio Fri, 23 Jun 2017 08:00:21 +0000 http://www.clickblog.it/post/222249/ragusa-photo-festival-2017-le-metamorfosi-del-territorio http://www.clickblog.it/post/222249/ragusa-photo-festival-2017-le-metamorfosi-del-territorio Cut-tv's Cut-tv's

La fotografia contemporanea torna ospite d'onore della sesta edizione del Ragusa Foto Festival e il suo circuito virtuoso di scambio e formazione tra professionisti e appassionati, giovani talenti e autori affermati, artisti e addetti ai lavori, dedicato a Le Metamorfosi del Territorio.

Dopo le giornate inaugurali del 30 giugno-2 luglio 2017, il festival prosegue fino alla fine di luglio, tra momenti dedicati alla formazione e incontri con gli ospiti dell'edizione del festival che estende il suo sguardo oltre il Mediterraneo, puntando gli obiettivi sui cambiamenti del territorio causati da stili di vita contemporanei, poco virtuosi nei confronti del consumo delle risorse e dei diritti umani.

Saranno le immagini realizzate dai più grandi grandi fotografi contemporanei ad animare il circuito espositivo con la collettiva Climate Change Evolution, curata da Hossein Farmani, fondatore Lucie Foundation e realizzata per l’apertura nel 2015 della XXI Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico (COP21) a Parigi.

Sono invece sette giovani talenti i protagonisti della mostra collettiva sul Territorio di formazione, curata da Paola Binante, fotografa e docente all’Isia di Urbino e alla ABA di Bologna.

Il clima resta protagonista anche dei reportage di quattro autori di fama internazionale come, Copacabana Palace di Peter Bauza, Poison di Guia Besana, UnNatural Bestiary di Andrea Alessio e Maldive di Francesco Zizola.

Ragusa Photo Festival 2017: Le Mostre

Climate Change Transition
Collettiva a cura di Hossein Farmani
Per l'esposizione delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, "Climate Smart Evolution", i curatori, la ricercatrice dell'Università di Bologna, Silvia Gaiani e Hossein Farmani, curatore di fama internazionale e fondatore del premio Lucie Award per la fotografia, hanno invitato tra i più noti fotografi che hanno dedicato la loro attività a documentare iceberg, siccità, aria, acqua, inquinamento dei rifiuti e gli effetti innegabili che tutto questo ha avuto sul nostro pianeta. Ci sono le donne in balia di una tempesta di sabbia di Steve McCurry, il deserto entrato fin dentro alle case della Namibia di Matthew Turley e i nidi costruiti con le grucce appendiabiti dai corvi, immortalati dal giapponese Yosuke Kashiwakura. E poi ancora scatti di Sebastiao Salgado, Brent Lewin, David Burdeny e Colin Finlay.

The dark side of the (honey) moon di Francesco Zizola
Tra le tragiche conseguenze dei cambiamenti climatici c’è l’innalzamento del livello dei mari. Francesco Zizola, quest’anno fra i tanti reportage dedicati al mare, porta a Ragusa Foro Festival uno dei suoi progetti dedicato alle isole Maldive, che rischiano di scomparire sommerso dall’Oceano Indiano come conseguenza del riscaldamento globale.

Poison di Guia Besana
Affrontare le questioni ambientali nella loro diversità non è un compito facile. Si potrebbe dare per scontato la consapevolezza globale riguardo alla distruzione della biodiversità come conseguenza delle attività umane, tuttavia nella nostra vita quotidiana dobbiamo affrontare situazioni che ci lasciano impotenti o che scegliamo di ignorare. Questa sensazione di impotenza è il punto di partenza della serie ‘Poison’, nata dalla mia necessità di dare una forma alle domande che dobbiamo affrontare giorno dopo giorno.

Copacabana Palace di Peter Bauza
Una mostra prestigiosa, arrivata dal Festival di Perpignan, il più importante evento di fotografia a livello mondiale. Il progetto racconta del buco nero che inghiotte le luci sfavillanti di Rio. Ne hanno parlato media nazionali e internazionali.

Un-Natural Bestiary di Andrea Alessio
La foresta da tempo non inquieta più l’uomo contemporaneo. I suoi versi notturni non echeggiano più sinistri nella fantasia dei piccoli. Ci resta poco di soprannaturale e il selvaggio non è più una suggestione. E allora ci capita di non distinguere un animale vivo, ferito nel suo istinto, da un animale imbalsamato, rigido e goffo allo stesso tempo. Non è più importante se ci troviamo in un museo di New York o allo zoo di Parigi.

Territori di Formazione
Collettiva a cura di Paola Binante
In un percorso che comprende i lavori di 7 giovani autori italiani, il progetto esplora l’uso della fotografia come indagine sul territorio partendo dal presupposto che la comunicazione visiva, e la fotografia in particolare, siano uno strumento di analisi, una scrittura capace di diverse interpretazioni. Nel lavoro di Piergiorgio Sorgetti e Mattia Parodi, si affiancano l’applicazione di un metodo in parte scientifico, il ricorso all’archivio come innesco di un processo di rilettura del territorio in quello di Caterina Iiriti, la combinazione tra realtà e visione nella sua possibile ambiguità per Vanesa Lucchetti e Andrea Lopetrone, fino alla riflessione del luogo traslata dal racconto per Raffaella Losito e Igor Londero.

