it_IT Sport Blogo.it - Ultime notizie della sezione Sport Fri, 25 May 2018 06:48:47 +0000 Fri, 25 May 2018 06:48:47 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/sport 2004-2014 Blogo.it Brasile: Ronaldinho si sposa con due donne Thu, 24 May 2018 15:09:51 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731763/brasile-ronaldinho-sposa-2-donne http://www.calcioblog.it/post/731763/brasile-ronaldinho-sposa-2-donne Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

ronaldinho due mogli

Ronaldinho, l’ex numero 10 di Barcellona e Milan si sposa. Di per sé la notizia non avrebbe nulla di eccezionale, se non fosse che il “Messia”, come lo ribattezzarono al Camp Nou, convolerà a nozze con due donne. È quanto riferisce il quotidiano O'Dia, facendo rimbalzare la notizia in ogni angolo del globo. L’ex stella del calcio mondiale, considerato uno dei top di tutti i tempi, si sposerà infatti con cerimonia privata a San Monica, quartiere di Rio, dove Ronaldinho convive con Priscilla Coelho e con Beatriz Souza.

Dopo aver regalato un anello ad entrambe, il fantasista brasiliano ha infatti deciso di sposarle, ma non potrà farlo in via ufficiale, poiché in Brasile la bigamia è un reato punibile con sei anni di prigione. La cerimonia sarà rigorosamente privata e il calciatore non sembra essere orientato a ripensamenti, nonostante le critiche ricevute. Persino la sorella Deisi ha annunciato che non prenderà parte alle nozze (non più) segrete, poiché in disaccordo con la scelta di Ronaldinho. Priscilla Coelho è considerata una fidanzata storica di Ronaldinho, mentre con Beatriz la storia sarebbe nata nel 2016. I tre, riferiscono i media sudamericani, vivono in un condominio privato nel Bairo da Tijuca a Rio e fin qui non si sarebbero segnalate incomprensioni di sorta.

PROSEGUI LA LETTURA

Brasile: Ronaldinho si sposa con due donne é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 17:09 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Nazionale, Mancini: "Serve tempo. Buffon? Le porte sono aperte" Thu, 24 May 2018 14:00:02 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731731/nazionale-mancini-serve-tempo-buffon-le-porte-sono-aperte http://www.calcioblog.it/post/731731/nazionale-mancini-serve-tempo-buffon-le-porte-sono-aperte Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

Roberto Mancini oggi ha diretto il suo primo allenamento da CT dell'Italia, al quale è seguita una conferenza stampa. Tutti i tifosi italiani sperano che Mancini riesca a risollevare la situazione della nostra nazionale, che sta vivendo un momento decisamente nero. Il CT ha chiesto pazienza, ma ha anche cercato di guardare con ottimismo al futuro: "Non sono un mago, non ho la bacchetta magica per risolvere tutto in una partita, ci vuole tempo. Prima c'erano talmente tanti talenti e tutti insieme che c'era un'abbondanza incredibile. Io, però, sono fiducioso, penso che questi giocatori possano diventare bravi e darci tanto, molti di quelli che sono qui sono giovani, non hanno giocato molto in Europa, ma faranno esperienza. Ci sono tante Nazionali adesso molto forti che hanno avuto problemi, ma che sono cresciute negli ultimi anni. Questa deve essere una squadra che unisce in un momento di difficoltà come questo dopo la mancata qualificazione ai Mondiali".

La sua nazionale ripartirà anche da Mario Balotelli, sul quale Mancini punta molto: "Non abbiamo avuto il tempo di parlare con Mario, ma avremo tempo per farlo. L'ultima volta che ci siamo visti è stata quattro anni fa, ora credo che sia diventato più maturo, ha due bambini e credo che questo lo aiuti. Quando era molto giovane era già un grande calciatore, poi non ha mantenuto le premesse, ma ho fiducia perché negli ultimi due anni ha fatto bene, dipenderà da lui come da ogni giocatore, chi viene in Nazionale deve riuscire a dare il massimo e comportarsi bene, è questo quel che conta".

Poi il CT ha dovuto affrontare il tema Buffon. L'ex numero 1 della Juventus dovrebbe continuare a giocare difendendo la porta del PSG. Buffon ha detto di voler chiudere la sua avventura in Nazionale avendo percepito una certa insofferenza da parte di stampa e tifosi per la sua sola presenza. Mancini, invece, non considera finito il ciclo in azzurro di Buffon: "Ho parlato con Buffon al telefono. Mi ha spiegato la sua intenzione, penso che voglia continuare a giocare e quindi tutti quelli che giocano possono essere chiamati in Nazionale. Penso voglia continuare a giocare, quindi ho rispettato le sue volontà e mi sembra giusto. De Rossi? Per tutti quelli che giocheranno e saranno in condizioni e possono dare un amano saranno convocabili. La porta non è chiusa per nessuno"

In considerazione dell'assenza di Buffon, Mancini dovrà scegliere il titolare per le partite contro Arabia Saudita, Francia e Olanda: "devo conoscerli bene. Li conosco solo per averli visto giocare in tv qualche partita. Sono tre ottimi portieri, forse ne manca qualcun altro che è infortunato, così come manca qualche giocatore che per numero non abbiamo convocato ma che potrà esserlo in futuro. Sul portiere titolare aspettiamo un attimo: ci sono tre partite e giocheranno tutti e tre. Perin 12esimo alla Juve? Se un giocatore non gioca, un po' di difficoltà c'è. Poi per la condizione fisica non giocare per un portiere è un po' problematico. Non so cosa farà o dove andrà, ma ha delle qualità tali che può farcela".

