it_IT Home Blogo.it - Ultime notizie della sezione Home Sat, 24 Jun 2017 14:02:25 +0000 Sat, 24 Jun 2017 14:02:25 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/home 2004-2014 Blogo.it Fermata una presunta foreign fighter italiana Sat, 24 Jun 2017 09:25:48 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584163/alessandria-fermata-una-presunta-fighter-italiana http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584163/alessandria-fermata-una-presunta-fighter-italiana Daniele P. Daniele P.

carcere-torino.jpg

Una ragazza italiana di 26 anni è stata arrestata in provincia di Alessandria, su ordine della Procura Distrettuale di Torino, mentre stava organizzando un viaggio in Siria per unirsi alle file dello Stato Islamico, come aveva fatto in passato e come, secondo gli inquirenti, aveva fatto anche suo marito, forse deceduto sul campo di battaglia in Siria.

La giovane era già stata in Siria e, nel gennaio scorso, era stata bloccata dai militari dell’esercito turco al confine tra Siria e Turchia e tenuta in carcere fino a quando il governo aveva deciso di espellerla e avvisare le autorità italiane, che hanno iniziato a monitorare i suoi spostamenti e i suoi contatti.

Le autorità italiane che hanno tenuto sotto controllo la giovane non hanno evidenziato particolari contatti in Siria o legami con altri possibili terroristi presenti su territorio italiano, ma hanno sequestrato del materiale che sarà ora passato al setaccio.

La giovane è stata condotta nel carcere delle Vallette di Torino a disposizione dell’autorità giudiziaria.

PROSEGUI LA LETTURA

Fermata una presunta foreign fighter italiana é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 11:25 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Frana travolge un paese: almeno 140 dispersi - FOTO Sat, 24 Jun 2017 08:43:00 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584154/cina-frana-travolge-un-intero-paese-almeno-140-dispersi-foto http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584154/cina-frana-travolge-un-intero-paese-almeno-140-dispersi-foto Daniele P. Daniele P.

Più di 140 persone sono rimaste sepolte vive a causa di una frana nel paesino di Xinmo, nella contea di Maoxian a sud-ovest della Cina. Erano da poco passate le 6, ora locale, quando una parte della montagna si è staccata e ha travolto l’intero paese, distruggendo più di 40 case e intrappolando le persone che stavano dormendo in quel momento.

I soccorsi sono in azione ormai da ore e fino a questo momento una coppia e un bambino sono stati tratti in salvo e trasportati in ospedale, mentre un cadavere è già stato recuperato.

La frana, secondo quanto riferisce la stampa locale, sarebbe stata provocata dalle pesanti piogge di queste ultime settimane in concomitanza con la quasi totale assenza di vegetazione nell’area.

PROSEGUI LA LETTURA

Frana travolge un paese: almeno 140 dispersi - FOTO é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 10:43 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Stefano Rodotà è morto Fri, 23 Jun 2017 18:33:11 +0000 http://www.polisblog.it/post/386688/stefano-rodota-e-morto-e-stato-difensore-dello-stato-di-diritto http://www.polisblog.it/post/386688/stefano-rodota-e-morto-e-stato-difensore-dello-stato-di-diritto FabioPagano FabioPagano

untitled-design-3.png

E' morto ad 84 anni uno dei maggiori intellettuali italiani e uno dei protagonisti del Parlamento italiano degli ultimi quarant'anni

E’ morto, all’età di 84 anni, Stefano Rodotà. Personaggio difficile da incasellare a causa delle sue molteplici battaglie. Sempre in prima fila nelle battaglie per la buona politica, per la cultura e per la giustizia. Un vero intellettuale, uno degli ultimi. Calabrese di Cosenza, nato nel 1933, figlio di un insegnante di matematica di origini albanesi. Si laurea in legge a Roma negli anni cinquanta ed a quarant’anni è già ordinario di Diritto Civile alla Sapienza.

Le sue prime esperienze politiche le fa con i Radicali, va ad insegnare all’estero tra Francia, Germania e Stati Uniti senza mai perdere di vista l’impegno civile. Nel 1979 entra in Parlamento ma non lo fa con i Radicali. Viene eletto, come indipendente, tra le fila del Pci. Sono gli anni di piombo che mettono a dura prova la coerenza di più di un intellettuale. Rodotà, però, non si muoverà di un centimetro. Non voterà per le leggi emergenziali di Cossiga.

Esce dal partito nel 1993 e assiste alla partenza della seconda repubblica dall’esterno. Durante il primo governo Prodi diventa il garante della privacy, un ruolo che terrà magistralmente fino al 2005. La sua produzione letteraria tocca i temi della Costituzione, della laicità dello Stato, della libertà di stampa. Spesso contesta la sinistra italiana, colpevole, a suo dire, di lasciare il primato dell’etica alla Chiesa.

Sulle grandi questioni si ritrova, spesso, contro. Commenterà dicendo, “Siamo in uno stato di diritto, ma nessuno ci crede”. Fu fiero sostenitore del conflitto d’interessi di Silvio Berlusconi. La sua ultima esperienza è stata la candidatura a Presidente della Repubblica con il Movimento Cinque Stelle. Lascia la moglie Carla con cui era spostato da più di cinquant’anni e due figli, Carlo e Maria Laura.

PROSEGUI LA LETTURA

Stefano Rodotà è morto é stato pubblicato su Polisblog.it alle 20:33 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Juncker: “L’offerta di Theresa May non è sufficiente” Fri, 23 Jun 2017 09:04:07 +0000 http://www.polisblog.it/post/386684/brexit-juncker-lofferta-di-theresa-may-per-i-cittadini-ue-non-e-sufficiente http://www.polisblog.it/post/386684/brexit-juncker-lofferta-di-theresa-may-per-i-cittadini-ue-non-e-sufficiente Daniele Particelli Daniele Particelli

Le prime regole dettate ieri dalla premier britannica Theresa May e la sua apertura sui diritti dei cittadini europei attualmente residenti nel Regno Unito non sono state accolte con grande soddisfazione dal Presidente della Commissione UE Jean-Claude Juncker, che ha definito le dichiarazioni di May “un primo passo, ma questo passo non è sufficiente”.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha invece parlato di “un buon inizio”, sottolineando però l’esistenza di molte altre questioni ancora in sospeso.

Le dichiarazioni dei due leader sono arrivate nel secondo giorno di summit dei 28 leader degli Stati Membri dell’UE, incentrato su questioni legate all’economia e al commercio, ma anche sull’emergenza immigrazione.

European Commission President Jean-Claude Juncker arrives for a European Union leaders summit at the European Council, in Brussels, on June 23, 2017. / AFP PHOTO / Aurore Belot        (Photo credit should read AURORE BELOT/AFP/Getty Images)

PROSEGUI LA LETTURA

Juncker: “L’offerta di Theresa May non è sufficiente” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 11:04 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Titoli di Stato: aste BTP e CTZ del 27 giugno Fri, 23 Jun 2017 07:35:14 +0000 http://www.soldiblog.it/post/25853/titoli-di-stato-aste-btp-e-ctz-del-26-maggio-2017 http://www.soldiblog.it/post/25853/titoli-di-stato-aste-btp-e-ctz-del-26-maggio-2017 re.mar. re.mar.

Banche stock titoli di Stato

Il 27 giugno 2017 si terranno le aste di titoli di Stato sulla media e lunga scadenza CTZ e BTPi, quest’ultimi indicizzati all'inflazione dell'eurozona, per un ammontare massimo di 3,5 miliardi di euro.

Il Tesoro con un comunicato ha spiegato che sarà offerta la terza tranche del CTZ con scadenza 30/05/2019 per 2-2,5 miliardi di euro (Codice Isin: IT0005256471), il BTPi quinquennale in decima tranche con scadenza 15/05/2022 e cedola annua 0,1% per 0,5-1 mld (Isin:IT0005188120) e la 36esima tranche del BTp-i a 15 anni, cedola annua 3,1%, con scadenza 15/09/2026 sempre per 0,5-1 miliardo di euro (Codice Isian: IT0004735152).

Risultati aste BTP e CTZ 26 maggio 2017

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 26 maggio 2017 il Tesoro ha piazzato due Btpei, indicizzati all'inflazione dell’area euro, con scadenza 2028 e 2041, rispettivamente per un importo di 984 milioni, a un tasso dell’1,21%, e di 472 milioni, per un rendimento all'1,78%.

Buona la domanda su entrambi i Btp, pari a 1,6 miliardi per i primi e a 876 milioni per i secondi. Sempre stamattina sono stati venduti Ctz biennali per 3,5 miliardi, il massimo previsto dall’offerta, a un tasso negativo di -0,078%, da -0,075% dell’analoga asta di aprile, per richieste pari a più di 6 miliardi.

Titoli di Stato | Aste BTP e CTZ 26 maggio 2017

Il 26 maggio 2017 il Tesoro mette in asta titoli di Stato BTPei, indicizzati all’inflazione dell’area euro, per 750 milioni massimo 1,25 miliardi di euro e Ctz per 3-3,5 miliardi di euro. In dettaglio saranno offerti il BTP in scadenza a maggio 2028, in seconda tranche, a un tasso di interesse reale annuo dell'1,3% pagabile ogni sei mesi (codice Isin: IT0005246134) e la 22esima tranche BTPei settembre 2041 a un tasso di interesse reale del 2,55% annuo (codice Isin: IT0004545890).

Sempre il 26 maggio 2017 si terrà anche l’asta di CTZ a 24 mesi con scadenza: 30 maggio 2019 tramite il meccanismo di collocamento dell’asta marginale, il codice Isin è da attribuire.

Aste BTP e CTZ di oggi 24 aprile 2017

Nelle aste di titoli di Stato BTPei e CTZ di oggi 24 aprile 2017 il Tesoro ha piazzato un BTP a 5 anni, in ottava tranche, indicizzato all'inflazione dell'area euro per 737,55 milioni di euro contro richieste per 1,277 miliardi, a un tasso dello 0,14%, -24 centesimi sull’analoga e precedente emissione.

Il BTPei a 15 anni, in dodicesima tranche, invece è stato venduto per 512,45 milioni con richieste per 983 milioni e un rendimento all’1,36%. I Ctz biennali, in nona tranche e con scadenza 28-12-2018, invece sono stati collocati per un 2 miliardi di euro per una domanda totale di 3,405 miliardi; il tasso resta negativo seppur in aumento di centesimo, a quota -0,075, sull'ultima asta CTZ.

Aste BTP e CTZ 24 aprile | Caratteristiche

Il 24 aprile 2017 il Tesoro mette in asta titoli di Stato BTP e CTZ per un massimo di 3,25 miliardi di euro. In dettaglio saranno offerti due BTP indicizzati all’inflazione europea per 750 milioni-1,25 miliardi di euro. Il primo BTPei maggio 2022 con decorrenza 15 maggio 2016, in ottava tranche è offerto a un tasso di tasso di interesse reale annuo dello 0,1% (codice Isin: IT0005188120). Il secondo BTPei settembre 2032 con decorrenza 15 settembre 2015 è offerto 12esima tranche a un tasso d’interesse reale annuo dell’1,25% (Isin: IT0005138828). Infine il CTZ 24 mesi, in nona tranche con decorrenza 29 novembre 2016 e scadenza 28 dicembre 2018 verone offerto per 1,5 massimo 2 miliardi di euro (codice Isin: IT0005221285).

Asta CTZ del 28 marzo 2017 | Tasso in calo

Nell'asta di CTZ a 24 mesi di oggi 28 marzo 2017 il Tesoro ha assegnato tutto l'ammontare offerto, pari a 2,5 miliardi di euro, con una buona domanda e rendimenti in calo per il titolo di Stato con scadenza 28-12-2018. Il tasso lordo si è attestato a -0,085% contro lo 0,029% registrato nella precedente e analoga asta CTZ a due anni del 23 febbraio scorso. La domanda è arrivata a quota i 4,391 miliardi per un rapporto di copertura in salita a 1,76, da 1,65 precedente.

Asta CTZ del 28 marzo 2017 | Caratteristiche

Il 28 marzo 2017 il Tesoro effettuerà un’asta di CTZ biennali, in settima trance, con decorrenza 29 novembre 2016 e scadenza 28 dicembre 2018 per un'offerta di titoli di Stato che va da un minimo di 2 miliardi a un massimo di 2,5 miliardi di euro. Il codice Isin dell'asta è IT0005221280 e l'importo asta supplementare pari a 375 milioni di euro.

I CTZ vengono collocati con il sistema dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa entro l'intervallo di emissione stabilito. Il Tesoro ha poi comunicato di aver cancellato l’asta dei BTPei prevista pure per il 28 marzo 2017 perché nello stesso mese è già stato emesso via sindacato il nuovo BTP 2028 indicizzato all'inflazione dell'area euro.

Aste BTPei e CTZ di oggi 23 febbraio

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 23 febbraio 2017 il Tesoro ha piazzato tutti gli 1,25 miliardi di BTP indicizzati all'inflazione dell’eurozona previsti dall’offerta, in dettaglio: 783,6 milioni di BTP 5 anni 15/05/2022 a un tasso dello 0,37%, -14 centesimi sull’analoga asta precedente, e 466,4 milioni di BTP a 15 anni 15/09/2026 a un rendimento dell'1,17%. Il regolamento delle aste è fissato al 27 febbraio.