Multimedia

"Spitzberg, sentinel du réchauffement climatique" webdocumentario di Paolo Verzone, realizzato per Le Monde, Parigi

Proiezioni Slideluck, circuito internazionale di fotografia, New York

Tra i contenuti che riflettono sulle tematiche del festival ci sono anche quelli multimediali di "Spitzberg, sentinel du réchauffement climatique" il webdocumentario di Paolo Verzone, realizzato per Le Monde Parigi, insieme ai progetti proiettati nel corso della serata photoconviviale Slideluck.

Le proposte di formazione (elencate nel programma a seguire) rinnovano anche l'appuntamento con le Letture Portfolio, approfittando dei lettori di questa edizione:


    Paola Binante – docente Isia di Urbino e Accademia Belle Arti, Bologna
    Enrico Bossan – Responsabile dipartimento fotografia a Fabrica e direttore editoriale di Colors magazine e responsabile dell’area Editorial
    Benedetta Donato – Curatrice indipendente e membro di giuria in note manifestazioni e festival di settore, è inoltre contributing editor per le riviste EYEOPEN! e IL FOTOGRAFO
    Paolo Verzone – Fotografo, membro della Agence VU, Parigi. Collabora con le principali riviste italiane e internazionali

Ragusa Photo Festival 2017: programma

Venerdì 30 giugno 2017

ore 18.00
Auditorium San Vincenzo Ferreri
Apertura Festival, presentazione ospiti ed eventi in programma

ore 20.00
Palazzo Cosentini
Visita mostre e aperitivo opening sul terrazzo di piazza Repubblica

Sabato 1 luglio 2017

ore 10.00 – 13.00
Terrazzo in Piazza Repubblica
Letture Portfolio

ore 16.00 – 18.00
Sala Antico Convento
Seminario Personal branding for photographers a cura di Maria Teresa Salvati

ore 18.30 – 20.30
Auditorium San Vincenzo Ferreri
Seminario “COMUNCARE LE METAMORFOSI DEL TERRITORIO ATTRAVERSO IL FOTOREPORTAGE.

ore 18.30
Auditorium San Vincenzo Ferreri,
seminario che varrà per la formazione obbligatoria dei giornalisti
“Raccontare, comunicare e informare tramite il linguaggio della fotografia per far conoscere i cambiamenti in atto e divulgare la necessità urgente di affrontare le giuste misure per proteggere il nostro pianeta, la società, i diritti umani e promuovere la giustizia sociale tra le popolazioni vulnerabili. Ospiti: Hossein Farmani, Silvia Gaiani, Paolo Verzone, Francesco Zizola, Sandro Serenari, Andrea Alessio, Antonio Fraschilla.

ore 21.00
Auditorium San Vincenzo Ferreri
Proiezioni Slideluck, piattaforma internazionale di fotografia con sede a New York.
Dal 2000 Slideluck ha organizzato eventi in oltre 100 città in tutto il mondo. L’organizzazione funge da vetrina per l’esposizione di progetti innovativi e si rivolge a fotografi, appassionati, curatori, collezionisti ed editor, in un contesto creativo.

Domenica 2 luglio 2017

ore 10:00 – 13:00
Terrazzo piazza Repubblica
Letture Portfolio

ore 17.30 – 19.00
Auditorium San Vincenzo Ferreri
Talk “Reportage e Socialmedia, come i socialmedia possano amplificare il messaggio” con Peter Bauza, Paolo Verzone, Enrico Bossan e Benedetta Donato. A seguire premiazione vincitore Letture Portfolio e chiusura della VI edizione

Il festival, prodotto dall’Associazione Culturale Antiruggine, patrocinato dal Libero Consorzio dei Comuni di Ragusa e dalla Camera di Commercio, andrà avanti dal 30 giugno al 30 luglio 2017.

Foto | Ragusa Photo Festival 2017, Courtesy Stampa

PROSEGUI LA LETTURA

Ragusa Photo Festival 2017 - Le Metamorfosi del Territorio é stato pubblicato su Clickblog.it alle 10:00 di Friday 23 June 2017

]]>
0
AirBnb testa i pagamenti di gruppo Fri, 23 Jun 2017 07:58:09 +0000 http://www.downloadblog.it/post/162810/airbnb-testa-i-pagamenti-di-gruppo http://www.downloadblog.it/post/162810/airbnb-testa-i-pagamenti-di-gruppo Daniele Particelli Daniele Particelli

divisione-pagamenti-airbnb.jpg

Sarà capitato a tutti di prenotare un soggiorno per un gruppo di amici su AirBnb e dover anticipare l’intera somma, dovendo poi attendere la restituzione delle singole quote da parte di tutti. Bene, nel prossimo futuro questo non dovrebbe più accadere.

AirBnb ha annunciato di aver avviato una fase di test per la divisione dei pagamenti tra più persone in fase di prenotazione di un alloggio o di una stanza attraverso la piattaforma. La novità permetterà di dividere la somma fino a un massimo di 16 persone diverse e ognuno potrà pagare la propria quota come meglio crede direttamente attraverso AirBnb.

La divisione dei pagamenti è appena stata lanciata per un numero limitato di proprietà e se la fase di test si rivelerà un successo sarà esteso a tutti entro la fine di questo 2017, giusto in tempo per le vacanze natalizie.

PROSEGUI LA LETTURA

AirBnb testa i pagamenti di gruppo é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 09:58 di Friday 23 June 2017

]]>
0