L'Italia ha bisogno di fare risultato anche in queste amichevoli e Mancini lo sa bene: "L'Italia deve cercare di vincere sempre, anche se si tratta di amichevoli. Ranking? Cercheremo di risalirlo, possiamo farlo solo vincendo. Non fare grandi risultati nelle amichevoli è un limite che abbiamo sempre avuto. In queste prossime tre se riuscissimo a fare buoni risultati, sarebbe un buon punto di partenza".

Fare risultato sarà importante, ma per queste prime uscite Mancini darà una chance a tutti: "La rotazione sarà totale, abbiamo giocatori alla fine di un campionato quindi stanchi, qualcuno magari dovrà giocarne tre visto che eravamo 30 e ne abbiamo persi quasi 5, vediamo Immobile e Zaza come staranno, probabilmente chiameremo qualcuno dell'Under 21. Comunque, penso giocheranno tutti".

PROSEGUI LA LETTURA

Nazionale, Mancini: "Serve tempo. Buffon? Le porte sono aperte" é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 16:00 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Ufficiale: Carlo Ancelotti nuovo allenatore del Napoli Wed, 23 May 2018 21:06:28 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731727/ufficiale-carlo-ancelotti-nuovo-allenatore-del-napoli http://www.calcioblog.it/post/731727/ufficiale-carlo-ancelotti-nuovo-allenatore-del-napoli Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

schermata-2018-05-23-alle-22-50-01.jpg

Adesso è ufficiale: Carlo Ancelotti è il nuovo allenatore del Napoli. In un solo pomeriggio De Laurentiis ha prima salutato Maurizio Sarri attraverso twitter e poi, sempre utilizzando il social network, ha dato il benvenuto a Carlo Ancelotti con tanto di foto. Il Napoli ha sfruttato anche le qualità da poliglotta dell'ex tecnico del Bayern Monaco, facendogli realizzare un video di presentazione in italiano, inglese, francese e spagnolo con questo messaggio: "Sono veramente felice e onorato di allenare la squadra di una città unica sostenuta da un tifo impareggiabile".


Carlo Ancelotti ha firmato un contratto di 3 anni da 5 milioni netti con gli azzurri, come confermato dal sito ufficiale: "Il Calcio Napoli è lieto di annunciare di aver definito un accordo con l’allenatore Carlo Ancelotti avente ad oggetto la guida tecnica della Prima squadra per le prossime tre stagioni e quindi a partire dal 2018-2019". La conferenza stampa di presentazione è stata programmata per il 9 luglio prossimo. Ancelotti, intanto, ha già commentato l'inizio di questa nuova avventura con un messaggio pubblicato sul proprio sito ufficiale: "Sono felice di tornare nel mio paese per mano di uno dei massimi club italiani. Siamo venuti per competere e portare al Napoli tutta la nostra esperienza e le nostre conoscenze. Siamo molto lieti di raccogliere questa sfida e iniziare una nuova avventura calcistica. Desidero ringraziare il presidente per avermi affidato un progetto che mi appassiona, ma soprattutto per avermi dato la possibilità di conoscere dall’interno una delle migliori tifoserie d’Italia. A tutti loro dico che lavoreremo duro e con la massima professionalità per raggiungere gli obiettivi che tutti sogniamo. Mi auguro di vivere tanti bei momenti insieme".


PROSEGUI LA LETTURA

Ufficiale: Carlo Ancelotti nuovo allenatore del Napoli é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 23:06 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Napoli, De Laurentiis ha salutato Sarri con un tweet Wed, 23 May 2018 17:09:19 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731721/napoli-de-laurentiis-ha-salutato-sarri-con-un-tweet http://www.calcioblog.it/post/731721/napoli-de-laurentiis-ha-salutato-sarri-con-un-tweet Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

REGGIO NELL'EMILIA, ITALY - AUGUST 23:  SSC Napoli president Aurelio De Laurentiis and SSC Napoli coach Maurizio Sarri before the Serie A match between US Sassuolo Calcio and SSC Napoli at Mapei Stadium - Città del Tricolore on August 23, 2015 in Reggio nell'Emilia, Italy.  (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

È diventato ufficiale il divorzio tra il Napoli ed il tecnico Maurizio Sarri. Al momento non è chiaro se si tratti di una separazione consensuale, ma almeno ufficialmente le parti non si sono mai incontrate per confrontarsi su una programmazione della prossima stagione. A dare l'addio a Sarri è stato il Presidente De Laurentiis con un tweet: "Ringrazio Maurizio Sarri per la sua preziosa dedizione al Calcio Napoli che ha permesso di regalare alla città e ai tifosi azzurri in tutto il mondo prestigio ed emozioni, creando un modello di gioco ammirato ovunque e da chiunque. Bravo Maurizio".

Il Napoli ha già scelto il suo sostituto: quel Carlo Ancelotti alla ricerca di nuovi stimoli per rilanciare la sua carriera dopo l'affrettato esonero del Bayern Monaco. L'arrivo di Ancelotti non è ancora ufficiale, ma c'è chi giura che abbia già firmato il contratto e che per l'annuncio sia solo una questione di ore.