Collocati sempre stanati anche 2,5 miliardi di titoli di Stato Ctz a 2 anni un tasso, in aumento, pari allo 0,029%, ciò è +10 punti base rispetto all'asta precedente di titoli zero coupon a 24 mesi. Le richieste hanno curato i 4,1 mld per un rapporto di copertura di 1,65.

Aste BTP e CTZ del 23 febbraio 2017

Il 23 febbraio 2016 si terranno le aste di titoli di Stato BTP indicizzati, per un'offerta oscillante tra 750 milioni e 1,25 miliardi euro, e di CTZ per un massimo di 2,5 miliardi di euro. Per quanto riguarda i primi, più in dettaglio saranno venduti BTP indicizzati all'inflazione europea maggio 2022 con decorrenza 15 maggio 2016, in sesta tranche a un tasso d'interesse reale annuo dello 0,1% (codice ISIN: IT0005188120) e BTP indicizzati settembre 2026 con decorrenza 15 marzo 2011, in 34esima tranche, a un tasso d'interesse reale del 3,1% annuo, pagabile ogni sei mesi (codice Isin: IT0004735152).

I CTZ dicembre 2018 con decorrenza 29 novembre 2016 saranno invece in asta sempre la mattina del 23 febbraio per 2-2,5 miliardi di euro. Il codice ISIN è IT0005221285. I titoli di Stato CTZ sono venduti con il sistema dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità collocata entro l'intervallo di emissione prestabilito.

Aste 26 gennaio 2017 | Tasso sale per il BTP

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 26 gennaio 2017 il tasso lordo dei CTZ a 24 mesi è tornato negativo pari -0,071% (da 0,283% dell'analoga asta di novembre); buona comunque la domanda pari a 4,9 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,96 (la domanda ha superato di 1,96 volte l'offerta).

In netta crescita invece il rendimento del BTP indicizzato all'inflazione europea settembre 2032: sono stati collocati stamattina 976 milioni di euro del titolo di stato sulla lunga scadenza, quasi il massimo dell'offerta, pari a un miliardo di euro, per un rapporto di copertura di 1,35 e un rendimento lordo dell’1,22%. Il BTPei assicura una cedola reale dell'1,25%.

Aste BTPei e CTZ 26 gennaio 2017

Il Tesoro comunica che il 26 gennaio 2017 si terranno le aste di CTZ con scadenza 28/12/18 (in terza tranche, codice Isin IT0005221285) per un importo compreso tra 2 e 2,5 miliardi di euro e di BTPei con decorrenza 15/9/2015 e scadenza 15/9/2032, in decima tranche, per un importo compreso tra 500mila euro e un miliardo.

I BTP indicizzati all'inflazione dell'Eurozona vengono offerti con un tasso di interesse reale dell'1,25% annuo, pagabile ogni sei mesi (Isin: IT0005138828). Il regolamento di entrambe le aste di titoli di Stato è fissato al 30 gennaio.

Il collocamento dei CTZ avviene come sempre con il meccanismo dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione.

Risultati aste BTPei e CTZ del 25 novembre 2016

Il Tesoro ha piazzato nelle aste di titoli di Stato del 25 novembre 2016 tutti 3,5 miliardi di euro di CTZ biennali previsti dall'offerta con tassi in aumento allo 0,283% per una domanda pari a 5,152 miliardi. Collocati anche 791,7 milioni di di BTPei, indicizzati all'inflazione europea, con scadenza a maggio del 2022 a un tasso dello 0,51%. Buona la domanda pari a 1,365 miliardi. Infine sono stati venduti 414,2 milioni di BTPei con scadenza settembre 2041, a un rendimento dell'1,74% per una domanda di 682,7 milioni di euro.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 25 novembre 2016

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, come comunicato ieri a mercati chiusi, ha reso noti i dettagli delle aste di titoli di Stato del 25 novembre 2016: CTz a 24 mesi per un importo tra 3 e 3,5 miliardi e BTPei, titoli indicizzati all'inflazione dell'area euro, a 5 e 30 anni ognuno dei quali per un importo compreso tra 750 milioni e 1,250 miliardi (in totale 2,5 miliardi massimo).

Per il BTPei maggio 2022 il tasso di interesse reale annuo è dello 0,1% (codice Isin: IT0005188120), per il BTPei settembre 2041, del 2,55% (Isin:IT0004545890). Per i CTZ a due anni l'Isin è da attribuire. Il meccanismo di collocamento usato per i titoli zero coupon sarà quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa entro l'intervallo di emissione programmato.

Titoli di Stato | Risultati aste BTPei 26 ottobre

Nelle aste BTPei di oggi 26 ottobre 2016 il Tesoro ha venduto tutti gli 1,5 miliardi di titoli di Stato sulla media e lunga scadenza indicizzati all’inflazione europea.

Il BTPei a 10 anni, con scadenza 15/09/2024, è stato assegnato per 668,5 milioni contro richieste per 1,096 miliardi, a un tasso d'interesse lordo dello 0,29%, per un rapporto di copertura di 1,64. Il BTPei a 15 anni, con scadenza 15/09/2026, è stato invece collocato per 831,5 milioni a un tasso lordo dello 0,51% per un rapporto di copertura di 1,50.

Titoli di Stato | Aste BTPei del 26 ottobre 2016

Il prossimo 26 ottobre il Tesoro offrirà in asta BTPei, titoli di Stato indicizzati all'inflazione europea, a 10 e 15 anni. Il primo con scadenza settembre 2024 e il secondo settembre 2026. I titoli saranno offerti fino a un massimo di 1,5 miliardi di euro. Il Tesoro ha precisato in una nota che non si terrà invece l'emissione di CTZ che era in calendario per questa tornata di aste di fine ottobre.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 27 settembre | Tassi in calo

Il Tesoro nelle aste di titoli di Stato di oggi 27 settembre 2016 ha collocato 3,44 miliardi in CTZ e BTPei. I CTZ con scadenza 2018 sono stati collocati per 2,5 miliardi di euro a un tasso pari a -0,216% da -0,067% dell'analoga asta precedente. Per i Btp 2032 indicizzati all'inflazione europea sono stati assegnati 939 milioni di euro allo 0,63%, 37 punti in meno rispetto all'ultima analoga asta.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 27 settembre 2016

Il 27 settembre 2016 il Tesoro terrà le aste di CTZ e BTPei di fine mese. In dettaglio saranno offerti titoli di Stato con queste caratteristiche: CTz 30 marzo 2016 in settima tranche con scadenza 28 marzo 2018 per 2-2,5 miliardi di euro (codice Isin: IT0005175366) e BTP indicizzati all'inflazione europea, in ottava tranche, per 500 milioni massimo 1 miliardo di euro con decorrenza settembre 2016 e scadenza 15 settembre 2032 a un tasso di interesse reale pari all'1,25% annuo (codice Isin: IT0005138828).

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 luglio

Buoni risultati nelle aste di titoli di Stato italiani di oggi 26 luglio. Il Tesoro ha piazzato CTZ a un tasso negativo dello 0,15% (-1 punto base) con scadenza 28/03/2018 per 2,5 miliardi contro richieste totali pari a 4 miliardi di euro. Venduti anche BTPei a 5 anni con scadenza 15/05/2022 per 1 miliardo di euro per una domanda pari a 1,625 miliardi di euro e un tasso allo 0,08%, in leggero calo.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 luglio 2016

Il 26 luglio prossimo ci sarà l’asta di BTPei, titoli di Stato indicizzati all’inflazione europea, con scadenza il 15 maggio 2022 e decorrenza il 15 maggio 2016, in seconda tranche, per un tasso di interesse reale dello 0,1%. L'ammontare dell'offerta va da 500 milioni a massimo 1 miliardo di euro. Il codice Isin è IT0005188120. L'importo asta supplementare è stato fissato in 150 milioni di euro.

Lo stesso giorno si terrà l'asta di CTZ 24 mesi, in quinta tranche, con decorrenza 30 marzo 2016 e scadenza 28 marzo 2018 per un ammontare dell’emissione compreso tra 2 miliardi e massimo 2,5 miliardi di euro. Il codice Isin dell'asta è IT0005175366, l'importo di quella supplementare è pari a 375 milioni di euro. Il meccanismo di collocamento è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione.

Titoli di Stato | Prima asta BTPei post Brexit

Il Tesoro nell'asta BTPei di oggi 27 giugno 2016 ha collocato titoli di Stato a 15 anni per 692.925.000 con un tasso d'interesse in calo rispetto all'asta precedente, all'1%. Il clima di incertezza post Brexit che si riflette anche questa mattina sul mercato azionario spinge gli investitori a scegliere asset sicuri, con la liquidità che viene spostata quindi verso beni rifugio classici come l'oro e sui titoli di Stato.

Tornando all'asta di stamattina, l'importo offerto era compreso tra 500 mila e 750 mila euro. Buona la domanda, pari a 1,05 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,52 (domanda pari a 1,52 volte l'offerta).

Sul mercato secondario il BTP decennale del Tesoro mostra un calo del rendimento all'1,44% per uno spread BTP/Bund a 10 anni che resta ben saldo sopra i 150 punti base, a 153.

Titoli di Stato | Asta BTPei del 27 giugno 2016

Ieri a mercati chiusi il Tesoro ha comunicato che il 27 giugno 2016 ci sarà l'asta del BTP indicizzato, in sesta tranche, settembre 2032, con decorrenza 15 settembre 2015 e scadenza 15 settembre 2032.

Il tasso di interesse annuo lordo riconosciuto è pari all'1,25%. Il codice ISIN: è IT0005138828. Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha altresì comunicato che il 27 giugno non si terrà, come precedentemente preventivano, l'asta di CTZ.

Ieri sul mercato secondario italiano lo spread tra Btp decennale e Bund tedesco equivalente è calato per un differenziale di rendimento che in chiusura si è attestato a 137 punti base, dai 140 punti del giorno prima. Il tasso di rendimento del benchmark del Tesoro è sceso così all'1,44% dall'1,45% precedente.

Asta CTZ 26 maggio 2016 | Tasso a -0,137%

Nell’asta di CTZ a 24 mesi di oggi 26 maggio, terza tranche, sono stati piazzati titoli di Stato per complessivi 2,5 miliardi di euro, il massimo dell’offerta prevista a un tasso lordo sempre negativo, a -0,137 (nuovo minimo storico), in calo rispetto all’ultima analoga asta di marzo quando il rendimento si era attestato a -0,063%. Buona comunque la domanda pari a 4,03 miliardi di euro, per un rapporto di copertura di 1,61, da 1,69 dell’asta di marzo.

Titoli di Stato | Asta CTZ del 26 maggio 2016

Il 26 maggio 2016 il Tesoro terrà l'asta di CTZ a due anni in terza tranche con decorrenza 30 marzo 2016 e scadenza 28 marzo 2018 per un ammontare dell’emissione compresa tra i 2 miliardi e massimo i 2,5 miliardi di euro.

Il codice Isin è IT0005175366 e l'importo dell'asta supplementare è fissato in 375 milioni di euro. I CTZ 24 mesi verranno collocati attraverso il meccanismo dell'asta marginale con la determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione stabilito.

Il Tesoro ha fatto sapere anche che l’asta dei BTP indicizzati all'inflazione, prevista pure per il 26 maggio, non ci sarà perché nel mese è stato già emesso via sindacato il nuovo BTPei 2022.

Titoli di Stato | Asta BTPei 26 aprile 2016 | Tasso 0,48%

Nell'asta di titoli di Stato di oggi 26 aprile 2016 il Tesoro ha collocato BTPei, bond indicizzati all'inflazione europea, con scadenza settembre 2024, per il massimo dell'offerta prevista pari a 750 milioni di euro, a un tasso medio che si è attestato allo 0,48%. Buona la domanda pari a 1,693 miliardi di euro, oltre due volte l'importo offerto.

Titoli di Stato | Asta BTPei del 26 aprile 2016

Martedì 26 aprile 2016 il Tesoro terrà l'asta di BTPei, titoli di stato indicizzati all'inflazione europea, con scadenza 15 settembre 2024. Il titolo obbligazionario a 10 anni, in ventesima tranche, verra offerto per una forchetta compresa tra 500 e 750 milioni di euro a un tasso di interesse reale del 2,35% annuo, pagabile ogni sei mesi.

Il codice Isin dell'emissione è IT0005004426; le domande in asta vanno presentate entro le ore 11 del 26 aprile mentre il regolamento dell'operazione è previsto due giorni dopo. Per il Btpei decennale verranno riconosciuti 44 giorni di dietimi, la provvigione per il collocamento è pari allo 0,30%.

Titoli di Stato | Asta BTPei e CTZ del 24 marzo 2016

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 24 marzo 2016 il Tesoro ha venduto tutti i 3 miliardi di CTz, con scadenza 28.03.18, previsti dall’offerta un tasso negativo pari a -0,063%, in leggero aumento dal minimo dell’analoga asta precedente (-0,118%), a gennaio scorso. Buona la domanda per un rapporto di copertura di 1,69 (domanda superiore di 1,69 volte l'offerta).

Collocato anche il massimo dell’offerta prevista per i BTPei, pari a 750 milioni di euro. In dettaglio BTPei a 15 anni, 15.09.26, in trentesima tranche, è stato piazzato per 495,5 milioni di euro contro una domanda di 1,18 miliardi, a un tasso o lordo dello 0,55% mentre il BTPei a 30 anni, 15.09.41, in 18esima tranche, è stato venduto per 254,5 milioni di euro, a fronte di 633 milioni le richieste, a un tasso di rendimento lordo dell'1,20%

Titoli di Stato | Asta BTPei e CTZ del 24 marzo 2016 | Caratteristiche

Ieri a mercati chiusi il Tesoro ha annunciato che nelle aste di titoli di Stato del 24 marzo 2016, offrirà BTPei e CTZ per un massimo di 3,75 miliardi di euro. In dettaglio saranno emessi CTZ 24 mesi, in prima tranche, con codice Isin da attribuire, in scadenza il 28 marzo 2018, per 2,5-3 miliardi di euro.

Poi 250-750 milioni di BTPei, titoli indicizzati all'inflazione dell'eurozona, a 30 anni, in 30esima tranche, con scadenza 15 settembre 2041, con tasso di interesse reale del 3,1% annuo, pagabile semestralmente (Isin IT0004545890) e BTPei con scadenza il 15 settembre 2026, in 18esima tranche, a un tasso di interesse reale del 2,5% annuo, pagabile semestralmente.

Titoli di Stato | Asta BTPei 24 febbraio 2016 | Tasso su a 1,22%

Nell'asta di BTpei a 15 anni di oggi 24 febbraio 2016, con scadenza settembre 2032, il Tesoro ha venduto titoli di Stato indicizzati all'inflazione dell'eurozona per 904 milioni di euro, meno dell'obiettivo massimo previsto dall'offerta pari a un miliardo, a un tasso d'interesse in rialzo all'1,22%, dallo 0,83% precedente. La domanda è stata pari a 1,33 miliardi.

Titoli di Stato | Asta BTPei del 24 febbraio 2016

Mercoledì 24 febbraio 2016 il Ministero dell'Economia e delle finanze terrà l'asta di BTPei settembre 2032, la quarta tranche dei titoli di Stato indicizzati all'inflazione dell'eurozona per un importo compresso tra 0,5-1,0 miliardi di euro.

Il codice Isin dell'asta BTPei a 15 anni è IT0005138828, la cedola annua 1,25%. Per il titolo di Stato sulla scadenza medio-lunga saranno riconosciuti 164 giorni di dietimi e una provvigione dello 0,35% per il collocamento. Il Tesoro ha poi confermato che sulla base delle linee guida per la gestione del debito pubblico 2016, questo mese l’asta di CTZ non ci sarà.

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/obbligazioni-italia/un-btp-indicizzato-in-asta-il-24-febbraio-2016?cp=1

Titoli di Stato | Aste CTZ e BTPei 26 gennaio 2016

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 26 gennaio 2016 il Tesoro ha piazzato CTZ a due anni, con scadenza agosto 2017, per il massimo previsto dall'offerta pari a 1,5 miliardi di euro a un tasso ancora sotto lo zero e calato ulteriormente dal precedente collocamento: a -0,118% da -0,095%. Piazzati anche due BTPei indicizzati all'inflazione dell'area euro, per il massimo dell'offerta pari a un miliardo di euro, a un tasso dello 0,66% per il titolo in scadenza nel 2024 e dello 0,83% per il BTPei 2026.

Titoli di Stato | Aste CTZ e BTPei 26 gennaio 2016

Il 26 gennaio 2016 il Tesoro terrà le aste di titoli di Stato CTZ a due anni e BTPei a 10 e 15 anni per un ammontare compreso tra 1,5 e 2,5 miliardi di euro. Il Ministero dell’Economia e delle finanze spiega che i CTZ 24 mesi (Codice Isin IT0005126989) in scadenza il 30 agosto 2017 saranno offerti per 1-1,5 miliardi di euro mentre i BTPei, titoli indicizzati all'inflazione dell'area euro, a 10 e 15 anni saranno emessi per 0,5 massimo 1 miliardo di euro. Il BTPei 10 anni, codice Isin IT0005004426, in scadenza il 15 settemnre 2024, assicura una cedola annua del 2,35% mentre il titolo a 15 anni (Isin IT0004735152) in scadenza il 15 settembre 2026, al 3,10%.

Intanto sul secondario italiano lo spread tra BTP decennale e Bund tedesco equivalente si attesta a 103,5 punti base, in calo dai 105 punti base dell'avvio di seduta per un rendimento del titolo italiano pari all’1,51%.

Titoli di Stato | Asta CTZ 29 dicembre 2015 | Tasso sotto lo zero

Nell'asta di titoli di Stato CTZ di fine anno il Tesoro ha collocato oggi 29 dicembre 2015 1,5 miliardi di titoli a 24 mesi, contro una richiesta di oltre il doppio, pari a 3,4 miliardi. Il rendimento lordo del titolo zero coupon resta negativo, a -0,109%, in ulteriore calo, di un punto base, sull'asta CTZ a due anni del mese scorso per un tasso che tocca il suo minimo storico.

Titoli di Stato | Aste 25 novembre | Tasso negativo per i CTZ

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 25 novembre il Tesoro ha collocato 1,5 miliardi di euro in CTZ a 24 mesi con un rendimento negativo, in netto e ulteriore calo rispetto all'asta del mese precedente. L'interesse lordo sul CTZ a 2 anni è sceso a -0,095%. Ottima la domanda pari a 8 miliardi di euro.

La ragione del boom di richieste è che la BCE nella prossima riunione del direttivo del 3 dicembre probabilmente abbasserà ulteriormente i tassi sui depositi, attualmente a -0,20%, con le banche che dovranno impiegare la liquidità su altri strumenti finanziari, tipo i titoli di stato a breve termine.

Per i due BTPei, indicizzati all'inflazione dell'area euro, in asta sempre oggi i rendimenti sono scesi rispetto alle precedenti analoghe aste. Per il titolo a 15 anni con scadenza 15 settembre 2032, venduto per 391 milioni di euro, il tasso lordo di assegnazione è stato dello 0,83%, al minimo storico. Per il Btpei in scadenza il 15 settembre 2023, piazzato per 698 milioni di euro, il rendimento è stato pari a 0,08%.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ del 25 novembre 2015

Il 25 novembre 2015 il Tesoro mette in asta due BTP indicizzati all'inflazione dell'area euro per un importo massimo compreso tra 500 milioni e un miliardo di euro, e titoli di Stato CTZ a 24 mesi per 1 massimo 1,5 miliardi di euro.

Nel dettaglio saranno collocati BTPei con scadenza 15 settembre 2032 in 32esima tranche, a decorrere dal 15 marzo 2007, a un tasso di interesse reale del 2,6% annuo, pagabile ogni sei mesi (codice Isin IT0004243512) e BTpei off the run con decorrenza 15 settembre 2015 e scadenza 15 settembre 2023, in seconda tranche, a un tasso di interesse reale dell’1,25% annuo, pure pagabile semestralmente (Isin: IT0005138828).

Per quanto riguarda i CTZ, la settima tranche dei certificati del Tesoro zero coupon ha decorrenza 28 agosto 2015 e scadenza 30 agosto 2017. Il codice Isin è IT0005126989. Per i CTZ il collocamento dei titoli avviene con il meccanismo dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno del range di emissione prestabilito. Il totale del collocamento si ha eliminando le offerte non convenienti in base alle condizioni di mercato.

Titoli di Stato | Asta CTZ 27 ottobre 2015 | Tasso negativo

Nell'asta CTZ 24 mesi quinta tranche di oggi 27 ottobre per la prima volta un titolo di Stato italiano va in territorio negativo. Il CTZ con scadenza 30-08-2017 è stato collocato per 1,75 miliardi di euro a un tasso lordo di -0,023%, 14 punti base in meno rispetto all'analoga asta precedente. Nonostante tutto sono stati richiesti titoli per 3,7 miliardi di euro, per un rapporto di copertura a 2,12, in salita da 1,71% recedente.

Titoli di Stato | Asta CTZ 27 ottobre 2015

23 ottobre 2015 - Il 27 ottobre 2015 si terrà l'asta di CTZ a 24 mesi, in quinta tranche con scadenza al 30 agosto 2017. Vediamo le caratteristiche dell'emissione: la forchetta del collocamento oscillerà da un minimo di 1,5 miliardi a un massimo di 1,75 mld di euro. Il sistema utilizzato per la vendita dei CTZ biennali è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno del range di emissione predefinito. Il codice ISIN è IT0005126989, mentre importo dell'asta supplementare fissato in 262,5 milioni di euro. il Tesoro ha invece cancellato l'asta, pre prevista per il 27 ottobre, di BTPei visto che a ottobre è stato emesso via sindacato il nuovo BTP€i 2032.

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/obbligazioni-italia/mef-cancellata-l-asta-btp-i-del-27-ottobre-2015?cp=1

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/obbligazioni-italia/le-caratteristiche-del-ctz-in-asta-il-27-ottobre-2015?cp=1

Titoli di Stato | Asta CTZ 25 settembre 2015 | Tasso in calo


Nell'asta CTZ a 24 mesi di oggi 25 settembre è stata assegnata la terza tranche del titolo di Stato Zero coupon con scadenza 30 agosto 2017 per un importo pari a 2 miliardi di euro e un tasso di rendimento lordo dello 0,116%, in calo di 5 punti base sull'analoga asta precedente. La domanda stata buona, con richieste per 3,423 miliardi e un rapporto tra di copertura pari a 1,71.

Sul secondario italiano dopo le aste di oggi lo spread tra Btp e Bund tedesco scende a 113 punti base dai 114 della chiusura di ieri per un rendimento del decennale italiano all'1,75%.

Titoli di Stato | Asta CTZ 24 mesi del 25 settembre 2015

Il Tesoro ha comunicato ieri, a mercati chiusi, che il 25 settembre 2015 si terrà un'asta di CTZ a due anni, in terza tranche, con decorrenza: 28 agosto 2015 e scadenza al 30 agosto 2017 per 1,5 miliardi un massimo di 2 miliardi di euro. Il codice ISIN è IT0005126989. Il collocamento del CTZ a 24 mesi verrà effettuato con il sistema dell'asta marginale con la determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno del sopracitato intervallo di emissione.

Titoli di Stato | Asta CTZ 26 agosto 2015 | Tasso cala

Nell’asta CTZa 24 mesi di oggi 26 agosto il Tesoro ha venduto titoli di Stato per il massimo dell'offerta prevista, pari a 3 miliardi di euro, a un tasso di rendimento lordo in calo allo 0,166%, dallo 0,2014 dell'analogo collocamento del mese scorso.

Buona anche se in flessione la domanda pari a oltre 4,69 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,57 dall’1,83 dell’asta di giugno.

"A mio avviso parte del mercato è ancora sottopeso di carta italiana, sono un po' le scorie della crisi greca di luglio. Le aste di questa settimana possono essere una buona occasione per rientrare"

dice un operatore a Reuters.

Dopo l'asta CTZ, lo spread tra BTP e Bund tedeschi decennali è in rialzo a 128 punti base da 124 punti base della chiusura di ieri, a causa del rimbalzo del Bund dopo il sell-off di martedì.

Il tasso del BTP italiano sul secondario cala a 1,952% a 1,986% della chiusura di ieri, per un mercato obbligazionario italiano che tiene bene testa ai timori che aleggiano sui mercati finanziari per il rallentamento dell'economia cinese.

Titoli di Stato | Asta CTZ del 26 agosto 2015


Il 26 agosto 2015 il Tesoro metterà in asta CTZ a 24 mesi, con decorrenza 28 agosto 2015 e scandenza il 30 agosto 2017, in prima tranche, per 2,5 miliardi massimo 3 miliardi di euro.

Il codice ISIN è da attribuire e l'importo dell'asta supplementare sarà pari a 900 milioni di euro. I CTZ sono collocati con il meccanismo dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione.

L'importo del collocamento sarà determinato escludendo le offerte formulate a prezzi ritenuti sconvenienti date le condizioni di mercato.

Titoli di Stato | Asta CTZ 26 giugno | Tasso su

Nell'asta CTZ a 2 anni di oggi 26 giugno 2015 il Tesoro ha collocato 1,75 miliardi di euro di titoli di Stato con un tasso di rendimento in rialzo - ai massimi da febbraio scorso - allo 0,204% dallo 0,062% dell'analoga asta 24 mesi del 26 maggio, quando era stato toccato il minimo storico per i CTZ.

Il rapporto di copertura è stato pari a 1,83 (la domanda ha superato di 1,83 volte l'offerta).

"L'incertezza sulla Grecia rimane, ma i mercati stanno adottando un approccio costruttivo. Non c'è alcun segno di maggiore nervosismo, tantomeno di panico"

commentano gli strategist di Unicredit a Milano Finanza.

Titoli di Stato | Asta CTZ del 26 giugno

Dopodomani 26 giugno 2015 il Tesoro mette in asta titoli di Stato CTZ biennali, in nona tranche e in scadenza il 27 febbraio 2017. L'importo offerto è compreso in una forchetta che va da 1,25 a 1,75 miliardi di euro.

Il codice ISIN è IT0005089955, l'importo dell'asta supplementare è fissato in 262,5 milioni di euro. Il meccanismo di collocamento per i titoli di Stato Ctz a 24 mesi è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo d'aggiudicazione e della quantità emessa entro il range di emissione previsto.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 maggio 2015

Buoni risultati per le aste di titoli di Stato italiani di oggi 26 maggio. Il Tesoro ha collocato 2,978 miliardi di CTZ e BTPei, cioè indicizzati all'inflazione europea.