Difficile capire cosa sia accaduto tra Sarri e il Napoli. Magari il tecnico ha apertamente chiesto di andare via dopo 3 stagioni ricche di emozioni o magari è stata la società a voler cambiare, per puntare su un allenatore che ha già dimostrato ampiamente di saper portare a casa trofei prestigiosi. Nell'ultimo rinnovo di Sarri era stata prevista una clausola rescissoria da 8 milioni di euro da pagare al Napoli per rompere anticipatamente il contratto. Al contrario se fosse stato il Napoli a voler chiudere anticipatamente il rapporto avrebbe dovuto versare 500mila euro al tecnico a titolo di risarcimento, oltre allo stipendio fino al 2020.

Al momento nessuno ha parlato di cifre, ma non è da escludere l'ipotesi di un divorzio consensuale.


PROSEGUI LA LETTURA

Napoli, De Laurentiis ha salutato Sarri con un tweet é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 19:09 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Giro d'Italia 2018, tappa 17: Viviani fa poker anche sull'acqua Wed, 23 May 2018 15:29:13 +0000 http://www.outdoorblog.it/post/495080/giro-ditalia-2018-tappa-17-viviani-fa-poker-anche-sullacqua http://www.outdoorblog.it/post/495080/giro-ditalia-2018-tappa-17-viviani-fa-poker-anche-sullacqua Lucia Resta Lucia Resta

Viviani

Non c'è aquaplaning che lo fermi: Elia Viviani è sempre più il re delle volate del Giro d'Italia 2018. Il veronese oggi ha fatto sua la tappa 17, la Franciacorta Stage, da Riva del Garda a Iseo che ha avuto un finale molto particolare. Fino a 3 km dal termine, incluso il primo passaggio sul traguardo, c'era il sole, ma una bomba d'acqua nel finale ha bagnato la strada proprio in vista dello sprint finale.

Viviani, pilotato alla perfezione dai suoi compagni della Quick-Step Floors (che l'anno scorso vinsero quattro volate con Fernando Gaviria) e in particolare da Fabio Sabatini, non ha lasciato scampo e ha battuto ancora una volta Sam Bennett (Bora-Hansrohe), alla cui ruota era rimasto attaccato nel finale. In top-ten troviamo anche altri quattro italiani: Niccolò Bonifazio della Bahrain-Merida, terzo, Kristian Sbaragli dell'Israel Cycling Academy, sesto, Sacha Modolo del Team EF Education First-Drapac, ottavo, e Andrea Vendrame dell'Androni-Sidermec, nono. Ad accogliere sul traguardo Viviani oggi c'era Elena Cecchini, la sua fidanzata, tre volte consecutive campionessa d'Italia.

La tappa di oggi è stata animata da una fuga composta da Ben Hermans (Israel Cycling Academy), Luis Leon Sanchez (Astana), Kenny Elissonde e Wout Poels (Sky), Maximilian Schachmann (QuickStep Floors), Alexandre Geniez (AG2R La Mondiale), Giovanni Visconti (Bahrain Merida) e Alessandro De Marchi (BMC). Nel finale ci sono stati alcuni tentativi solitari, ma il finale in volata è sempre sembrato scontato, nonostante la sorpresa della pioggia proprio negli ultimissimi chilometri. Elia Viviani consolida la Maglia Ciclamino, Simon Yates resta ovviamente in Maglia Rosa così come Miguel Angel Lopez (Astana) in Maglia Bianca, mentre l'Azzurra è sempre di Yates, ma indossata da Giulio Ciccone (Bardiani) che è secondo.

Questi i primi dieci al traguardo della diciassettesima tappa, tutti con lo stesso tempo:
1) Elia Viviani (Quick-Step Floors) 3h 19' 57"
2) Sam Bennett (Bora-Hansgrohe)
3) Niccolò Bonifazio (Bahrain-Merida)
4) Danny Van Poppel (Team LottoNL-Jumbo)
5) Jens Debusschere (BMC)
6) Kristian Sbaragli (Israel Cycling Academy)
7) Jean-Pierre Drucker (BMC)
8) Sacha Modolo (Team EF-Education First-Drapac)
9) Andrea Vendrame (Androni-Sidermec)
10) José Gonçalves (Team Katusha-Alpecin)

E queste le prime posizioni della classifica generale:
1) Simon Yates (Mtichelton-Scott) 69h 59' 11"
2) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +56"
3) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) +3' 11"
4) Christopher Froome (Team Sky) +3' 50"
5) Thibaut Pinot (FDJ) +4' 19"
6) Rohan Dennis (BMC) +5' 04"
7) Miguel Angel Lopez (Astana) +5' 37"
8) Pello Bilbao (Astana) +6' 02"
9) Richard Carapaz (Movistar) +6' 07"
10) George Bennett (Team LottoNL-Jumbo) +7' 01"

PROSEGUI LA LETTURA

Giro d'Italia 2018, tappa 17: Viviani fa poker anche sull'acqua é stato pubblicato su Outdoorblog.it alle 17:29 di Wednesday 23 May 2018

]]>
0
Napoli, antimafia: la FIGC ha deferito Reina, Aronica e Paolo Cannavaro Mon, 21 May 2018 15:02:48 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731711/napoli-antimafia-la-figc-ha-deferito-reina-aronica-e-paolo-cannavaro http://www.calcioblog.it/post/731711/napoli-antimafia-la-figc-ha-deferito-reina-aronica-e-paolo-cannavaro Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

during the Serie A match between SSC Napoli and AC Siena at Stadio San Paolo on May 12, 2013 in Naples, Italy.