Piazzati in dettaglio 1,978 miliardi di Certificati del Tesoro zero coupon a due anni, con scadenza 27-2-2017, per circa 1,98 miliardi di euro su una forchetta massima dell'offerta che oscillava tra i 1,5 e 2 miliardi. Il tasso di rendimento è calato dallo 0,079% allo 0,062% della precedende analoga asta, per quello che è il nuovo minimo storico. Il rapporto di copertura è in lieve calo a 1,62 contro 1,64 del mese passato.

Venduti poi BTPEi con scadenza 2023 e 2026 con tassi d'interesse rispettivamente al 2,60% e del 3,10%. I Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all'inflazione europea 2026 sono stati collocati per 467 milioni di euro, quelli con scadenza 2023 per 533 milioni di euro.

Sul mercato secondario italiano dopo le aste di titoli obbligazionari pubblici del Tesoro lo spread il BTP decennale italiano e il Bund tedesco equivalente è calato a 137 punti base.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 maggio

Il dipartimento del Tesoro del ministero dell'Economia comunica che nalle aste del 26 maggio 2015 offrirà titoli di Stato sulla scadenza medio-lunga per 1,5 massimo 3 miliardi di euro.

In dettaglio saranno offerti CTZ 27-02-2017, in settima tranche, da 500 milioni a un miliardo massimo (codice Isin: IT0005089955). Poi poi la trentesima tranche del BTPei 15-09-2023, con tasso di interesse reale annuo del 2,6% pagabile ogni 6 mesi (codice Isin IT0004243512) e la ventiquattresima tranche del BTPei 15-09-2026, con tasso di interesse reale pari al 3,1% annuo, sempe pagabile semestralmente (codice Isin: IT0004735152).

Il regolamento è previsto in data 28 maggio. I BTp indicizzati all'inflazione europea vengono offerti con 74 giorni di dietimi di interesse. La provvigione per il collocamento è dello 0,15% per il Certificato del Tesoro zero coupon 2017, dello 0,30% per il BTPei 2023 e dello 0,35% per il BTPei2026.

Titoli di Stato | Risultati aste BTPei e CTZ 27 aprile 2015

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 27 aprile 2015 il Tesoro ha venduto in 30esima tranche BTPei a 10 anni settembre 2021, obbligazioni indicizzate all’inflazione dell’area euro, per 311,2 milioni di euro con un rapporto di copertura di 3,66, in salita dall’1,76 della precedente analoga asta di settembre 2013. Il prezzo di aggiudicazione è stato pari a 114,47, per un rendimento lordo negativo pari allo 0,16%. Il titolo assicura una cedola reale del 2,1% annuo.

Collocati anche BTPei 15 settembre 2024, per 438,8 milioni di euro con un rapporto di copertura di 2,9, dall’1,67 della precedente asta e analoga asta di marzo scorso . Il prezzo di aggiudicazione è stato pari a 119,76, per un rendimento lordo dello 0,22%. Il titolo di Stato decennale offerto in dodicesima tranche garantisce una cedola reale del 2,35%. Per i due BTP è stato venduto il massimo dell’offerta prevista apri a 750 milioni

Il Tesoro ha collocato sempre oggi anche tutti e 2 i miliardi di euro di CTZ a 24 mesi previsti, con il tasso d’interesse lordo che è sceso al nuovo minimo storico dello 0,079%, dallo 0,162% di marzo. Anche qui buoni risultati per la domanda che ha superato di 2,03 volte l’offerta, per un rapporto di copertura in crescita rispetto all’1,64 dell’asta CTZ a 2 anni del mese scorso.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ del 27 aprile 2015

24 aprile 2015. Il 27 aprile 2015 il Tesoro mette in asta due titoli di Stato BTP indicizzati all’inflazione europea, per 500 massimo 750 milioni di euro. I BTPei settembre 2021, offerti in 30esima tranche con decorrenza 15 marzo 2010 e scadenza il 15 settembre 2021 hanno un tasso di interesse reale del 2,1% annuo, con cedola pagabile semestralmente. IL codice ISIN è IT0004604671.

Il secondo BTPei, 15 settembre 2024, con decorrenza 15 marzo 2014, in dodicesima tranche, presenta un tasso di interesse reale del 2,35% annuo, anche qui pagabile ogni sei mesi, con codice ISIN IT0005004426. Il regolamento dei titoli è fissato al 29 aprile.

Inoltre sempre lunedì 27 aprile saranno offerti titoli di Stato CTZ a 2 anni, in quinta tranche, con decorrenza il 26 febbraio 2014 e termine il 27 febbraio 2017, per 1,5 massimo 2 miliardi di euro. Il codice ISIN è IT0005089955.

Titoli di Stato | Risultati aste BTP e CTZ 26 marzo | tassi ai minimi

Nelle aste di oggi 26 marzo 2015, il Tesoro ha collocato BTP indicizzati all'inflazione dell'area euro a 10 e 15 anni per il massimo dell'importo offerto pari a 1,5 miliardi per ciascuno dei due titoli di Stato.

Il tasso sul BTPei 2024 è sceso a zero e quello sulla scadenza 2016 allo 0,13%, buona comunque la domanda risultata pari rispettivamente a 1,67 e 2,61 volte l'offerta.

Sempre stamattina sono stati collocati anche 2 miliardi di euro di Ctz a 24 mesi, il massimo dell'offerta prevista, con il tasso di rendimento calato nuovo minimo storico dello 0,162%.

Sul mercato secondario lo spread Btp-Bund decennali è in lieve rialzo, a 112 punti, dai 109 ieri sera, per un rendimento del titolo decennale italiano salito all'1,34%.

Titoli di Stato | Aste BTP e CTZ 26 marzo 2015

26 marzo 2015. Il Tesoro domani 26 marzo avvia le aste di fine mese con l'emissione di BTPei a 10 e 15 anni, titoli di Stato indicizzati all'inflazione europea, e di CTZ in scadenza nel 2017 per un'offerta massima di 5 miliardi di euro.

Nel dettaglio saranno offerti CTZ tra 1,5 e 2 miliardi, BTP decennali tra 1 e 1,5 miliardi e BTP a 15 anni per lo stesso importo. Il BTP indicizzato all'inflazione dell'eurozona con scadenza 15 settembre 2024 viene offerto in decima tranche con un tasso di interesse reale, pagabile ogni sei mesi, del 2,35% annuo. Il codice ISIN è IT0005004426.

Il BTP indicizzato all'inflazione di Eurolandia in scadenza il 15 settembre 2026, in 22esima tranche, ha un tasso di interesse del 3,1% annuo, anche qui pagabile semestralmentem e ISIN: IT0004735152. Per entrambi i BTP la data di regolamento delle sottoscrizioni è fissata al 30 marzo. Infine verrà collocato il CTZ febbraio 2014, terza tranche, con scadenza 27 febbraio 2017, e Codice ISIN: IT0005089955.

Titoli di Stato | Risultati aste CTZ e BTPei 24 febbraio 2015: tassi giù

Il Tesoro italiano ha piazzato nelle aste di bond pubblici di stamattina 24 febbraio il massimo dell'offerta prevista, pari a 4 miliardi, per i CTZ a due anni e i BTPei a 15 anni. I primi, certificati zero-coupon, hanno fatto segnare un tasso ai nuovi minimi dall'introduzione dell'euro con vendite per complessivi 3 miliardi. Il rendimento si è attestato allo 0,219%, in calo rispetto dallo 0,281% dell'asta precedente. Buoni risultati anche per la domanda, pari a 1,5 volte l'offerta.

Venduto anche un miliardo di titoli di Stato indicizzati all'inflazione dell'eurozona, in scadenza a settembre 2026, con un rendimento in netto calo, allo 0,62% rispetto all'1,68% di ottobre e per una domanda pari a 1,8 volte l'offerta.

"Il costo di finanziamento molto basso riflette la discesa dei rendimenti a breve a pochi giorni dal lancio del Quantitativa easing. Anche la copertura è stata buona"

ha detto all'agenzia MF-DowJones uno strategist. Le aste dei periferici dell'eurozona sono favorite anche da una minore avversione al rischio per gli sviluppi positivi della situazione in Grecia, con Atene che oggi ha inviato la sua lista di riforme a Bruxelles, piano giudicato in prima battuta abbastanza esaustivo anche se necessita di aggiustamenti e ulteriori specifiche entro poche settimane.


Titoli di Stato | Aste CTZ e BTP€i 24 febbraio 2015

23 febbraio 2015. Il Tesoro mette in asta CTZ a due anni e BTP a 15 anni indicizzati all'inflazione dell'area euro domani 24 febbraio 2015.

Nel dettaglio si collocherà un CTZ a 24 mesi, in nona tranche, con scadenza il 27 febbraio 2017 per un minimo di 2,5 miliardi e un massimo di 3 miliardi di euro. Il codice ISIN è da attribuire.

L'emissione verrà effettuata con il sistema dell'asta marginale che prevede la determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità collocata entro l'intervallo di emissione stabilito.

Sempre il 24 febbraio si terrà l’asta di BTP indicizzati all’inflazione europea a 15 anni per un massimo di un miliardo di euro (da 0,5 a 1,0 mld). Il codice Isin IT0004735152, la scadenza il s 15 settembre del 2026, per una cedola annuale del 3,10%.

Titoli di Stato | Aste CTZ e BTPei di oggi 27 gennaio 2015

Il Tesoro ha piazzato nelle aste di titoli di Stato di oggi 27 gennaio 2015 CTZ biennali per 2 miliardi di euro, il massimo della forchetta prevista dall'offerta, che oscillava tra 1,5 e appunto 2 miliardi.

Il tasso è in calo rispetto all'analoga e precedente asta, scendendo dallo 0,489% allo 0,281%, il nuovo minimo storico dall'introduzione dell'euro, per un rapporto di copertura in salita, la domanda ha superato infatti di 1,59 l'offerta da 1,46 dell'asta CTZ a 2 anni dello scorso mese.

Nella altre aste in programma per oggi, il Tesoro ha collocato BTPei con scadenza settembre 2018 per 692 milioni a un tasso dello 0,2% e BTPei con scadenza settembre 2041 per 308 milioni di euro a un tasso all'1,16%.

Le aste di oggi erano un giro di boa molto importante visto che l'emissione cadeva a ridosso della vittoria alle politiche in Grecia del partito anti austerità Syriza e una dopo l'annuncio dell'avvio, a marzo, del piano di Quantitative Easing della Bce.

"Il Tesoro è riuscito a strappare ottimi rendimenti con una buona domanda. Le richieste per i titoli di Stato italiani sono state buone nonostante i rendimenti siano schiacciati verso il basso. (...) potremmo assistere a performance simili anche domani con i Bot e giovedì con i Btp in scia al lancio del QE da parte della Bce. I governi sono infatti incentivati ad emettere titoli per finanziarsi visti i rendimenti molto bassi"

ha detto all'agenzia MF-Dowjones uno strategist.

Titoli di Stato | Asta CTZ 29 dicembre 2014 | Tasso in calo


AGGIORNAMENTO 12:30. Nell'asta CTZ con scadenza 2016 di questa mattina il Tesoro ha piazzato tutti i 2,5 miliardi di titoli di Stato con un tasso in calo allo 0,489% dallo 0,692% fatto segnare nell'analoga asta di ottobre.

La richiesta da parte dei risparmiatori è stata di oltre 3,65 miliardi, per rapporto di copertura pari a 1,46, in calo da 1,71 dell’asta di ottobre.

Titoli di Stato | Asta CTZ 29 dicembre 2014, offerta fino a 2,5 mld

Il Tesoro emette nell'asta di oggi 29 dicembre 2014 CTZ con scadenza 30 agosto 2016 per un ammontare complessivo tra 2 e 2,5 miliardi di euro, in settima tranche e codice ISIN: IT0005044976.

Il meccanismo di collocamento dei titoli di Stato in collocamento oggi è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa.

L’ammontare del collocamento viene stabilito escludendo le offerte formulate a prezzi non convenienti per il mercato. L'importo dell'asta supplementare è stato fissato in 375 milioni di euro.

Sul mercato obbligazionario italiano, per via della tensioni legate alla situazione politica greca (lo stallo per l'elezione del presidente della Repubblica), stamattina lo spread tra il Btp e il Bund tedesco a 10 anni è salito a 139 punti base dai 135 punti della chiusura del 23 dicembre, per un rendimento del nostro titolo decennale che sale all'1,97% da 1,94% precedente.

La terza votazione presidenziale in Grecia:

"potrebbe creare un po' di volatilità in vista delle aste e mettere pressione sui tassi"

spiega a Milano Finanza Luca Cazzulani, fixed-income strategist di banca Unicredit.

Titoli di Stato | Aste 28 ottobre 2014, schizza tasso dei CTZ

Aggiornamento 28 ottobre 2014 ore 13:00. Il Tesoro ha collocato nell'asta di oggi 2,5 miliardi di euro di CTZ quinta tranche con scadenza agosto 2016, il massimo dell'offerta, per un rendimento in salita - come era nelle attese - portandosi allo 0,692% dallo 0,385% dell'analoga asta del mese scorso, tasso che sale ai massimi da fine maggio. La domanda è risultata tonica con 4,281 miliardi di euro richiesti contro il massimo di 2,5 miliardi previsti dall'offerta.

In generale possiamo dire che l'asta è andata bene. Il recente "sell-off" sul due anni ha reso questa parte della curva
più attraente

ha spiegato a Reuters Alessandro Giansanti, strategist di Ing.

Nell'altra asta di oggi quella di BTP indicizzati all'inflazione dell'eurozona il Tesoro ha piazzato un miliardo di titoli: l'ottava tranche del BTpei con scadenza 15/09/2024 per 578,6 milioni a un tasso lordo dell'1,43% (dall'1,16% dell'asta di settembre) con una domanda pari a 1,219 miliardi, e la 18esima tranche del BTpei in scadenza 15/09/2026 per 421,4 milioni, con rendimento all'1,68% e per una domanda pari a 1,053 miliardi. La data d regolamento è fissata al 31 ottobre.



Titoli di Stato | Aste CTZ E BTP di oggi 28 ottobre 2014

28 ottobre 2014. Al via il trittico di aste di fine mese: oggi 28 ottobre 2014 il Tesoro prova a collocare CTZ a 24 mesi per per un massimo di 2,5 miliardi di euro e di Btp a 10 e 15 anni indicizzati all'inflazione europea per complessivi 2 miliardi di euro al massimo (range 0,5-1 mld per titolo). Domani invece si terrà l'asta Bot a 6 mesi e giovedì di quella Btp a 5 e 10 anni e CcTEu.

Intanto sul mercato secondario lo spread tra bund tedeschi ed equivalenti Btp decennali viaggia in area 169 punti, praticamente invariato rispetto alla chiusura di ieri,
Il tasso del titolo di Stato italiano sale al 2,564% da 2,555% della chiusura di ieri.

Titoli di Stato | Esito aste di oggi 25 settembre, sale tasso CTZ


Aggiornamento 25 settembre ore 12.35. Il collocamento dei BTPEI, titoli indicizzati all'inflazione dell'Eurozona, come per quello dei CTZ è risultato in sostanza in linea con le previsioni, per un totale di 1,47 miliardi, poco sotto l'obiettivo massimo di 1,5 miliardi. Nel dettaglio sono stati venduti 497 milioni di BTPEI trentennali, settembre 2041, per un tasso di rendimento medio del 2,12% e 966 milioni di BTPEI decennali per un rendimento medio all'1,16%, in calo dall'1,62% di fine giugno. La domanda per i BTPEI è stata pari a 1,81 volte l'importo assegnato per il titolo a 10 anni e a 2,81 volte l'importo assegnato per il titolo a 30 anni.

Aggiornamento 25 settembre ore 12.15. Nell'asta CTZ biennale di stamattina il rendimento del titolo a 24 mesi è risalito allo 0,385% dallo 0,326% precedente. Sono stati collocati tutti i 2,75 miliardi di euro di CTZ previsti dall'offerta per una domanda di quasi 4,7 miliardi, pari a 1,73 volte l'offerta.

Il Tesoro parte oggi 25 settembre con le aste di titoli di Stato di fine mese. Stamattina si terrà l'asta di CTZ a 24 mesi per un massimo di 2,75 miliardi di euro e di BTPEI a 10 e 30 anni (titoli indicizzati all'inflazione europea) per complessivi 1,5 miliardi.

Per il titolo biennale è difficile che i tassi di rendimento scendano al nuovo minimo storico visto che ieri in chiusura il rendimento del CTZ era salito allo 0,472% dal minimo storico dello 0,326% dell'asta di fine agosto. Inoltre il Mef a mercati chiusi ha fatto sapere che nell'asta a medio-lungo termine di lunedì 29 settembre ci saranno sul piatto dai 7 agli 8,5 miliardi di CCTeu e BTP a 5 e 10 anni, mentre domani ci sarà l'asta BOT a sei mesi.

Sul secondario italiano lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti apre oggi stabile rispetto alla chiusura di ieri, a 136 punti base, per un rendimento del Btp al 2,37%.

Titoli di Stato | Asta CTZ 24 mesi di oggi 26 agosto 2014, tasso in calo

Aggiornamento 26 agosto 2014, ore 11.45. Il Tesoro nell'asta odierna ha collocato CTZ biennali per il massimo dell'offerta prevista e cioè per 3 miliardi di euro. Il rendimento è calato allo 0,326% dallo 0,428% dell'asta precedente, nuovo minimo storico. Buona la domanda che ha superato di 1,43 volte l'offerta.

Il Tesoro apre la settimana dell'emissione dei Titoli di Stato italiani oggi 26 agosto provando a collocare CTZ a 24 mesi per una somma compresa tra 2,5 e 3 miliardi di euro, nel giorno in cui lo spread Btp-Bund decennali fa segnare sul secondario il suo minimo record.

La scadenza del Ctz a due anni è fissata al 30 agosto 2016, il sistema di collocamento usato sarà quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno della forchetta prevista, escludendo le offerte pervenute con prezzi ritenuti non convenienti in base alla condizioni di mercato.

Titoli di Stato | Asta CTZ di oggi 28 luglio, tasso al minimo storico

Il Tesoro inaugura oggi 28 luglio la tornata di aste di titoli di Stato di fine mese piazzando tutti i 2,25 miliardi di euro di Ctz a 2 anni previsti dall'offerta (a fronte di una forchetta tra 1,75 e 2,25 mld) con un tasso di rendimento medio dello 0,428%, ancora in calo rispetto allo 0,591% dell'asta Ctz del mese scorso e di cui potete leggere più in dettaglio sotto.

Si tratta del nuovo tasso minimo di assegnazione dall'introduzione dell'euro. Il collocamento del Ctz con scadenza aprile 2016 ha fatto segnare un buon aumento della domanda, 2 volte superiore all'importo offerto, contro le 1,57 volte dell'asta di giugno.

Sul mercato secondario italiano lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni aveva aperto stamane a 155 punti contro i 157 della chiusura di venerdì scorso, rimanendo stabile dopo l'asta odierna, per un tasso de decennale del Tesoro al 2,7%.

Titoli di Stato | Asta CTZ di oggi 25 giugno, tasso al minimo storico

Il Tesoro nell'asta Ctz di oggi 25 giugno ha piazzato tutti i 2,5 miliardi di euro previsti dall'offerta, per un rendimento medio dello 0,591%, in netto calo dallo 0,786% dell'asta Ctz del mese scorso per quello che è il nuovo tasso minimo di assegnazione dall'introduzione dell'euro.

L'asta di Ctz con scadenza 2 anni, aprile 2016, ha fatto segnare un aumento della domanda, pari a 1,57 volte l'importo offerto contro 1,51 precedente.

Sempre stamattina c'è stata l'asta di Btpei con scadenza 2024. Anche qui sono stati venduti tutti i titoli di Stato previsti dall'offerta per un tasso medio dell'1,62% e una domanda pari a 2,06 volte l'offerta.

Sul mercato secondario italiano dopo le aste lo spread tra Btp e Bund decennali che aveva aperto a 157 (dai 156 della chiusura di ieri) sale (sulla piattaforma Mts) fino a 159,7 punti base per un rendimento del Btp appena sotto il 3% (2,92%).

Titoli di Stato | Aste Ctz e Btpei di oggi 27 maggio

Il Tesoro ha messo in asta oggi 27 maggio Ctz a due anni per 3 miliardi di euro, tutti venduti con un tasso medio dello 0,786%, invariato rispetto all'asta Ctz del mese scosso.

Per il Certificato di credito del Tesoro zero coupon con scadenza aprile 2016, la domanda è stata di 1,51 volte l'importo offerto in aumento da 1,47 precedente.

Sempre stamattina sono stati piazzati Btpei, i titoli di Stato indicizzati contro l'aumento indesiderato dell'inflazione, con scadenza 2018 per un miliardo di euro, il massimo dell'offerta. Il rendimento medio si è attestato allo 0,53% in netto calo dall'1,21% dell'asta precedente per un bid-to-cover ratio (rapporto di copertura) pari a 2,03.

Domani ci sarà l'asta BoT semestrali e giovedì quella di BTp di medio-lungo periodo, si attendono tassi in calo. Sul mercato secondario italiano lo spread Btp-Bund decennali viaggia sotto i 160 punti base per un tasso del Btp che rimane sotto il 3%, al 2,97%.

Titoli di Stato | Asta CTz a 2 anni di oggi 24 aprile: il tasso sale

24 aprile 2014. Il Tesoro ha piazzato stamattina 24 aprile 2014 tutti i 3,5 mld del nuovo Ctz a 2 anni con scadenza aprile 2016 a fronte di una domanda che ha surclassato l'offerta di 1,5 miliardi. Il tasso medio dei Certificati di Credito del Tesoro zero coupon a 24 mesi è salito di otto centesimi, attestandosi allo 0,786%, rispetto al minimo storico toccato all'asta precedente.

Sul secondario italiano intanto lo spread tra Btp e Bund tedesco a 10 anni viaggia sui 156,4 punti, dai 156 della chiusura di ieri, per un rendimento del titolo di Stato decennale italiano al 3,092%.

Titoli di Stato | Asta CTz 24 mesi: tasso al minimo storico


26 marzo 2014. Com'era nelle attese il rendimento dei CTz a 24 mesi ha raggiunto nell'asta di oggi un nuovo minimo storico con il Tesoro che ha venduto tutti i 2,5 miliardi di euro di titoli di Stato zero coupon a due anni, con scadenza dicembre 2015. Il tasso è in calo al nuovo minimo dello 0,707% dallo 0,822% della precedente asta di febbraio e la domanda cresce: Il rapporto di copertura sale a 2,02 da 1,72 precedente, che significa che le richieste sono pari a 2 volte l'offerta.

Dopo il buon risultato dell'asta sul mercato secondario il differenziale tra BTp e Bund tedeschi decennali cala a 179 punti base, dai 181,9 dell'apertura odierna, per un tasso del BTp al 3,35%. Lo spread tra il Bonos spagnolo e il Bund tedesco a 10 anni si attesta invece a 171 punti base, con un rendimento del titolo iberico al 3,27%.

Titoli di Stato | Asta CTz 24 mesi del 26 marzo 2014: caratteristiche


25 marzo 2014. Mercoledì 26 marzo 2014 il Tesoro mette in asta Certificati di Credito del Tesoro zero coupon (cioè senza cedola), a 2 anni, con data di regolamento fissata per l'ultimo giorno del mese. La forchetta dell'offerta è compresa tra 2 e 2,5 miliardi di euro.

I CTz 24 mesi, nona trance, in collocamento domani hanno codice ISIN IT0004978208, e scadenza il 31 dicembre del 2015.

Gli investitori interessati all'asta di CTz a 2 anni, per lotti di 1.000 euro o multipli, possono prenotare attraverso gli intermediari finanziari, banche o Poste Italiane, entro oggi.

L'altra asta di titoli di Stato pure prevista per domani, di BTp€i, è stata invece cancellata dal dipartimento del Tesoro del Mef in quanto a marzo, con un sindacato di collocamento, si è già proceduto all'emissione del nuovo BTp€i con scadenza 2024.

Titoli di Stato | Aste CTz e BTp€i del 25 febbraio 2014: tasso ai minimi per il CTz

25 febbraio. Buona la prima per il nuovo governo Renzi. Il Tesoro ha venduto stamattina tutti i 2,5 miliardi di euro di CTz a 5 anni con tassi in calo, scesi sotto l'1%, cioè al minimo storico dello 0,822%, dall'1,031% della precedente asta. La domanda è stata pari a 1,72 volte l'offerta.

Collocati con successo anche un miliardo di BTp indicizzati all'inflazione dell'eurozona, con scadenza biennale. Anche qui il massimo della forchetta offerta, con tasso in discesa all'1,20% dall'1,39% precedente.

Sul mercato secondario dopo le aste dei titoli del nostro debito pubblico lo spread BTp-Bund decennali cala a 192 punti base, con tasso sul BTp al 3,60%. Il differenziale Bonos spagnoli-Bund fa segnare 186 punti base con rendimento del decennale iberico al 3,54%.

Titoli di Stato | Aste Ctz e BTp€i 25 febbraio 2014

24 febbraio. Domani 25 febbraio 2014 inizia la settimana di aste dei nostri titoli di Stato, con il Tesoro che collocherà BTp€i (indicizzati all'inflazione dell'eurozona) a CTZ (Certificati del Tesoro Zero Coupon).

Il nuovo governo Renzi subito alla prova dei mercati dunque, dopo che ieri sera Palazzo Chigi aveva dovuto smentire il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Delrio che aveva parlato di una nuova tassazione sui Bot (da 100.000 euro in su).

Nel dettaglio domani verranno collocati Ctz a 5 anni per un ammontare massimo compreso tra 2-2,5 mld euro, settima tranche, e BTp€i a 24 mesi, indicizzati all'inflazione dell'eurozona, tredicesima tranche, per un importo tra 500 milioni e 1 miliardo di euro.

Titoli di Stato, CTz: il Tesoro fa il botto


28 maggio 2013. Titoli di Stato con il botto. Il Tesoro ha piazzato nell’asta odierna tutti i 2,5 miliardi di euro di CTz con scadenza dicembre 2014. I tassi sono in discesa al minimo storico dell'1,113% dall'1,167% della precedente asta, per un domanda di 3,393 milardi, uguale a 1,57 volte l’offerta. L’attesa ufficializzazione, domani, dell’uscita dell’Italia dalla procedura di infrazione dell’Ue per deficit eccessivo, non può che far salire la fiducia degli investitori verso i nostri titoli di Stato.