Pepe Reina, Paolo Cannavaro e Salvatore Aronica sono stati deferiti dalla giustizia sportiva per "aver frequentato e frequentare tutt'oggi" pregiudicati legati ad ambienti camorristici. Gli ultimi due non giocano più nel Napoli, mentre Reina chiuderà a giorni la sua esperienza all'ombra del Vesuvio per trasferirsi a Milano, sponda rossonera. Questi rapporti "inopportuni" sono emersi grazie ad un'inchiesta della Dda di Napoli, i cui atti sono stati acquisiti dalla Procura della FIGC.

Paolo Cannavaro - calciatore e capitano tesserato fino al gennaio 2014 e poi passato al Sassuolo - attraverso queste conoscenze poco raccomandabili avrebbe tentato di "vendere un orologio prezioso di notevole valore (400mila dollari) ma dubbia provenienza, nella disponibilità del suocero Luigi Martino", oltre ad aver "anche ottenuto dal Napoli due biglietti omaggio a favore di personaggi legati al clan camorristico Lo Russo". Inoltre "avrebbe fornito al team manager del Napoli, Giovanni Paolo De Matteis, dati anagrafici errati per sviare il controllo di provvedimenti dell'autorità giudiziaria e amministrativa, nonché "essersi prestato con Esposito Gabriele (pregiudicato) a fornire la propria carta di credito per porre in essere truffe".

Per Pepe Reina le accuse sono simili: "aver intrattenuto inopportunamente rapporti di frequentazione ed amicizia concretizzatisi in vacanze, disponibilità d'uso di auto di grossa cilindrata di proprietà di Gabriele Esposito e agevolazioni all'accesso in zona riservata dello stadio San Paolo in occasione delle partite ufficiali". Sempre per aver frequentato i fratelli Gabriele e Giuseppe Esposito, è stato deferito anche Salvatore Aronica.

Oltre ai 3 calciatori, sono stati deferiti anche il team manager Giovanni Paolo De Matteis, il responsabile della biglietteria e delegato alla sicurezza Luigi Cassano e il direttore commerciale marketing del Napoli Alessandro Formisano.

Oltre ai calciatori e i dirigenti, sono state deferite anche le 3 società nelle quali hanno militato Reina, Aronica e Cannavaro nel periodo contestato: Napoli, Palermo e Sassuolo.

PROSEGUI LA LETTURA

Napoli, antimafia: la FIGC ha deferito Reina, Aronica e Paolo Cannavaro é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 17:02 di Monday 21 May 2018

]]>
0
Giro d'Italia 2018, tappa 15: Simon Yates dominatore, trionfa anche a Sappada Sun, 20 May 2018 15:13:55 +0000 http://www.outdoorblog.it/post/495075/giro-ditalia-2018-tappa-15-simon-yates-dominatore-trionfa-anche-a-sappada http://www.outdoorblog.it/post/495075/giro-ditalia-2018-tappa-15-simon-yates-dominatore-trionfa-anche-a-sappada Lucia Resta Lucia Resta

Simon Yates trionfa a Sappada

Simon Yates ha conquistato la sua terza tappa in questo Giro d'Italia 2018 che finora sta praticamente dominando, visto che anche ieri sullo Zoncolan, nonostante non abbia vinto, è comunque arrivato secondo. Il britannico della Mitchelton-Scott è certamente il più costante e soprattutto è in grado di fare degli scatti che lasciano immobili tutti gli altri avversari, proprio come è successo oggi, a oltre 16 km dal termine della quindicesima tappa da Tomezzo a Sappada, lunga in totale 178 km con quattro gran premi della montagna, di terza e seconda categoria e arrivo in salita. Yates è andato all'attacco da solo e ha incrementato via via il suo vantaggio chiudendo con 41" sui primi inseguitori e 1' 20" sul gruppetto successivo. Oggi è stata una giornata no per Fabio Aru dell'UAE Team Emirates, che è andato in crisi e, nonostante il sostegno del compagno di squadra Diego Ulissi, non è riuscito a rientrare nel gruppo.

Fin dal momento del via ci sono stati tantissimi attacchi, ma la fuga "buona" si è staccata dopo ben oltre i 40 km, composta da: Nico Denz, Mickael Cherel e Quentin Jauregui (AG2R La Mondiale), Sacha Modolo (EF- Drapac), Antonio Nibali, Giovanni Visconti e Niccolò Bonifazio (Bahrain - Merida), Dayer Quintana (Movistar), Krists Neilands e Kristian Sbaragli (Israel Cycling Academy), Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), Sam Bewley (Mitchelton - Scott), Gianluca Brambilla (Trek - Segafredo), Alexey Lutsenko (Astana), Davide Ballerini e Fausto Masnada (Androni - Sidermec), Alessandro De Marchi (BMC), Giulio Ciccone ed Enrico Barbin (Bardiani - CSF), Zdenek Stybar (QuickStep - Floors), Maurits Lammertink (Katusha - Alpecin), Diego Ulissi (UAE Team Emirates) e Matthieu Ladagnous (Groupama - FDJ).