I CTz (Certificati del Tesoro zero coupon) sono titoli senza cedola con durata all’emissione di 24 mesi. Sono comunque suscettibili di riaperture che possono ridurne la durata prevista all'inizio. La remunerazione è data dallo scarto di emissione che è la differenza tra il valore nominale a cui il titolo viene rimborsato a scadenza e quanto viene pagato alla sottoscrizione. I sottoscrittori possono acquistare CTz per un importo minimo di 1000 euro e multipli. Possono partecipare alle aste dei CTz solo gli intermediari istituzionali autorizzati ai sensi del D.lgs n. 58 del 24 febbraio 1998. Il prezzo di aggiudicazione del CTz è stato oggi di 98,26.

Il Tesoro, sempre nell’asta di stamattina, ha poi collocato 987 milioni di BTP€i 5 anni, con scadenza 15 settembre 2018 a un tasso del 2,65%. Si tratta dei Buoni poliennali del Tesoro indicizzati all’inflazione dell’area Euro (per salvaguardare gli investitori dagli aumenti del livello dei prezzi) calcolata con l'Indice armonizzato dei prezzi al consumo fornito ogni mese dall’Istituto di statistica europeo, Eurostat. Peri BTP€i offerti in quinta tranche la domanda del mercato è stata di 1,82 miliardi per un’offerta massima fissata dal Tesoro in un miliardo. Il rapporto di copertura è stato quindi pari a 1,84, il rendimento lordo fermo all’1,83%, con prezzo di aggiudicazione di 99,36.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

PROSEGUI LA LETTURA

Titoli di Stato: aste BTP e CTZ del 27 giugno é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 09:35 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Quando il 730 precompilato è accettato? Thu, 22 Jun 2017 07:08:32 +0000 http://www.soldiblog.it/post/121811/730-precompilato-accettato-quando http://www.soldiblog.it/post/121811/730-precompilato-accettato-quando re.mar. re.mar.

730 precompilato

Quando il 730 precompilato è da considerare accettato? Ce lo spiega l’Agenzia delle Entrate sulla su rivista Fisco Oggi con esempio di 730 precompilato corretto che contiene spese sanitarie, spese universitarie, contributi previdenziali, bonifici per interventi di ristrutturazione edilizia e così via.

Ecco quando la dichiarazione dei redditi con 730 precompilato è accettata, nella posta della rivista telematica dell’Agenzia si legge che: "In linea generale, la dichiarazione precompilata il 730 si considera accettato quando il contribuente la trasmette senza modifiche dei dati proposti dall’Agenzia delle Entrate. Tuttavia si considera accettata anche quando vengono effettuate modifiche che non incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta".

E cioè: “l’indicazione o modifica dei dati anagrafici del contribuente (a eccezione del comune del domicilio fiscale, che potrebbe incidere sulla determinazione delle addizionali regionale e comunale all’Irpef); indicazione o modifica dei dati identificativi del soggetto che effettua il conguaglio; indicazione o modifica del codice fiscale del coniuge non fiscalmente a carico; compilazione del quadro I per la scelta dell’utilizzo in compensazione, totale o parziale, dell’eventuale credito che risulta dal modello 730; scelta di non versare o di versare in misura inferiore a quanto calcolato da chi presta assistenza fiscale gli acconti dovuti, mediante la compilazione dell’apposito rigo del quadro F; richiesta di suddivisione in rate mensili delle somme dovute a titolo di saldo e acconto nei casi consentiti dalla legge, mediante la compilazione dell’apposito rigo del quadro F (circolare 11/E del 23 marzo 2015, paragrafo 4.2)".

Il contribuente che invia il 730 precompilato senza fare modifiche non dove più conservare le ricevute e gli scontrini che attestano oneri detraibili e deducibili e non sarà soggetto a controlli documentali.

PROSEGUI LA LETTURA

Quando il 730 precompilato è accettato? é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 09:08 di Thursday 22 June 2017

]]>
0
Omicidio oncologa: l'assassino si è tolto la vita Thu, 22 Jun 2017 17:30:55 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584094/teramo-uccisa-a-coltellate-dallo-stalker-che-la-perseguitava http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584094/teramo-uccisa-a-coltellate-dallo-stalker-che-la-perseguitava Daniele P. Daniele P.

ospedale-val-vibrata.jpg

22 giugno 2017 - Enrico Di Luca, l’ex investigatore privato ricercato per l’omicidio della dottoressa Ester Pasqualoni, accoltellata a morte ieri pomeriggio davanti all’ospedale Val Vibrata di Sant'Omero, è stato trovato morto oggi pomeriggio in un appartamento di Martinsicuro.

Le autorità hanno fatto sapere che l’uomo, denunciato due volte dalla vittima, si è tolto la vita strangolandosi con una fascetta di plastica.

21 giugno 2017 - Omicidio oggi davanti all’ospedale Val Vibrata di Sant'Omero, in provincia di Teramo, dove intorno alle 16.00 di oggi la dottoressa Ester Pasqualoni, oncologa di 53 anni, è stata aggredita a coltellate da un uomo riuscito a fuggire subito dopo.

Le autorità non hanno dubbi: l’assassino, fuggito a bordo di un’automobile, stava aspettando la donna nel parcheggio dell’ospedale, la conosceva e, secondo quanto ricostruito dagli amici e conoscenti della vittima, la stava perseguitando da tempo, al punto da spingere Pasqualoni a denunciarlo per ben due volte.

Quelle denunce, lo ha riferito all’ANSA un’amica della vittima, erano state entrambe archiviate e l’uomo aveva continuano indisturbato a molestare e importunare Ester Pasqualoni.

L’assassino è ancora in libertà e la caccia all’uomo prosegue da oggi pomeriggio in tutta la provincia di Teramo.

PROSEGUI LA LETTURA

Omicidio oncologa: l'assassino si è tolto la vita é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 19:30 di Thursday 22 June 2017

]]>
0
Medico ucciso in casa: arrestato un collega Fri, 23 Jun 2017 06:38:18 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584109/omicidio-medico-rosignano-monferrato http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584109/omicidio-medico-rosignano-monferrato R.M. R.M.

casale monferrato

Per l'omicidio del medico 47enne trovato cadavere ieri nella sua abitazione di San Martino di Rosignano i carabinieri hanno fermato un collega e coetaneo della vittima. Dopo un lungo interrogatorio davanti al pm di Vercelli l'uomo sarebbe crollato ammettendo la sue responsabilità, almeno in parte.

Il medico presunto omicida che avrebbe ucciso il collega a colpi di coltello è ora accusato di omicidio volontario. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri all'origine del delitto ci sarebbero degli screzi nati tra i due professionisti sul posto di lavoro.

Contro l'arrestato gli investigatori dell'Arma avrebbero raccolto anche alcuni elementi probatori: della tracce del suo sangue trovate sul cancello della cascina nella quale vittima abitava e dove si è consumato il delitto, scrive l'Ansa. Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera ad inchiodare l'uomo sarebbero stati gli abiti trovati dai carabinieri nella sua abitazione.

L'assassino nella colluttazione avrebbe riportato alcune ferite. Le indagini dei carabinieri di Casale Monferrato continuano per appurare l'esatta dinamica dell'omicidio e l'esatto movente, si pensa a dissapori tra i due medici per questioni di lavoro ma per ora non si escludono completamente altre ipotesi.

Alessandria, medico trovato morto in casa: ipotesi omicidio

22 giugno 2017. Giallo a San Martino di Rosignano, frazione di Rosignano Monferrato, in provincia di Alessandria, dove un medico 47enne è stato trovato morto in casa. Secondo una prima ipotesi potrebbe trattarsi di omicidio.

Stamattina il medico non si era presentato all'ospedale di Casale Monferrato dove lavorava, senza avvisare, così i colleghi hanno prima provato a charme la compagna e poi sono andati a cercarlo presso la sua abitazione facendo la macabra scoperta.

Il medico sarebbe stato trovato riverso a terra in una pozza di sangue. La vittima dopo aver lavorato al 118 come anestesista era in servizio presso il Pronto soccorso dell'ospedale di Casale Monferrato. In base alle prime informazioni sul corpo senza vita dell'uomo, in particolare su un fianco, sarebbero presenti ferite d'arma da taglio.

Indagano i carabinieri della compagnia di Casale Monferrato e i colleghi del nucleo investigativo del Comando provinciale di Alessandria e del Ris. Sul posto anche il pm di turno e il medico legale.

PROSEGUI LA LETTURA

Medico ucciso in casa: arrestato un collega é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 08:38 di Friday 23 June 2017

]]>
0
L'Inter sfida il Milan per il viola Kalinic Fri, 23 Jun 2017 20:25:32 +0000 http://www.outdoorblog.it/post/486142/calciomercato-inter-sfida-al-milan-per-il-viola-kalinic http://www.outdoorblog.it/post/486142/calciomercato-inter-sfida-al-milan-per-il-viola-kalinic Mirko Nicolino Mirko Nicolino

Si prospetta un derby milanese di calciomercato tra Milan e Inter: Nikola Kalinic, centravanti croato della Fiorentina, è da tempo un obiettivo dei rossoneri, ma nelle ultime ore sono salite le quotazioni dei nerazzurri. Su mandato di Suning, il diesse Piero Ausilio ne avrebbe accennato a Ramadani, agente di Kalinic che tra l’altro cura anche gli interessi di Perisic e Jovetic, due tesserati dell’Inter che dovrebbero essere ceduti per fare cassa.

La questione relativa a Kalinic è abbastanza delineata: la Fiorentina ha intenzione di venderlo, perché sta sostanzialmente rifondando (via Gonzalo, in uscita anche Borja Valero e Bernardeschi), ma non di svenderlo. Il Milan lo vuole fortemente, su insistenze del tecnico Vincenzo Montella, ma l’offerta presentata da Mirabelli e Fassone è da giorni troppo lontana dalla domanda. Approfittando di questo stallo, l’Inter avrebbe effettuato un primo sondaggio, perché Spalletti pare abbia chiesto una prima punta di livello assoluto in grado di alternarsi con Mauro Icardi.

Qualcuno bolla l’indiscrezione come semplice azione di disturbo nei confronti dei “cugini” rossoneri, fatto sta che se passerà giugno e il Milano non avrà ancora chiuso con la Fiorentina, l’Inter che sarà finalmente libero dalle “manette” del Fair Play Finanziario si potrebbe fare ufficialmente avanti. I Della Valle no vorrebbero incassare meno di 27 milioni di euro, mentre il Milan sarebbe arrivato con bonus ad un totale di 25 milioni. Poiché l’Inter sta già trattando con i viola Borja Valero, vorrebbe approfittare di questo canale preferenziale per scavalcare i rossoneri e assicurarsi un vice-Icardi di sicuro affidamento.

calciomercato inter milan kalinic

PROSEGUI LA LETTURA

L'Inter sfida il Milan per il viola Kalinic é stato pubblicato su Outdoorblog.it alle 22:25 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Trofeo Settecolli: Pellegrini super Fri, 23 Jun 2017 20:10:09 +0000 http://www.outdoorblog.it/post/486143/nuoto-trofeo-settecolli-2017-martinenghi-da-record-pellegrini-e-quadarella-super http://www.outdoorblog.it/post/486143/nuoto-trofeo-settecolli-2017-martinenghi-da-record-pellegrini-e-quadarella-super Lucia Resta Lucia Resta

Buona partenza per gli azzurri nella prima giornata della 54esima edizione del Trofeo Sette Colli allo Stadio del Nuoto di Roma. Tanti i risultati positivi racconti oggi, alcuni davvero sorprendenti considerato che siamo in un periodo, a un mese dai Mondiali, in cui gli atleti sono carichi di lavoro e dunque non al top della forma.

Il risultato più eclatante nel clan azzurro è quello di Nicolò Martinenghi nei 100 rana. Anche se ha conquistato “solo” il secondo posto, la sua prestazione è assolutamente da lodare, perché, facendosi trascinare dal primatista mondiale Adam Peaty, che ha vinto a mani basse, l’azzurro ha migliorato il record italiano che resisteva dal 2011, quando Fabio Scozzoli nuotò in 59” 42. Oggi Martinenghi lo ha limato di undici centesimi nuotando in 59” 31, un nuovo primato nazionale che probabilmente durerà poco, perché lo stesso Nicolò dovrebbe essere in grado di batterlo ai Mondiali di Budapest.

Altri risultati esaltanti sono arrivati dalle ragazze, in particolare da Federica Pellegrini e Simona Quadarella che sono salite sul gradino più alto del podio nelle loro rispettive gare e cioè i 200 e i 1500 stile libero. La Divina ha messo in atto una delle sue incredibili rimonta ai danni della svedese Michelle Coleman, con un’ultima vasca da urlo.

Molto positiva anche la prestazione di Gabriele Detti che è arrivato secondo nella gara dei 400 stile libero tra i due olimpionici Park Tae-Hwan e Mackenzie Horton, con i quali si ritroverà a battagliare anche a Budapest.

Altri podi collezionati dagli azzurri sono: il terzo posto di Matteo Milli nei 50 dorso, il secondo posto di Martina Carraro nei 100 rana, il secondo posto di Piero Codia e il terzo di Matteo Rivolta dietro al super-campione sudafricano Chad Le Clos nei 100 farfalla.

Domani un’altra interessante giornata in cui rivedremo in acqua, tra gli altri, Federica Pellegrini che si cimenterà nei 100 stile libero.

Trofeo Settecolli 2017: risultati del 23 giugno


Risultati Trofeo Settecolli 2017 prima giornata 23 giugno

50m dorso donne
1) Holly Barratt (Australia) 27” 57
2) Etiene Medeiros (Brasile) 27” 82
3) Simona Baumrtova (Repubblica Ceca) 27” 89

50m dorso uomini
1) Richard Bonus (Ungheria) 25” 04
2) Gabor Balog (Ungheria) 25” 12
3) Matteo Milli (Italia) 25” 21

400m stile libero donne
1) Boglarka Kapas (Ungheria) 4’ 06” 05
2) Mary Sophie Harvey (Canada) 4’ 09” 78
3) Jessica Ashwood (Australia) 4’ 10” 85

400m stile libero uomini
1) Park Tae-Hwan (Corea) 3’ 44” 54
2) Gabriele Detti (Italia) 3’ 45” 88
3) Mackenzie Horton (Australia) 3’ 47” 58

100m rana donne
1) Siobhan-Marie O’Connor (Gran Bretagna) 1’ 07” 35
2) Martina Carraro (Italia) 1’ 07” 74
3) Sarah Vasey (Gran Bretagna) 1’ 07” 76

100m rana uomini
1) Adam Peaty (Gran Bretagna) 58” 72
2) Nicolò Martinenghi (Italia) 59” 31
3) Giedrius Titenis (Lituania) 59” 69

50m farfalla donne
1) Ranomi Kromowidjojo (Olanda) 25” 59
2) Holly Barratt (Australia) 25” 91
3) Maaike De Waard (Olanda) 26” 11

100 farfalla uomini
1) Chad Le Clos (Sudafrica) 51” 65
2) Piero Codia (Italia) 51” 93
3) Matteo Rivolta (Italia) 52” 30

200m stile libero donne
1) Federica Pellegrini (Italia) 1’ 56” 16
2) Michelle Coleman (Svezia) 1’ 56” 49
3) Femke Heemskerk (Olanda) 1’ 56” 51

50m stile libero uomini
1) Bruno Fratus (Brasile) 21” 86
2) Ben Proud (Gran Bretagna) 21” 95
3) Cameron McEvoy (Australia) 21” 96

1500m stile libero donne
1) Simona Quadarella (Italia) 16’ 03” 55
2) Boglarka Hunkapas (Ungheria) 16’ 16” 79
3) Kian Melverton (Australia) 16’ 23” 64

PROSEGUI LA LETTURA

Trofeo Settecolli: Pellegrini super é stato pubblicato su Outdoorblog.it alle 22:10 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Hyundai i30 Wagon: prezzi e versioni Sat, 24 Jun 2017 07:45:13 +0000 http://www.autoblog.it/post/878320/hyundai-i30-wagon-prezzi-e-versioni http://www.autoblog.it/post/878320/hyundai-i30-wagon-prezzi-e-versioni Paolo Sperati Paolo Sperati

Hyundai i30 Wagon

La Hyundai i30 Wagon debutta sul mercato italiano in quattro versioniprezzi di listino che partono da meno di 20.000 euro. Presentata al Salone di Ginevra, la station wagon della casa coreana si caratterizza per un design filante e un'ampia capacità di carico per il segmento C: oltre 600 litri di capienza in configurazione standard e 1.650 litri a sedili posteriori abbassati.  Disegnata presso il Centro Tecnico di Hyundai Motor Europe di Rüsselsheim (Germania) e prodotta a Nošovice (Repubblica Ceca), la Hyundai i30 Wagon è lunga 4.585 mm rispetto ai 4.340 mm della versione 5 porte.

Tra i sistemi di sicurezza attiva, presenta di serie la frenata autonoma d’emergenza (AEB) con riconoscimento veicoli, l’assistenza al mantenimento della corsia (LKAS), il Driver Attention Alert (DAA) e la gestione automatica degli abbaglianti (HBA). La Hyundai i30 Wagon entra in listino con tre motori benzina e due diesel: il nuovo 1.4 turbo da 140 CV si aggiunge al 1.0 turbo 3 cilindri da 120 CV e al 1.4 MPI 100 CV. Per le versioni a gasolio, il 1.6 turbodiesel è declinato in due livelli di potenza (110 e 136 CV) mentre la nuova trasmissione automatica doppia frizione a 7 rapporti (7DCT) è disponibile sulle alimentazioni 1.4 Turbo e diesel. Quattro i livelli di equipaggiamento: Classic, Comfort, Business e Style.

Hyundai i30 Wagon, offerta e listino prezzi


In occasione dell’esordio sul mercato italiano, Hyundai offre la Wagon allo stesso prezzo della 5 porte, nelle versioni Business e Style. La prima comprende il navigatore di ultima generazione con touchscreen 8" e retrocamera, la compatibilità Apple CarPlay e Android Auto e i Live Services (inclusi per 7 anni). Il prezzo della Business 1.6 CRDi è di 21.350 euro con 3.700 euro di vantaggio cliente che salgono a 23.350 euro per la versione top di gamma: quest'ultima aggiunge la ricarica wireless per smartphone, il pulsante di avviamento “start button”, il freno di stazionamento elettrico, i sensori pioggia e di parcheggio anteriori. Il listino della Hyundai i30 Wagon parte da un prezzo di 19.500 euro per la 1.4 MPI Classic (100 CV, cambio manuale).

Hyundai i30 Wagon Listino by Blogo Motori on Scribd


PROSEGUI LA LETTURA

Hyundai i30 Wagon: prezzi e versioni é stato pubblicato su Autoblog.it alle 09:45 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
iPhone Made in USA, ecco gli Stati prescelti Fri, 23 Jun 2017 09:11:49 +0000 http://www.melablog.it/post/200890/iphone-made-in-usa-ecco-gli-stati-prescelti-decisione-entro-30-giorni http://www.melablog.it/post/200890/iphone-made-in-usa-ecco-gli-stati-prescelti-decisione-entro-30-giorni Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

foxconn-iphone_production.jpg

A quanto pare Foxconn era seria: ci sarà davvero un iPhone Made in USA, e tra 30 giorni conosceremo lo Stato in cui verrà collocato il primo impianto di produzione.

Detto fatto. Foxconn si prepara a investire 10 miliardi di dollari nell'economia statunitense, 7 dei quali serviranno agli impianti per i display delle future generazioni di iPhone, e il resto per altra componentistica. Secondo Bloomberg, esisterebbe già perfino una lista di Stati papabili, selezionati in base a questioni di logistica e contenimento dei costi. Sono tutti localizzati nel midwest: Ohio, Pennsylvania, Michigan, Illinois, Wisconsin, Indiana e Texas.

"I nostri investimenti negli USA," ha spiegato il CEO di Foxconn, Terry Gou, "si focalizzerà in questi Stati perché rappresentano il cuore del settore manifatturiero del paese. Stiamo portando la nostra interna catena industriale nelle regioni manifatturiere tradizionali degli Stati Uniti. Parliamo di produzione, packaging dei semiconduttori e tecnologie Cloud."

Si vocifera -è tutto ancora da confermare- che questa mossa potrebbe creare "decine di migliaia di nuovi posti di lavoro" ma qualcosa non torna. Fino al momento dell'insediamento di Trump, infatti, Foxconn aveva annunciato importanti investimenti nel campo dell'automazione: oltre 40.000 robot sono già stati implementati nelle linee di produzione attuali, e molti altri verranno arriveranno nei prossimi anni. L'obiettivo finale è di arrivare a impianti completamente automatizzati, e le stesse location a stelle e strisce vengono descritte come "ad alto livello di automazione."

Dal canto suo, è noto che Apple abbia avviato da tempo un tavolo di trattative coi produttori partner per sondare la possibilità di portare negli USA la produzione di iPhone, ma Tim Cook stesso ha bollato l'idea come poco pratica. E non parliamo solo di contenimento dei costi: è stato stimato infatti che un iPhone interamente prodotto negli USA aggiungerebbe 30-40$ sul prezzo del prodotto finito; nulla di sconvolgente. Il vero problema è a monte: ci sono le figure professionali, la flessibilità e la velocità che caratterizza il mercato asiatico? È la risposta a questa domanda che farà la differenza tra ciarle politiche e cambiamenti concreti.

PROSEGUI LA LETTURA

iPhone Made in USA, ecco gli Stati prescelti é stato pubblicato su Melablog.it alle 11:11 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Blade Runner 2049: Ridley Scott conferma su Deckard... Sat, 24 Jun 2017 08:59:36 +0000 http://www.cineblog.it/post/754429/blade-runner-2049-ridley-scott-conferma-che-il-sequel-rivelera-se-deckard-e-un-replicante http://www.cineblog.it/post/754429/blade-runner-2049-ridley-scott-conferma-che-il-sequel-rivelera-se-deckard-e-un-replicante Pietro Ferraro Pietro Ferraro

blade-runner-2049-ridley-scott-conferma-che-il-sequel-rivelera-se-deckard-e-un-replicante.jpg

Ci sono pochissimi film nella storia della fantascienza che sono così iconici e influenti come il capolavoro Blade Runner del regista Ridley Scott, uscito nel lontano 1982 e basato sul romanzo "Il cacciatore di androidi" di Philip K. Dick. Ora 35 anni dopo è in arrivo un sequel dal titolo Blade Runner 2049. Una delle domande che i fan si sono posti per anni sul film originale, e che è ancora in attesa di una risposta, è se Rick Deckard sia un essere umano o un replicante. Secondo Ridley Scott, la questione sarà definitivamente risolta in Blade Runner 2.

Ridley Scott a bordo di Blade Runner 2 in veste di produttore ha recentemente parlato dell'atteso sequel con il sito IGN. Quando gli è stato chiesto "Deckard è un replicante?", il regista ha dato la sua risposta al dilemma e ha rivelato che il regista Denis Villeneuve affronterà la questione in Blade Runner 2049.

E' sempre stata la mia teoria e c'erano una o due persone che ne avevano di pertinenti...non mi ricordo se Hampton [Fancher, co-sceneggiatore del film originale] fosse d'accordo con me o no, ma ricordo che qualcuno mi disse: "Beh non sarà troppo scontato?" e io ho risposto: "Ascolta sarò io a decidere. Sono il regista okay? Sai All'epoca avevo 44 anni quindi non ero un ca**o di pollo. Ero un regista molto esperto di spot pubblicitari e avevo fatto I Duellanti e Alien. Perciò ero in grado di farmi valere e dire: "Sapete che c'è, statene fuori, sarà il tempo a giudicare". Harrison non ha mai preso una posizione, in realtà non ricordo con esattezza. Penso che Harrison pensasse tipo: "Mah, non ne ho idea". Gli ho detto: "Ma lo devi essere perché Gaff, che lascia origami ovunque, ti ha lasciato un piccolo pezzo di origami alla fine del film a dire: "Sono stato qui, l'ho lasciata viva e non riesco a resistere dal farti sapere che la cosa che si cela nei tuoi pensieri più reconditi quando sei ubriaco è un fottuto unicorno! Giusto? Adoro Beavis e Butthead, quindi quello che dovrebbe seguire è un "Duh". Così ora verrà rivelato nel sequel in un modo o nell'altro.

Così Ridley Scott rimane fedele alla sua idea che Deckard sia in realtà un replicante. Dal momento che ha diretto Blade Runner, si potrebbe pensare che sia la parola definitiva in materia, ma non è così poiché Harrison Ford ha parlato dell'effettiva identità del suo personaggio in Blade Runner in passato e l'attore crede invece che Rick Deckard sia un essere umano. Considerando la sua età attuale, potrebbe avere più senso se fosse un uomo in Blade Runner 2049. L'altra cosa importante da considerare è che, per quanto riguarda ciò che Blade Runner ci ha rivelato, i replicanti sono stati costruiti per durare solo quattro anni. Quindi se Deckard è un replicante, come è possibile sia ancora "vivo" nel sequel? A questo proposito ricordiamo che nel finale originale del film la voce fuori campo racconta che Gaff aveva concesso a Deckard di fuggire con la sua amata e che questa era "speciale" poiché non aveva una data di termine come gli altri replicanti (questo finale è stato eliminato nell'edizione "Director's Cut").

Blade Runner 2049 arriva nei cinema il 6 ottobre 2017.

 

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Blade Runner 2049: Ridley Scott conferma su Deckard... é stato pubblicato su Cineblog.it alle 10:59 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Pitch Perfect 3: trama ufficiale e primo poster Sat, 24 Jun 2017 07:40:44 +0000 http://www.cineblog.it/post/732031/pitch-perfect-3-trama-ufficiale-e-primo-poster-last-call-pitches http://www.cineblog.it/post/732031/pitch-perfect-3-trama-ufficiale-e-primo-poster-last-call-pitches Federico Boni Federico Boni

pitch-perfect-3-primo-poster-ufficiale-last-call-pitches-2.jpg

 

Aggiornamento di Pietro Ferraro

 

A pochi giorni dalla conclusione delle riprese di Pitch Perfect 3, Universal Pictures ha presentato un primo poster ufficiale del film che rivela la tagline "Last Call Pitches".

 

Ora finito il college e fuori nel mondo reale, dove ci vuole più di un canto a cappella per riuscire, Le Bellas tornano in Pitch Perfect 3, il prossimo capitolo dell'amato franchise che ha incassato oltre 400 milioni di dollari al box-office globale. Dopo l'ebrezza della vittoria ai Campionati del Mondo, le Bellas si trovano separate a scoprire che non ci sono prospettive di lavoro per chi fa musica con la bocca. Ma quando hanno la possibilità di riunirsi per un tour dedicato ai soldati all'estero, questo gruppo di impressionanti nerd si riunirà per fare un po' di musica e prendere alcune decisioni discutibili, un'ultima volta.