Il loro vantaggio non è mai stato troppo alto e dal gruppo hanno attaccato Denz e Cherel, sui quali è rientrato Quintana, inseguiti dagli altri ex battistrada divisi in gruppetti. Il gruppo Maglia Rosa ha via via guadagnato terreno e ha ripreso tutti, inclusi gli ultimi due rimasti al comando, Denz e Ciccone. Poco dopo aver ripreso tutti i fuggitivi, è arrivato l'attacco di Simon Yates, che ha via via aumentato il proprio distacco, mentre i suoi diretti avversari Pozzovivo, Dumoulin, Pino, Lopez e Carapaz, sono rimasti insieme al suo inseguimento. L'olandese ha avuto delle difficoltà ed è rimasto più arretrato rispetto agli altri per qualche chilometro, ma è riuscito a rientrare nel finale e ad andare a prendersi il terzo posto.

Questi i primi dieci al traguardo della tappa 15:
1) Simon Yates (Mitchelton-Scott) 4h 37' 56"
2) Miguel Angel Lopez (Astana) +41"
3) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +41"
4) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) +41"
5) Richard Carapaz (Movistar) +41"
6) Thibaut Pinot (FDJ) +41"
7) Alexandre Geniez (AG2R La Mondiale) +1' 20"
8) Davide Formolo (Bora-Hansgrohe) +1' 20"
9) Pello Bilbao (Astana) +1' 20"
10) Sam Oomen (Team Sunweb) 1' 20"

E queste le prime posizioni della classifica generale:
1) Simon Yates (Mitchelton-Scott) 65h 57' 37"
2) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +2' 11"
3) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) +2' 28"
4) Thibaut Pinot (FDJ) +2' 37"
5) Miguel Angel Lopez (Astana) +4' 27"
6) Richard Carapaz (Movistar) +4' 47"
7) Chris Froome (Team Sky) +4' 52"
8) George Bennet (Team LottoNL-Jumbo) +5' 34"
9) Pello Bilbao (Astana) +5' 59"
10) Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe) +6' 13"

PROSEGUI LA LETTURA

Giro d'Italia 2018, tappa 15: Simon Yates dominatore, trionfa anche a Sappada é stato pubblicato su Outdoorblog.it alle 17:13 di Sunday 20 May 2018

]]>
0
Juventus: bus tifosi contro fili del tram, due feriti gravi Sun, 20 May 2018 08:45:27 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731703/juventus-bus-tifosi-contro-fili-del-tram-2-feriti-gravi http://www.calcioblog.it/post/731703/juventus-bus-tifosi-contro-fili-del-tram-2-feriti-gravi Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

incidente pullman scoperto juventus

Torino - La Juventus ha festeggiato ieri il 7° scudetto consecutivo prima sul terreno dell’Allianz Stadium e poi con il pullman scoperto per le vie della città, ma non è mancato purtroppo un fuoriprogramma. Sei tifosi bianconeri, infatti, sono rimasti feriti in seguito ad un incidente avvenuto proprio negli attimi più concitati dei festeggiamenti. Due di loro si trovano in gravi condizioni e sono ricoverati presso l’ospedale San Giovanni Bosco di Torino.

Secondo le prime ricostruzioni, un mezzo che si trovava al seguito del bus scoperto della Juventus si è incagliato nei cavi elettrici del tram in corso Grosseto, all’angolo con via Chiesa della Salute. Il camion a bordo del quale viaggiavano i supporters, secondo quanto riferisce Corriere.it era stato allestito con bandiere e drappi bianconeri, ma pare non fosse autorizzato ad accodarsi ai festeggiamenti ufficiali. Nell’incidente, due tifosi hanno riportato un trauma cranico commotivo e un trauma al collo. Nonostante le loro condizioni siano gravi, dall’ospedale torinese fanno sapere che non si trovano in pericolo di vita. Ricoverati in codice verde gli altri quattro feriti lievi.

PROSEGUI LA LETTURA

Juventus: bus tifosi contro fili del tram, due feriti gravi é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 10:45 di Sunday 20 May 2018

]]>
0
Nazionale, i primi convocati di Mancini. C'è Balotelli Sat, 19 May 2018 17:27:52 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731700/nazionale-i-primi-convocati-di-mancini-ce-balotelli http://www.calcioblog.it/post/731700/nazionale-i-primi-convocati-di-mancini-ce-balotelli Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

Convocati Mancini

Roberto Mancini ha diramato le sue prime convocazioni da Ct della nazionale italiana. Ben 30 giocatori convocati per le partite contro Arabia Saudita (28 maggio), Francia (1 giugno) e Olanda (4 giugno). Il raduno a Coverciamo comincerà mercoledì 23 maggio, quando entro la serata dovranno arrivare tutti per cominciare poi gli allenamenti insieme il giorno dopo.

Per cinque della lista è la prima chiamata, anche se quasi tutti hanno partecipato ad alcuni stage con i precedenti ct: si tratta del difensore dell'Atalatana Mattia Caldara, del centrocampista del Torino Daniele Baselli, del difensore del Chelsea Emerson Palmieri, del centrocampista del Crotone Rolando Mandragora, di Domenico Berardi, attaccante del Sassuolo che Conte chiamò per le ultime gare di qualificazione agli Europei del 2006 ma che dovette tonare a casa per infortunio e che Ventura convocò solo per uno stage.

Tra i convocati spicca il nome di Mario Balotelli, che non è mai stato convocato durante la gestione Ventura e per il quale l'ultima volta in azzurro è stata a novembre 2014, sotto la gestione di Antonio Conte, che lo convocò per la gara di qualificazione contro la Croazia. Ma in quell'occasione Balotelli dovette lasciare il ritiro a causa di un infortunio. Qui di seguito tutti i convocati di Mancini e anche quelli di Gigi Di Biagio per l'Under 21 che giocherà due amichevoli, una il 25 maggio contro il Portogallo e l'altra il 29 maggio contro la Francia,

I convocati di Roberto Mancini

Portieri: Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Genoa), Salvatore Sirigu (Torino)

Difensori: Leonardo Bonucci (Milan), Mattia Caldara (Atalanta), Domenico Criscito (Zenit San Pietroburgo), Danilo D’Ambrosio (Inter), Mattia De Sciglio (Juventus), Emerson Palmieri Dos Santos (Chelsea), Alessio Romagnoli (Milan), Daniele Rugani (Juventus), Davide Zappacosta (Chelsea)

Centrocampisti: Daniele Baselli (Torino), Giacomo Bonaventura (Milan), Bryan Cristante (Atalanta), Alessandro Florenzi (Roma), Jorginho (Napoli), Rolando Mandragora (Crotone), Claudio Marchisio (Juventus), Lorenzo Pellegrini (Roma)

Attaccanti: Mario Balotelli (Nizza), Andrea Belotti (Torino), Domenico Berardi (Sassuolo), Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Fiorentina), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli), Matteo Politano (Sassuolo), Simone Verdi (Bologna), Simone Zaza (Valencia)

I convocati Under 21 di Gigi DI Biagio

Portieri: Alessandro Plizzari (Ternana), Simone Scuffet (Udinese), Lorenzo Montipo' (Novara)

Difensori: Claud Adjapong (Sassuolo), Davide Calabria (Milan), Gianluca Mancini (Atalanta), Filippo Romagna (Cagliari), Elio Capradossi (Roma), Sebastiano Luperto (Empoli), Kevin Bonifazi (Torino), Raoul Petretta (Basilea), Federico Dimarco (Sion), Giuseppe Pezzella (Udinese)

Centrocampisti: Manuel Locatelli (Milan), Alessandro Murgia (Lazio), Fabio Depaoli (Chievo), Luca Valzania (Pescara), Nicolo' Barella (Cagliari), Matteo Pessina (Spezia)

Attaccanti: Daniele Verde (Verona), Riccardo Orsolini (Bologna), Federico Bonazzoli (Spal), Patrick Cutrone (Milan), Andrea Pinamonti (Inter), Vittorio Parigini (Benevento), Enrico Brignola (Benevento)

PROSEGUI LA LETTURA

Nazionale, i primi convocati di Mancini. C'è Balotelli é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 19:27 di Saturday 19 May 2018

]]>
0
Festa Juve: la Signora chiude battendo 2-1 il Verona Sat, 19 May 2018 16:45:59 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731681/festa-juve-la-signora-chiude-battendo-2-1-il-verona http://www.calcioblog.it/post/731681/festa-juve-la-signora-chiude-battendo-2-1-il-verona Lucia Resta Lucia Resta

La Juventus, dopo aver matematicamente conquistato lo scudetto allo Stadio Olimpico in seguito al pareggio con la Roma nella penultima giornata, oggi ha potuto festeggiare con i propri tifosi all'Allianz Stadium, dove i bianconeri hanno disputato l'ultima partita dell'ennesima stagione trionfale, che si chiude con altri due trofei in bacheca: la Coppa Italia e lo Scudetto.

Oggi, più che la giornata di Juventus-Verona, è stata quella della festa per il settimo tricolore consecutivo e anche dell'addio a Gigi Buffon, che in settimana ha ufficializzato l'addio alla Signora e presto ci dirà quale sarà il suo futuro, cioè se un ritiro definitivo o qualche stagione all'estero. Tanti gli striscioni per il capitano, abbracciato anche da tutti i suoi compagni, ma sicuramente un addio più "sobrio" rispetto a quello di Francesco Totti dell'anno scorso a Roma.

Per quanto riguarda la partita, la Juve ha vinto, mettendo dunque anche la ciliegina sulla torta. I bianconeri si sono imposti per 2-1 e così chiudono la stagione con ben 95 punti in classifica. Tutte le reti sono state messe a segno nel secondo tempo, anche se nel primo c'è da registrare una traversa presa da Dybala al 40'. Il primo gol è stato segnato al 49' da Rugani, che ha ribattuto in rete una palla respinta da Nicolas su un sinistro dal limite di Douglas Costa, il raddoppio immediato, due minuti dopo, con Pjanic, che è andato in gol direttamente dal calcio di punizione, poi al 76' è arrivato il gol della bandiera del Verona con Cerci, che ha anticipato Rugani con la punta del piede ricevendo un bel cross di Romulo. All'85' Nicolas ha parato un rigore a Lichtsteiner, concesso per un fallo di mano di Bearzotti. Qui di seguito il tabellino del match.