 

Anna Kendrick, Rebel Wilson, Hailee Steinfeld, Brittany Snow, Anna Camp, Hana Mae Lee, Ester Dean, Alexis Knapp, Chrissie Fit, Kelley Jakle, Shelley Regner, Elizabeth Banks e John Michael Higgins tornano tutti per il sequel insieme alla new entry Ruby Rose. Pitch Perfect 3 è ancora prodotto da Paul Brooks di Gold Circle Entertainment e Max Handelman e Elizabeth Banks di Brownstone Productions ed è diretto da Trish Sie (Step Up All In). Elizabeth Banks doveva originariamente dirigere Pitch Perfect 3, dopo aver debuttato alla regia con Pitch Perfect 2, ma ha passato la mano mantenendo il ruolo di attrice e produttrice.

Il primo Pitch Perfect è stato un successo a sorpresa del 2012 incassando 65 milioni di dollari a livello nazionale e 115,3 milioni di dollari in tutto il mondo, da un budget di 17 milioni di dollari. Anche la colonna sonora è stata un successo enorme, diventando la colonna sonora più venduta del 2013 con 1,2 milioni di copie con tre singoli, tra cui "Cups" piazzati nella "Billboard Hot 100". Questo successo ha generato Pitch Perfect 2, che ha visto il ritorno del cast principale e ha introdotto nuovi personaggi come Emily di Hailee Steinfeld e Katherine di Katey Sagal. Il sequel è stato un successo ancora maggiore, incassando 184,2 milioni a livello nazionale e 287,5 milioni in tutto il mondo, da un budget di 29 milioni di dollari.

Pitch Perfect 3 è previsto in uscita nei cinema americani il 22 dicembre 2017.

 

pitch-perfect-3-primo-poster-ufficiale-last-call-pitches.jpg

 

 

Pitch Perfect 3: nuovo teaser trailer "Wrap Party"


 

Aggiornamento di Pietro Ferraro

 

Disponibile un nuovo teaser trailer dal titolo "Wrap Party" per il sequel Pitch Perfect 3 che raccoglie alcune immagini provenienti dal set del film che ha concluso le riprese per un'uscita nei cinema americani fissata al 22 dicembre 2017.

Nel video un montaggio di alcuni divertenti "dietro le quinte" delle riprese con la regista Trish Sie (Ste Up All In) e il cast che vede il ritorno di Rebel Wilson, Anna Kendrick, Brittany Snow, Anna Camp, Hailee Steinfeld, Alexis Knapp, Ester Dean, Hana Mae Lee, Chrissie Fit, Kelley Jakle e Shelley Regner. Il cast è completato da Elizabeth Banks e John Michael Higgins che tornano nei panni di Gail e John a cui si aggiungono le new entry John Lithgow, Matt Lanter, DJ Khaled e la Ruby Rose della serie tv Orange is the New Black.

 

 

Pitch Perfect 3: primo video dal set


 

Aggiornamento di Pietro Ferraro

 

Le Barden Bellas sono tornate in grande stile con riprese in corso per Pitch Perfect 3. Universal Pictures ha condiviso un primo video dal set di questo nuovo sequel che ci porta dietro le quinte del film, con il cast che ha cominciato le prove di uno dei loro numeri musicali per questo terzo capitolo diretto da Trish Sie (Ste Up All In).

Pitch Perfect 3 è uno dei pochi film ad uscire con Star Wars: Episodio VIII il prossimo dicembre e anche se non c'è modo che le Bellas battano la prima avventura di Rey e Luke Skywalker insieme, si presenteranno come una valida alternativa al box-office.

Per quanto riguarda il cast tornano Rebel Wilson, Anna Kendrick e Brittany Snow. Stranamente, Alexis Knapp, che interpreta Stacie Conrad, è assente da questo video, ma il personaggio risulta ancora parte del sequel in arrivo nei cinema il 22 dicembre 2017.

 

Fonte: Movieweb

 

Pitch Perfect 3, via alle riprese


pitchbar640.jpg

Due anni dopo l'inatteso boom del 2° capitolo, riuscito ad incassare 287,506,194 dollari in tutto il mondo dopo esserne costati meno di 30, in casa Universal hanno dato il via alle riprese di Pitch Perfect 3, quest'oggi trainato dalla prima foto di 'gruppo' pubblicata su Instagram da Anna Kendrick.

Le Bellas sono tornate, potremmo dire, per un'immagine che ci mostra Ester Dean, Rebel Wilson, Kelley Jakle, Hana Mae Lee, Chrissie Fit, Brittany Snow, Anna Camp, Shelley Regner e la stessa Kendrick. Tra le novità del capitolo 3 Ruby Rose, con Trish Sie , regista di Step Up: All In, dietro la macchina da presa dopo l'abbandono di Elizabeth Banks, comunque produttrice. Kay Cannon, che ha sceneggiato i primi due capitoli, è tornata anche per questo terzo episodio, la cui trama è avvolta nel mistero.

Il 22 dicembre prossimo lo sbarco in sala, per una release natalizia assolutamente inedita per il franchise.

pitchperfect3.jpg

Fonte: Comingsoon.net

PROSEGUI LA LETTURA

Pitch Perfect 3: trama ufficiale e primo poster é stato pubblicato su Cineblog.it alle 09:40 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Rachel: trailer italiano e nuovo poster Sat, 24 Jun 2017 06:49:46 +0000 http://www.cineblog.it/post/742226/rachel-trailer-italiano-e-nuovo-poster-del-film-con-rachel-weisz http://www.cineblog.it/post/742226/rachel-trailer-italiano-e-nuovo-poster-del-film-con-rachel-weisz Pietro Ferraro Pietro Ferraro

 

2oth Century Fox ha reso disponibile un primo trailer italiano di Rachel (My Cousin Rachel), il dramma romantico a tinte thriller in arrivo nei cinema italiani il 5 ottobre 2017.

Il film è diretto da Roger Michell (Le Week-End), basato sul romanzo originale "Mia cugina Rachele" di Daphne du Maurier e interpretato da Rachel Weisz e Sam Claflin.

 

RACHEL è una storia d’amore misteriosa e con differenti livelli di lettura, in cui un giovane inglese (Sam Claflin) mette in atto una strategia di vendetta contro la sua enigmatica e bellissima cugina (Rachel Weisz), credendola responsabile della morte di suo cugino Ambrose, con cui è cresciuto. Tuttavia, dopo aver conosciuto la donna, i suoi sentimenti iniziano a cambiare e finisce per soccombere al suo fascino fino ad esserne ossessionato...

 

Il cast è completato da Holliday Grainger, Iain Glen, Andrew Knott, Poppy Lee Friar, Andrew Havill, Vicki Pepperdine, Louis Suc, Attila G. Kerekes, Katherine Pearce, Stuart Davidson, Harrie Hayes, Chris Gallarus, Austin Taylor , Tristram Davies, Bobby Scott Freeman, Holly Sohail e Don Whistance.

Questo film segna il terzo adattamento del romanzo originale "Mia cugina Rachele" di Daphne du Maurier, con il primo adattamento che ha debuttato sul grande schermo nel 1952, interpretato da Olivia de Havilland come Rachel Ashley e Richard Burton come Philip Ashley. Il romanzo è stato poi adattato in una miniserie tv del 1983 interpretata da Geraldine Chaplin e Christopher Guard.

A seguire trovate anche una nuova locandina ufficiale del film.

 

rachel-trailer-italiano-e-nuovo-poster-del-film-con-rachel-weisz.jpg

 

 

My Cousin Rachel: trailer e poster del thriller con Rachel Weisz


 

Fox Searchlight Pictures ha reso disponibili un primo trailer e un poster per il thriller My Cousin Rachel, che vede protagonisti Rachel Weisz nel ruolo della protagonista e Sam Claflin nei panni di Philip Ashley. Questo film segna il terzo adattamento del romanzo originale "Mia cugina Rachele" di Daphne du Maurier, con il primo adattamento che ha debuttato sul grande schermo nel 1952, interpretato da Olivia de Havilland come Rachel Ashley e Richard Burton come Philip Ashley. Il romanzo è stato poi adattato in una miniserie tv del 1983 interpretata da Geraldine Chaplin e Christopher Guard.

My Cousin Rachel è una storia d'amore cupa che racconta di un giovane inglese che medita vendetta contro la sua bella e misteriosa cugina, ritenendola responsabile dell'omicidio del suo tutore. Ma i suoi sentimenti si fanno complicati quando si ritrova preda del seducente fascino della donna. Il romanzo originale è stato pubblicato nel 1951 generando anche un paio di altri adattamenti, uno radiofonico andato in onda su BBC Radio 4 nel 2011, interpretato da Damian Lewis e Lia Williams e uno teatrale in scena nella primavera del 2012 al Gate Theatre di Dublino, diretto da Joseph O'Connor e con protagonista Hannah Yelland nei panni di Rachel.

Il cast di supporto di questo nuovo adattamento prodotto da Fox Searchlight include Holliday Grainger, Iain Glen, Andrew Knott, Poppy Lee Friar, Andrew Havill, Vicki Pepperdine, Louis Suc, Attila G. Kerekes, Katherine Pearce, Stuart Davidson, Harrie Hayes, Chris Gallarus, Austin Taylor , Tristram Davies, Bobby Scott Freeman, Holly Sohail e Don Whistance.

Roger Michell dirige questo adattamento da una sua sceneggiatura. Michell torna dietro la macchina da presa a quattro anni da Le Week-End, anche se nel frattempo si è tenuto occupato sul piccolo schermo dirigendo la miniserie in due parti The Lost Honour of Christopher Jefferies nel 2014 e il film tv Birthday del 2015 basato su un'opera teatrale di Joe Penhall. altri crediti di Michell includono regie per Notting Hill, Ipotesi di reato, Il buongiorno del mattino e A Royal Weekend.

Fox Searchlight Pictures ha fissato una data di uscita del film al 9 giugno 2017.

 

my-cousin-rachel-trailer-e-poster-del-thriller-con-rachel-weisz.jpg

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Rachel: trailer italiano e nuovo poster é stato pubblicato su Cineblog.it alle 08:49 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Farmaci e anziani, il numero verde per informarsi Fri, 23 Jun 2017 13:27:35 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/570381/farmaci-e-anziani-il-numero-verde-per-informarsi http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/570381/farmaci-e-anziani-il-numero-verde-per-informarsi Patrizia Chimera Patrizia Chimera

Secondo studio

Gli over 75 che seguono più di una terapia sono circa 150mila e rappresentano il 15% dei pazienti anziani. Le malattie per le quali sono curate spesso sono diabete, ipertensione e iperlipidimia e spesso a causa dei farmaci doppioni che contengono lo stesso principio attivo sono a rischio di sovradosaggio, fenomeno che causa un ricovero su 10.

La SICGE (la Società Italiana di Cardiologia Geriatrica) ha così deciso di promuovere un Numero Verde, l'800894140, attivo a partire dal prossimo primo luglio, per dare informazioni e assistenza su farmaci e terapie, lanciando una partnership con FederAnziani la SICGe Community, un servizio di informazione e supporto per cittadini e classe medica.

Alessandro Boccanelli, Presidente SICGe, spiega:

La duplicazione terapeutica, con casi frequenti di assunzione di farmaci della stessa classe, nasce da problemi di comunicazione tra medico e paziente e tra più medici che seguono lo stesso paziente.

Il numero verde nasce proprio per aiutare le persone più anziane a evitare il sovradosaggio di farmaci.

Via | Ansa

PROSEGUI LA LETTURA

Farmaci e anziani, il numero verde per informarsi é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 15:27 di Friday 23 June 2017

]]>
0
Carenza di rame: i sintomi da riconoscere Fri, 23 Jun 2017 13:24:41 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569817/carenza-di-rame-i-sintomi-da-riconoscere http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569817/carenza-di-rame-i-sintomi-da-riconoscere Andrea Butkovič Andrea Butkovič

Il cioccolato fondente è un'ottima fonte di rame.

Il rame è un minerale essenziale per il nostro organismo e per la nostra salute. Il rame si trova in molti alimenti come il cacao, le ostriche, i legumi e il fegato. Si tratta di un minerale indispensabile per molte reazioni enzimatiche, per l'assorbimento del ferro, per il tessuto connettivo e per la produzione di energia. Il rame deve quindi sempre essere presente e integrato attraverso l'alimentazione.

I sintomi della carenza di rame sono:


  • Mancata produzione di melanina della pelle

  • Capelli bianchi precoci

  • Scarso funzionamento della tiroide

  • Anemia microcitica ipocromica

  • Scarsa produzione di elastina e collagene

  • Scarso assorbimento del calcio

  • Infezioni batteriche

  • Artrite

  • Disturbi neurologici come sclerosi multipla e Parkinson

  • Osteoporosi

  • Fragilità delle vene


Il rame non si trova soltanto in prodotti di derivazione animale: le principali fonti vegetali di rame sono la frutta secca come mandorle e noci, nocciole, semi di girasole, germe di grano, mais e soia.

PROSEGUI LA LETTURA

Carenza di rame: i sintomi da riconoscere é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 15:24 di Friday 23 June 2017

]]>
0