Juventus-Verona 2-1: video e tabellino

Il video di Juve-Verona a questo link.

Juventus-Hellas Verona 2-1

Juventus (4-3-2-1): Buffon (18' st Pinsoglio); Lichtsteiner, Rugani, Barzagli, Alex Sandro; Pjanic, Marchisio, Sturaro (44' pt Bentancur); Dybala, Mandzukic, Douglas Costa (21' st Higuain). A disposizione: Szczesny, De Sciglio, Chiellini, Benatia, Khedira, Cuadrado, Matuidi, Asamoah, Howedes. All. Allegri.

Hellas Verona (4-3-3): Nicolas; Souprayen, Ferrari, Caracciolo (1' st Bearzotti), Fares; Romulo, Fossati, Danzi; Cerci, Matos (36' st Petkovic), Aarons (17' st Zuculini). A disposizione: Silvestri, Coppola, Verde, Felicioli. All. Pecchia.

Arbitro: Pinzani di Empoli.
Marcatori: 4' st Rugani (J), 7' st Pjanic (J), 31' st Cerci (V)
Ammoniti: Fossati, Fares (V)
Calci d'angolo: 11-5
Recupero: 1' pt, 3' st

PROSEGUI LA LETTURA

Festa Juve: la Signora chiude battendo 2-1 il Verona é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 18:45 di Saturday 19 May 2018

]]>
0
Giro d'Italia 2018, tappa 14: Chris Froome si sveglia sullo Zoncolan. Terzo Pozzovivo Sat, 19 May 2018 15:52:28 +0000 http://www.outdoorblog.it/post/495072/giro-ditalia-2018-tappa-14-chris-froome-si-sveglia-sullo-zoncolan-terzo-pozzovivo http://www.outdoorblog.it/post/495072/giro-ditalia-2018-tappa-14-chris-froome-si-sveglia-sullo-zoncolan-terzo-pozzovivo Lucia Resta Lucia Resta

Chris Froome

Sul Monte Zoncolan sono arrivate la frullate di Chris Froome che si è così aggiudicato una delle tappe più dure di questo Giro d'Italia 2018. Il capitano del Team Sky ha battuto tutti attaccando negli ultimi chilometri di salita e così oggi Simon Yates, che conserva la Maglia Rosa, si è dovuto accontentare del secondo posto, ma dando comunque altri segnali positivi nell'ambito della gara nel suo complesso.

Yates, infatti, oggi ha perso solo 6" secondi nei confronti di Froome, ma ne ha guadagnati su tutti gli altri, incluso Tom Dumoulin del Team Sunweb, che è arrivato quarto con 37" di ritardo da Froome e dunque 31" dalla Maglia Rosa. Terzo oggi Domenico Pozzovivo della Bahrain-Merida con un ritardo di 23" e sale al terzo posto anche in classifica generale, mentre Fabio Aru (Astana) è arrivato con oltre due minuti di ritardo ed è ora fuori dalla top-ten a oltre cinque minuti dalla Maglia Rosa.

La fuga di giornata è stata animata da Enrico Barbin (Bardiani CSF), Francesco Gavazzi (Androni Giocattoli-Sidermec), Mads Pedersen (Trek-Segafredo) e Valerio Conti (UAE Team Emirates) cui si sono poi aggiunti Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Laurent Didier (Trek-Segafredo) e Jacopo Mosca (Wilier Triestina-Selle Italia). I battistrada hanno avuto un vantaggio massimo di oltre sei minuti, poi crollato sulle salite più impegnative. Conti e Anton sono stati gli ultimi a cedere, a 6,5 km dall'arrivo, sullo Zoncolan, quando la corsa si è accesa ed è cominciata la lotta tra i big.

Sullo Zoncolan si è rivisto il Team Sky del Tour de France, con Wout Poels che ha messo Chris Froome nella migliore condizione per attaccare e così ha fatto il keniano bianco, con le sue frullate cominciate a 4 km dal termine. Froome è riuscito ad andare via da solo, al suo inseguimento ci sono stati prima la Maglia Rosa Simon Yates della Mitchelton-Scott con Domenico Pozzovivo della Bahrain-Merida e Miguel Angel Lopez dell'Astana (quest'ultimo da oggi è Maglia Bianca). Ai -3 km Simon Yates si è lanciato da solo all'inseguimento di Froome.

Froome e Yates hanno dato vita a una bellissima lotta negli ultimi chilometri, la Maglia Rosa ha recuperato secondi e terreno al suo connazionale, ma alla fine è stato il capitano del Team Sky ad avere la meglio con 6" di vantaggio sulla Maglia Rosa.
Froome ha detto che per la vittoria del Giro per lui è dura, ma vedrà cosa succederà giorno per giorno. Ha anche fatto gli auguri al Principe Harry e Meghan Markle per il matrimonio.

Questi i primi dieci oggi al traguardo:
1) Chris Froome (Team Sky) 5h 25' 31"
2) Simon Yates (Mitchelton-Scott) +6"
3) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida)+23"
4) Miguel Angel Lopez (Astana) +25"
5) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +37"
6) Thibaut Pinot (FDJ) +42"
7) Wout Poels (Team Sky) +1' 07"
8) Sebastien Reichenbach (FDJ) +1' 19"
9) Pello Bilbao (Astana) +1' 35"
10) Michael Woods (Team EF-Education First-Drapac) +1' 43"

E queste le prime posizioni della classifica generale:
1) Simon Yates (Mitchelton-Scott) 61h 19' 51"
2) Tom Dumoulin (Team Sunweb) +1' 24"
3) Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida) +1' 37"
4) Thibaut Pinot (FDJ) +1' 46"
5) Chris Froome (Team Sky) +3' 10"
6) Miguel Angel Lopez (Astana) +3' 42"
7) Richard Carapaz (Movistar) +3' 56"
8) George Bennet (Team LottoNL-Jumbo) +4' 04"
9) Pello Bilbao (Astana) +4' 29"
10) Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe) +4' 43"

PROSEGUI LA LETTURA

Giro d'Italia 2018, tappa 14: Chris Froome si sveglia sullo Zoncolan. Terzo Pozzovivo é stato pubblicato su Outdoorblog.it alle 17:52 di Saturday 19 May 2018

]]>
0
Francia '98, Platini e il "sorteggio truccato". Dov'è la notizia? Fri, 18 May 2018 15:28:11 +0000 http://www.calcioblog.it/post/731655/francia-98-platini-e-il-sorteggio-truccato-dove-la-notizia http://www.calcioblog.it/post/731655/francia-98-platini-e-il-sorteggio-truccato-dove-la-notizia Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

12 Jul 1998:  Zinedine Zidane (no.10) of France is hailed by his team mates after a match winning performance in the World Cup Final against Brazil at the Stade de France in St Denis. Zidane scored twice as France won 3-0.   Mandatory Credit: Stu Forster/Allsport

Michel Platini nel corso della trasmissione Stade Bleu, che andrà in onda il 20 maggio prossimo, ha rivelato di aver utilizzato un "petite magouille" (un "piccolo inganno") per consentire alla sua Francia di affrontare il Brasile solo nella finalissima del torneo. Platini è stato infatti co-presidente del comitato organizzatore dei Mondiali 1998 e - come hanno fatto tutti i comitati organizzatori della storia - ha cercato di regalare un piccolo vantaggio (potenziale) alla sua nazionale.

In moltissimi, però, hanno capito fischi per fiaschi gridando allo scandalo planetario. Nessun sorteggio è infatti stato truccato per inserire il Brasile nel Gruppo A e la Francia nel Gruppo C, in modo così da evitare che i loro destini si incrociassero prima di un'eventuale finale. Condizione, in ogni caso, verificabile solo a patto che entrambe vincessero il rispettivo girone.

Praticamente tutti hanno iniziato ad immaginare "palline" fredde o calde utilizzate per truccare il sorteggio, ma in realtà si tratta di una notizia che non esiste. La decisione di inserire il Brasile nel Gruppo A e la Francia nel Gruppo C venne infatti presa prima del sorteggio svoltosi il 4 dicembre 1997. Il comitato organizzatore cercò di convincere la FIFA ad associare tutte le teste di serie ai gruppi prima del sorteggio, allo scopo di poter rispettare un "criterio geografico" a vantaggio dei tifosi delle nazionali europee più rappresentative.

L'Italia nel girone avrebbe dunque giocato nel sud del Paese, come la Spagna avrebbe giocato a Tolosa o Bordeaux, mentre l'Olanda sarebbe scesa in campo a Lens. Le federazioni sudamericane, quella brasiliana in testa, protestarono con forza e la FIFA bocciò quest'idea. Alla fine si trovò un punto d'incontro inserendo il Brasile campione in carica nel Gruppo A e la Francia nel Gruppo C, mentre per le altre nazionali fu previsto anche il sorteggio delle sedi delle partite dei gironi. Quella del comitato organizzatore si rivelò una strategia più che vincente: chiedere l'impossibile per arrivare ad ottenere un compromesso molto più vantaggioso della proposta iniziale.

Platini ha banalmente svelato che dietro a quella proposta c'era l'intenzione del comitato organizzatore di provare a scongiurare una sfida tra Brasile e Francia in una fase non caldissima della competizione. Fu sicuramente una mossa astuta ed anche un po' scorretta, ma è una notizia che dovrebbe essere arcinota a tutti visto che il sorteggio dei Mondiali del 1998 iniziò con i gironi già assegnati per Francia e Brasile.

Non si trattò, in ogni caso, di una novità assoluta. Per i Mondiali americani del 1994 tutte le teste di serie, Italia compresa, vennero inserite nei vari gruppi senza alcun sorteggio dopo una mai meglio precisata "mediazione" con la Fifa. Anche per i Mondiali del 2002 si seguì lo stesso metodo di Francia '98; la nazionale campione del Mondo venne inserita nel Gruppo A, mentre Giappone e Corea del Sud finirono rispettivamente nei gruppi D e H per scongiurare uno scontro diretto tra le nazionali dei due Paesi ospitanti prima di un'eventuale finale. Anche in occasione dei Mondiali di Germania 2006 i detentori della Coppa vennero inseriti nel Gruppo F, mentre la Germania venne inserita nel Gruppo A.


PROSEGUI LA LETTURA

Francia '98, Platini e il "sorteggio truccato". Dov'è la notizia? é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 17:28 di Friday 18 May 2018

]]>
0